< Torna all’indice di ricerca

Risultati della ricerca per: “Famiglia e minori”

Sono state trovate 1083 decisioni - pagina Pagina 5 di 109

12/7/2023 - Italiana - Amministrativo - TAR
Il minore straniero non può vantare alcun titolo di soggiorno dall’affidamento in prova alla comunità a seguito della commissione di un reato, a prescindere dalla circostanza che la prova si sia conclusa positivamente, atteso che la possibilità di rilasciare un permesso di soggiorno ex art. 32 TUI fa riferimento ai minori che sono stati affidati ai sensi dell’art. 2, legge n. 184/1983, ma non con riferimento all’ipotesi di cui all’art. 25 del regio decreto-legge n. 1404/1934. Ne consegue che, in tali circostanze, non vi sono profili d’illegittimità nel diniego non preceduto dal p...
TAR Lombardia, sezione staccata di Brescia, sez. II, 12 luglio 2023, n. 584

6/7/2023 - Europea - Internazionale privato - Corte di giustizia dell’Unione europea
L’articolo 3, par. 1, lett. a), sesto trattino, del regolamento Bruxelles II bis va inteso nel senso che subordina la competenza dell’autorità giurisdizionale di uno Stato membro a conoscere di una domanda di scioglimento del vincolo matrimoniale alla circostanza che l’attore, cittadino di tale Stato membro, fornisca la prova di aver acquisito la residenza abituale in detto Stato membro almeno da sei mesi immediatamente precedenti alla presentazione della sua domanda.[La fattispecie all’origine del rinvio pregiudiziale riguarda una controversia relativa a una domanda di scioglimento d...
Corte di giustizia dell’Unione europea, sentenza 6 luglio 2023, causa C-462/22, BM (Résidence du demandeur de divorce)

22/6/2023 - Europea - Diritto dell'Unione europea - Corte di giustizia dell’Unione europea
La circostanza che un cittadino europeo minorenne sin dalla nascita vive al di fuori del territorio dello Stato membro di cittadinanza e non ha mai soggiornato nel territorio dell’Unione non esclude che il suo genitore, cittadino di un paese terzo, dal quale egli è dipendente possa godere di un diritto di soggiorno derivato fondato sull’art. 20 TFUE, purché sia accertato che il figlio entrerà e soggiornerà nel territorio dello Stato membro di cui possiede la cittadinanza in compagnia del suddetto genitore. Lo Stato membro, investito della domanda di diritto di soggiorno derivato presen...
Corte di giustizia dell’Unione europea, 22 giugno 2023, causa C-459/20, Staatssecretaris van Justitie en Veiligheid (Mère thaïlandaise d’un enfant mineur néerlandais)

22/6/2023 - Europea - Diritti fondamentali - Corte europea dei diritti dell'uomo
Sono dichiarati irricevibili i ricorsi di alcune coppie omogenitoriali avverso il rifiuto delle autorità italiane di trascrivere in Italia gli atti di nascita di minori nati all’estero attraverso la procreazione medicalmente assistita. In considerazione, in particolare, della giurisprudenza di legittimità e costituzionale relativa alla c.d. adozione in casi speciali, si ritiene che lo stato attuale dell’ordinamento non impedisca in maniera generale e assoluta il riconoscimento del legame genitoriale nei casi in questione, cosicché la scelta dell’Italia di non trascrivere gli atti di n...
Corte europea dei diritti dell’uomo, 22 giugno 2023, ric. n. 47998/20 e n. 23142/21, Nuti e Dallabora e a. c. Italia

20/6/2023 - Italiana - Internazionale privato - Cassazione
È efficacie in Italia la nomina a tutore di una minore ucraina in fuga dalla guerra operata dal console generale dell’Ucraina in Italia, il quale non si è limitato ad attestare la piena regolarità della documentazione amministrativa prodotta, ma ha altresì esercitato, conformemente alle disposizioni consolari e alla Convenzione di Vienna del 19 ottobre 1996, il potere diretto di nomina della persona indicata a tutore di un gruppo di minori ucraini temporaneamente trasferiti in Italia [tra i quali la minore interessata], attraverso l’intervento di una macchina organizzativa che ha visto...
Corte di cassazione, sez. I civile, 20 giugno 2023, n. 17603

16/6/2023 - Italiana - Civile - Merito
In materia di ricongiungimento familiare, quando il minore dispone di documenti identificativi, l’accertamento dell’età non può essere disposto in assenza di dubbi fondati (e, pertanto, anche motivati) in ordine alla loro attendibilità. È dunque accolto il ricorso del padre avverso il diniego di ricongiungimento con il proprio figlio opposto in ragione dell’esito dell’esame auxologico disposto dall’Ambasciata, che ne determinava la maggiore età, pur essendo stati regolarmente presentati documenti d’identità e certificato di nascita che ne attestavano la minore età. Oltre a n...
Tribunale di Roma, sez. diritti della persona e immigrazione civile, 16 giugno 2023

12/6/2023 - Italiana - Amministrativo - TAR
In tema di conversione del titolo di soggiorno per minore età in permesso per motivi di lavoro, le ipotesi in cui il Comitato per i minori stranieri ha riscontrato la richiesta di parere sancendo sostanzialmente di non essere in grado, per le peculiarità della vicenda trattata, di dare una risposta positiva o negativa, vanno equiparate a quelle in cui spetta alla Questura adottare le determinazioni ritenute più opportune, non potendo il mancato rilascio del parere richiesto, di per sé solo, legittimare il rifiuto di conversione del permesso di soggiorno.[Nella fattispecie è accolto il ric...
TAR Emilia Romagna, sez. I, 12 giugno 2023, n. 364

8/6/2023 - Italiana - Amministrativo - TAR
È legittima la revoca del permesso per soggiornanti di lungo periodo disposta nei confronti di uno straniero condannato per un grave reato contro la sanità e la sicurezza pubblica benché lo stesso sia giunto in Italia da bambino e abbia contratto matrimonio, dopo l’adozione del provvedimento controverso, con una cittadina italiana. Trattandosi di condanna c.d. “automaticamente ostativa”, la revoca si configura quale atto vincolato, non potendo qui inoltre imporsi una valutazione “in concreto” in virtù del legame familiare con la cittadina italiana, il quale è sorto solo successi...
TAR Sicilia, sez. III, 8 giugno 2023, n. 1894

23/5/2023 - Italiana - Civile - Merito
È accolto il ricorso dello straniero giunto in Italia all’età di tre anni avverso il diniego del permesso per soggiornanti di lungo periodo per motivi familiari e del contestuale invito a lasciare il territorio nazionale disposti dall’Amministrazione a seguito della condanna dell’interessato, con pena sospesa, per un reato in materia di stupefacenti. Come evidenzia la giurisprudenza nazionale e sovranazionale elemento primario nella valutazione della nozione di vita privata e familiare dello straniero, è senz’altro la durata della permanenza sul territorio dello Stato ospitante. Nel...
Tribunale ordinario di Roma, sezione diritti della persona e immigrazione civile, 23 maggio 2023, RG NR 37976/2021

22/5/2023 - Italiana - Amministrativo - TAR
È rigettato il ricorso per l’ottemperanza del giudicato civile con cui è stato disposto il rilascio, in favore dello straniero, della carta di soggiorno per coesione familiare con il coniuge cittadino italiano in un caso in cui, essendo emersi elementi di pericolosità sociale a carico dell’interessato, la PA ha rilasciato, anziché il predetto titolo, il diverso permesso biennale per motivi familiari. Deve infatti ritenersi che la concessione del permesso biennale, in luogo della carta di soggiorno quinquennale, non rappresenta un atto violativo o elusivo del giudicato, non potendo l’...
TAR Lazio, sez. I ter, 22 maggio 2023, n. 8734