< Torna all’indice di ricerca

Risultati della ricerca per: “Famiglia e minori”

Sono state trovate 1007 decisioni - pagina Pagina 5 di 101

3/2/2022 - Italiana - Amministrativo - TAR
Nel caso di uno straniero che, giunto in Italia da maggiorenne e affetto da invalidità totale per raggiungere la madre, a seguito del miglioramento delle proprie condizioni di salute, trovi un’occupazione e chieda la conversione del titolo in permesso per motivi di lavoro, è contraddittoria – e pertanto illegittima – la motivazione del provvedimento con cui la PA nega la conversione del titolo e, contemporaneamente, non concede il rinnovo del permesso originario per motivi di famiglia. Ai fini del ricongiungimento dei figli maggiorenni a carico, l’art. 29, co. 1, lett. c), TUI, richi...
TAR Puglia, sede di Lecce, sez. III, 3 febbraio 2022, n. 200

2/2/2022 - Italiana - Internazionale privato - Cassazione
Affinché possa configurarsi l’illecita sottrazione del minore sono condizioni oggettive necessarie: (a) l'allontanamento del minore dalla residenza abituale senza il consenso dell'altro genitore al trasferimento o al mancato rientro; e (b) la titolarità ed esercizio effettivo del diritto di custodia (o affidamento) da parte del richiedente il rimpatrio al momento del trasferimento o del mancato rientro, non rilevando le cause del mancato esercizio e non essendo sufficiente una valutazione astratta fondata sulla base del regime legale di esercizio della responsabilità genitoriale. Qualora ...
Corte di cassazione, sez. I civile, 2 febbraio 2022, n. 285

22/1/2022 - Italiana - Internazionale privato - Cassazione
Sono rimesse al Primo Presidente, perché si pronuncino le Sezioni unite, diverse questioni in materia di riconoscimento dell’atto di nascita estero relativo a un minore nato mediante ricorso alla gestazione per altri, da parte del genitore non biologico, in una coppia omogenitoriale maschile. È in particolare necessario chiarire se, per effetto dell’intervento della Corte costituzionale che ha sancito l’inidoneità dell’istituto dell’adozione particolare (art. 44, lett. d), l. n. 184/1983) a garantire adeguatamente i diritti e l’interesse preminente del minore in tali situazioni...
Corte di cassazione, sez. I civile, 22 gennaio 2022, n. 1842

20/1/2022 - Italiana - Internazionale privato - Cassazione
È annullata con rinvio agli effetti civili la decisione che assolve l’imputata dal reato di uso di atto falso senza svolgere approfondimenti istruttori (anche mediante rogatoria internazionale) in ordine all’effettiva esistenza di una pronuncia straniera di scioglimento del precedente matrimonio di cui si assume la falsità, specie a fronte di elementi in tal senso allegati dalla parte civile. L’indagine dovrà acclarare, in particolare, l’effettivo espletamento presso l’Autorità giudiziaria straniera del rituale iter giudiziale che, secondo la legislazione processuale e sostanzial...
Corte di cassazione, sez. V penale, 20 gennaio 2022, n. 2426

13/1/2022 - Italiana - Costituzionale - Corte costituzionale
Non sono fondate le questioni di legittimità costituzionale dell’art. 670 c.p.p. sollevate in riferimento agli artt. 3, 10, 13, 25, co. 1, e 117, co. 1, Cost., quest’ultimo in relazione all’art. 5, par. 1, lettera a), e par. 4, della CEDU. La violazione della competenza funzionale del Tribunale per i minorenni non consente al giudice dell’esecuzione di dichiarare nulla la sentenza definitiva di condanna nei confronti del soggetto ritenuto erroneamente maggiorenne all’epoca dei fatti atteso che nessun rimedio è attualmente approntato dall’ordinamento, né può discendere da una pr...
Corte costituzionale, 13 gennaio 2022, n. 2

5/1/2022 - Italiana - Internazionale privato - Cassazione
Vanno rinviate alle Sezioni Unite le seguenti questioni riguardanti l’interpretazione del criterio della “residenza abituale” del minore di cui all’art. 5 della Convenzione dell’Aja del 1996: a) se l’accertamento in ordine alla “residenza abituale” da parte del giudice di uno Stato contraente preventivamente adito per pronunciarsi sull'affido del minore, osti a che il giudice di altro Stato contraente, successivamente adito dalle parti, possa esercitare la propria giurisdizione, collocando nel territorio nazionale di detto Stato la residenza abituale del minore in base a divers...
Corte di cassazione, sez. I civile, 5 gennaio 2022, n. 161

22/12/2021 - Italiana - Amministrativo - TAR
È legittimo il provvedimento con il quale la PA, verificando la sussistenza di ragioni ostative in applicazione della disciplina del TUI, nega il rinnovo del permesso per motivi di lavoro all’istante, coniuge di un cittadino italiano deceduto, per ragioni legate a una risalente condanna per reato ostativo. Dalla lettura degli artt. 11, d.lgs. n. 30/2007 e 30, co. 5, TUI, si evince infatti che va rigettata la tesi per cui, ai fini della conservazione del titolo di soggiorno anche dopo il decesso del coniuge cittadino italiano o dell’Unione europea, sarebbe sufficiente la sussistenza di una...
TAR Lombardia, sez. I, 22 dicembre 2021, n. 2887

14/12/2021 - Europea - Diritto dell'Unione europea - Corte di giustizia dell’Unione europea
Lo Stato membro di cittadinanza di un minore cittadino dell’Unione il cui atto di nascita rilasciato dallo Stato ospitante designa quali genitori due persone dello stesso sesso è tenuto a rilasciare a tale minore una carta d’identità o un passaporto senza esigere che sia previamente emesso un atto di nascita da parte delle proprie autorità nazionali. Inoltre, lo Stato di cui il minore è cittadino e tutti gli altri Stati membri sono tenuti a riconoscere il documento emesso dallo Stato ospitante che consenta al minore di circolare e soggiornare liberamente nel territorio degli Stati memb...
Corte di giustizia dell’Unione europea (GC), 14 dicembre 2021, causa C-490/20, Stolichna obshtina, rayon “Pancharevo”

10/12/2021 - Europea - Diritti fondamentali - Corte europea dei diritti dell'uomo
Benché gli Stati non siano obbligati a collocare un minore presso una famiglia affidataria o adottiva con le stesse radici etnico-culturali e religiose di quella naturale, l’art. 8 della CEDU letto alla luce dell’articolo 9, esige che le istanze legate al mantenimento di tali radici ricevano adeguata considerazione nel bilanciamento con gli altri interessi coinvolti nelle decisioni di affidamento o adozione. È pertanto violato il diritto al rispetto della vita privata e familiare della madre naturale per effetto dell’interruzione dei rapporti con il figlio nell’ambito del procediment...
Corte europea dei diritti dell’uomo (GC), 10 dicembre 2021, ric. n. 15379/16, Abdi Ibrahim c. Norvegia

6/12/2021 - Italiana - Civile - Merito
Pur in assenza del certificato di nascita, la PA non può esigere che la richiedente protezione internazionale si rivolga all'Ambasciata per ottenere i certificati di nascita o imporle di esperire costosi esami del DNA a proprie spese ai fini dell’inoltro della domanda di protezione anche nell’interesse dei figli minori. La richiesta è infatti del tutto sproporzionata, tenuto conto dei diritti della madre in qualità di richiedente asilo, del diritto dei minori a proporre la domanda di protezione internazionale a mezzo dei propri genitori (art. 6, co. 2, d.lgs. n. 25/08 e art. 7 dir. 2013...
Tribunale di Roma, sez., 6 dicembre 2021, r.g. n. 60165