< Torna all’indice di ricerca

Risultati della ricerca per: “Famiglia e minori”

Sono state trovate 1007 decisioni - pagina Pagina 8 di 101

2/8/2021 - Italiana - Amministrativo - Consiglio di Stato
L’istituto della messa alla prova del minore implica la prognosi giudiziaria sulla capacità dello stesso di avviare un processo di cambiamento in positivo della propria personalità che trova conferma nella successiva declaratoria di estinzione del reato. Nel caso di uno straniero deferito al giudice penale minorile per porto di strumenti atti a offendere, va annullato il diniego di conversione del titolo di soggiorno per minore età a permesso per attesa occupazione adottato senza tener conto dell’esito positivo della prova con conseguente estinzione del reato e del fatto che questo è s...
Consiglio di Stato, sez. III, 2 agosto 2021, n. 5647

2/8/2021 - Europea - Diritto dell'Unione europea - Corte di Giustizia dell'Unione Europea
In materia di sottrazione internazionale di minori, non costituisce un comportamento illecito agli effetti dell’art. 2, punto 11, reg. Bruxelles II bis – e ciò senza che sia necessario verificare se il trasferimento del minore sia avvenuto in violazione del diritto di affidamento effettivamente esercitato – il fatto che il genitore titolare del diritto di affidamento si trasferisca in uno Stato membro diverso da quello di residenza abituale del figlio al fine di ottemperare a una decisione esecutiva di trasferimento (rivolta ad entrambi) verso lo Stato membro competente all’esame del...
Corte di giustizia dell’Unione europea, 2 agosto 2021, causa C-262/21, A

9/7/2021 - Europea - Diritti fondamentali - Corte europea dei diritti dell'uomo
Imponendo al beneficiario di una forma nazionale di protezione di carattere temporaneo un periodo di attesa di tre anni per inoltrare la domanda di ricongiungimento con la propria moglie, la Danimarca ha violato l’art. 8 CEDU. Infatti, anche se gli Stati hanno un ampio margine nel prevedere requisiti di carattere “temporale” , la discrezionalità non è però illimitata e, nell’ottica di proporzionalità della misura nonché di applicazione concreta ed effettiva delle prescrizioni della Convenzione, quando il periodo di attesa del ricongiungimento familiare supera i due anni, il prolun...
Corte europea dei diritti dell’uomo, GC, 9 luglio 2021, ric. n. 6697/18, M.A. c. Danimarca

8/7/2021 - Italiana - Amministrativo - CGA Regione siciliana
Dagli artt. 17, co. 1, e 23, co. 1 e 2, d.lgs. n. 142/2015 si evince che la revoca delle misure di accoglienza può essere disposta anche quando incide sulla posizione di soggetti vulnerabili, in particolare minori d’età, purché la loro situazione sia tenuta in considerazione nell’ambito di un giudizio di bilanciamento. A tale ultimo riguardo, non si può ritenere che il decreto che dispone la revoca delle misure di accoglienza nei confronti di richiedenti protezione genitori di un minore nato in Italia e responsabili di gravi condotte (art. 23, lett. e), d.lgs. cit.) non abbia tenuto co...
Consiglio di giustizia amministrativa per la Regione siciliana, 8 luglio 2021, n. 655

1/7/2021 - Italiana - Penale - Cassazione
In tema di mandato di arresto europeo, non viola il principio del ne bis in idem la pronuncia che, successivamente all’abrogazione (d.lgs. n.10/2021) del motivo obbligatorio di rifiuto della consegna di cui all’art. 18, lett. p), l. n. 69/2005, dà esecuzione a un MAE già rifiutato prima della modifica normativa in quanto riguardante una madre di un minore di età inferiore ai tre anni. Tuttavia, la richiamata abrogazione non vale di per sé a ritenere consentita la consegna di una madre di prole di età inferiore a tre anni, atteso che l’esecuzione di un MAE deve avvenire nel rispet...
Corte di cassazione, sez. VI penale, 1 luglio 2021, n. 25333

4/6/2021 - Italiana - Civile - Cassazione
In assenza di precedenti specifici in materia, è rimessa alle Sezioni unite la questione relativa all’individuazione della giurisdizione nei procedimenti relativi all’accertamento dello stato di abbandono e alla dichiarazione di adottabilità del minore straniero residente in Italia con genitori stranieri, anche con riferimento all’applicazione del criterio della residenza abituale del minore.Corte di cassazione, sez. I civile, 4 giugno 2021, n. 15693(n. 387) FATTI DI CAUSA E RAGIONI DELLA DECISIONE La Corte d'Appello sezioni minori di Roma ha confermato la pronuncia del Trib. per i min...
Corte di cassazione, sez. I civile, 4 giugno 2021, n. 15693

3/6/2021 - Italiana - Penale - Cassazione
La concessione del permesso di soggiorno successiva all’ordine di espulsione ma fondata su circostanze preesistenti equivale a un disconoscimento delle condizioni vincolanti per l’adozione del provvedimento espulsivo che priva di valenza offensiva l’inosservanza dello stesso ordine. Ne segue che non è punibile per essersi trattenuta sul territorio nazionale in violazione dell’ordine di espulsione (art. 14, co. 5-ter, TUI) la straniera che, successivamente a tale provvedimento, è stata autorizzata a permanere in Italia per due anni nell’interesse della figlia minore.[Nella fattispec...
Corte di cassazione, sez. I penale, 3 giugno 2021, n. 21851

25/5/2021 - Italiana - Amministrativo - Consiglio di Stato
È annullato il provvedimento che dichiara irricevibile l’istanza di conversione del permesso per motivi familiari (art. 29, co. 6 e art. 31, co. 3 TUI) in permesso per motivi di studio nel caso di uno straniero giunto in Italia in ragione delle gravi condizioni di salute di un componente del nucleo familiare. Da un lato, infatti, non vi è nessuna indicazione che induca a ritenere che, il combinato disposto dell’art. 31 co. 1 e 32 co. 1, si riferisca alla condizione del figlio dello straniero titolare di “ordinario” permesso di soggiorno. Dall’altro è necessario interpretare le nor...
Consiglio di Stato, sez. III, 25 maggio 2021, n. 4051

19/5/2021 - Italiana - Amministrativo - Consiglio di Stato
Il presupposto per l’espulsione di cui all’art. 3, co. 1, d.l. n. 144/2005 è costituito dalla sussistenza di fondati motivi per ritenere che la presenza dello straniero nel territorio dello Stato possa agevolare organizzazioni o attività terroristiche ovvero mettere comunque in pericolo, anche con azioni di proselitismo, la sicurezza della Repubblica. Si tratta di un provvedimento, assimilabile alle misure di sicurezza, che ha finalità di prevenzione, con la conseguenza che la legittimità dell’espulsione dello straniero ritenuto vicino all’estremismo islamico non richiede né l’a...
Consiglio di Stato, sez. III, 19 maggio 2021, n. 3886

17/5/2021 - Italiana - Internazionale privato - Cassazione
In materia di sottrazione internazionale di minori, l’accertamento della residenza abituale del minore prima del trasferimento deve essere svolto in modo rigoroso e nel rispetto dei parametri normativi, in quanto costituisce il requisito indefettibile dell’applicazione del sistema di protezione del minore previsto dalla Convenzione dell’Aja. Viola l’art. 3 della Convenzione la decisione che esclude che al minore possa attribuirsi una residenza abituale (e conseguentemente anche la configurabilità dell’ipotesi di sottrazione) soltanto perché vi è stata una mobilità interna del min...
Corte di cassazione, sez. I civile, 17 maggio 2021, n. 13214