< Torna all’indice di ricerca

Risultati della ricerca per: “Asilo/Protezione umanitaria”

Sono state trovate 1030 decisioni - pagina Pagina 2 di 103

1/7/2022 - Italiana - Amministrativo - TAR
Non è contraddittorio – ma è anzi coerente con la disciplina settoriale – il diniego di emersione (art. 103 del d.l. 34/2020) fondato su una segnalazione di inammissibilità nel territorio Schengen a carico dello straniero condannato per il reato di possesso di documenti falsi in un altro Stato membro la quale non è stata ritenuta ostativa, né altrimenti considerata, nell’ambito del procedimento per il riconoscimento della protezione internazionale. Infatti, in tale ultima procedura, i reati commessi dal richiedente al di fuori del territorio italiano rilevano solo nelle ipotesi di g...
TAR Friuli Venezia Giulia, 1 luglio 2022, n. 306

30/6/2022 - Europea - Diritto dell'Unione europea - Corte di giustizia dell’Unione europea
Il diritto dell’Unione europea osta alla normativa di uno Stato membro [nella fattispecie il diritto lituano] che – in caso di dichiarazione dello stato di guerra o dello stato di emergenza o in caso di proclamazione di una situazione di emergenza a causa di un afflusso massiccio di stranieri – priva i cittadini di paesi terzi irregolarmente soggiornanti sul proprio territorio di avere accesso alla procedura per l’esame di una domanda di protezione internazionale e, nelle stesse situazioni, consente il trattenimento del richiedente asilo per il solo motivo di trovarsi in condizioni di...
Corte di giustizia dell’Unione europea, 30 giugno 2022, causa C-72/22 PPU,Valstybėssienosapsaugostarnyba

28/6/2022 - Italiana - Civile - Cassazione
Va cassata con rinvio la decisione che conferma la legittimità dell’espulsione dello straniero padre di un figlio nato in Italia senza confrontarsi con la natura ed effettività dei suoi vincoli familiari sul territorio nazionale, la durata del soggiorno e l’esistenza di legami con il Paese di origine, atteso che l’art. 13, co. 2 bis, TUI si applica, con valutazione caso per caso, anche allo straniero che non si trova nella posizione formale di richiedente il ricongiungimento familiare.Inoltre, nel valutare le ragioni ostative al rimpatrio, non è decisivo che lo straniero destinatario ...
Corte di cassazione, sez. I civile, 28 giugno 2022, n. 20651

28/6/2022 - Italiana - Civile - Cassazione
1. Nel caso di uno straniero trattenuto in vista della sua espulsione dopo che una prima domanda di protezione era stata già rigettata dalla Commissione territoriale a causa della sua irreperibilità, l’omessa informazione all’interessato della possibilità di reiterare la domanda di protezione non dà luogo a profili d’illegittimità, atteso che il diritto all'informativa, a pena di nullità dei successivi decreti di respingimento e trattenimento, riguarda la diversa ipotesi in cui il cittadino straniero si trovi al valico di frontiera in ingresso nel territorio nazionale e vi sia indi...
Corte di cassazione, sez. I civile, 28 giugno 2022, n. 20656

21/6/2022 - Europea - Diritti fondamentali - Corte europea dei diritti dell'uomo
La Turchia ha violato l’art. 3 CEDU allontanando verso il paese di origine, senza prima escludere il rischio per l’interessato di subire tortura o trattamenti inumani o degradanti, un beneficiario di una forma di protezione temporanea che, privo dell’assistenza di un legale e di un interprete, aveva sottoscritto un modulo di adesione al rimpatrio volontario. In tali circostanze, non può infatti ritenersi che egli abbia rinunciato in modo inequivocabile e consapevolmente alla protezione contro il refoulement garantito dalla Convenzione.Corte europea dei diritti dell’uomo, 21 giugno 202...
Corte europea dei diritti dell’uomo, 21 giugno 2022, ric. n. 1557/19, Akkad c. Turchia

9/6/2022 - Italiana - Civile - Cassazione
In considerazione della attuale situazione nel Paese di origine è riconosciuta la protezione internazionale, in diverse forme, a due coniugi ucraini giunti in Italia nel 2015 e cassata la precedente decisione negativa fondata sull’assenza, al tempo, dei presupposti per la protezione internazionale e umanitaria. In particolare, la gravità e la dimensione del conflitto esistente oggi in Ucraina giustificano il riconoscimento del rifugio nei confronti del marito, obiettore di coscienza, e della protezione sussidiaria per la moglie.Corte di cassazione, sez. lavoro civile, 9 giugno 2022, n. 186...
Corte di cassazione, sez. lavoro civile, 9 giugno 2022, n. 18626

30/5/2022 - Italiana - Civile - Merito
La certificazione medica da cui risulta che la richiedente protezione è stata sottoposta a mutilazione genitale femminile nel Paese di origine rende superfluo l’approfondimento istruttorio circa la credibilità della stessa, considerati gli enormi danni fisici e morali derivanti da tale pratica, che costituisce un atto persecutorio gravemente lesivo dell’integrità fisica e della salute. Tali elementi sono sufficienti per il riconoscimento dello status di rifugiata in ragione dell’appartenenza della richiedente a un particolare gruppo sociale e della persecuzione continua subita.Tribuna...
Tribunale di Salerno, sez. specializzata in materia di immigrazione, protezione internazionale e libera circolazione dei cittadini dell’Unione europea, 30 maggio 2022, n. 1541

26/5/2022 - Italiana - Amministrativo - TAR
Il richiedente protezione che non si trasferisce nella struttura individuata dalla Prefettura perde il diritto all’accoglienza (art. 23, co. 1, lett. a), d.lgs. n. 142/2015), essendo tale diritto garantito a condizione che lo straniero accetti le misure secondo le modalità individuate dall’organo competente (art. 15, d.lgs. n. 142/2015), cosicché deve escludersi che la mera pendenza del procedimento di protezione internazionale attribuisca al richiedente asilo il potere di scegliere la struttura ove alloggiare. In tali circostanze, la revoca non costituisce una misura sproporzionata, att...
TAR Molise, sez. I, 26 maggio 2022, n. 197

18/5/2022 - Italiana - Civile - Cassazione
È cassato con rinvio per violazione di legge il decreto che, facendo applicazione dei criteri di cui al d.l. n. 113/2018, nega la protezione speciale non tenendo conto delle modifiche introdotte dal. d.l. 130/2020 entrate in vigore (e dunque conoscibili) dopo la deliberazione del decreto controverso ma prima della sua pubblicazione. Le attività processuali ricadenti nella fase che intercorre tra la deliberazione e la sua ostensione alle parti, infatti, deve considerarsi di rilievo meramente interno, cosicché il giudice avrebbe dovuto fare applicazione della modifica normativa intervenuta ne...
Corte di cassazione, sez. VI civile 18 maggio 2022, n. 16038

18/5/2022 - Italiana - Civile - Merito
È riconosciuta la protezione speciale al giovane straniero che ha intrapreso un buon percorso d’integrazione in Italia e che, in caso di rimpatrio, rischia una lesione del proprio diritto alla vita privata alla luce della condizione giovanile esistente nel proprio Paese di origine [Gambia], che si caratterizza per il basso grado di scolarizzazione e di formazione professionale e per il facile avvio al lavoro sessuale, spesso legato alla speranza di trovare un futuro in Europa.Tribunale di Napoli, sez. XIII, 18 maggio 2022, n. 4567(n. 411) DECRETO nella causa civile iscritta al n. R.G. 36142...
Tribunale di Napoli, sez. XIII, 18 maggio 2022, n. 4567