< Torna all’indice di ricerca

Risultati della ricerca per: “Permesso di soggiorno”

Sono state trovate 1706 decisioni - pagina Pagina 2 di 171

5/8/2022 - Italiana - Amministrativo - Consiglio di Stato
La comunicazione di avvio del procedimento amministrativo di trasferimento di residenza dall’estero in Italia, avente data certa di registrazione, è titolo idoneo ex art. 6 TUI per procedere al rilascio o al rinnovo del permesso di soggiorno per lavoro subordinato, rappresentando un quid pluris rispetto al requisito del “domicilio”, che lo stesso legislatore ha ritenuto sufficiente a integrare il requisito della certezza. Consiglio di Stato, sez. III, 5 agosto 2022, n. 6962(n. 417) Il Consiglio di Statoin sede giurisdizionale (Sezione Terza) ha pronunciato la presente SENTENZA sul ricor...
Consiglio di Stato, sez. III, 5 agosto 2022, n. 6962

4/8/2022 - Italiana - Amministrativo - Consiglio di Stato
Il principio di buona fede, il cui nucleo precettivo è costituito dai doveri di correttezza e lealtà, è un concetto giuridico generale che si riempie di contenuto a seconda della fattispecie in rilievo e in grado di permeare ogni ambito del diritto, inclusi i rapporti tra privato e PA (come espressamente previsto dall’art. 12, d.l. n.76/2020, che ha introdotto il co. 2 bis dell’art. 1, legge n. 241/1990). I doveri di correttezza e di collaborazione si colorano di maggiore incisività se si considera la delicatezza dell’istanza di rinnovo del titolo di soggiorno, in relazione alla qual...
Consiglio di Stato, sez. III, 4 agosto 2022, n. 6881

25/7/2022 - Italiana - Amministrativo - Consiglio di Stato
La PA deve rivalutare la posizione giuridica dello straniero che, nelle more del ricorso avverso il diniego di rinnovo del permesso di soggiorno per lavoro, ha ottenuto la cancellazione della segnalazione Schengen a proprio carico, posta a esclusivo fondamento del diniego controverso. Ferma la legittimità del provvedimento negativo, trattandosi di elemento sopravvenuto, la comprovata cancellazione della segnalazione è tale da modificare la situazione giuridica dell’appellante e potrebbe, nel rispetto della normativa vigente e in concorrenza degli ulteriori indefettibili presupposti, condur...
Consiglio di Stato, sez. III, 25 luglio 2022, n. 6507

22/7/2022 - Italiana - Civile - Merito
L'Ufficiale di anagrafe deve procedere all'iscrizione nel registro della popolazione residente del partner extra-UE del cittadino dell'Unione qualora venga contestualmente presentata dichiarazione anagrafica di costituzione di una nuova convivenza con un cittadino dell'UE e venga trasmesso il contratto di convivenza. Infatti, la stabilità della relazione può essere provata con ogni mezzo idoneo e tra le possibili “documentazioni ufficiali” che l’attestano rientra anche il contratto di convivenza. Peraltro, l’iscrizione non può essere subordinata alla titolarità di un permesso di so...
Tribunale di Genova, sez. XI, 22 luglio 2022, n. 874

19/7/2022 - Italiana - Amministrativo - TAR
Le valutazioni sulla pericolosità sociale del cittadino straniero, ancorché fondate, non possono impedirgli l’accesso in Italia per difendersi nell’ambito del processo penale che lo vede imputato, pur imponendo una vigilanza rafforzata in ordine al rispetto del fattore temporale (“tempo strettamente necessario per l'esercizio del diritto di difesa”) e dell’elemento finalistico (“al solo fine di partecipare al giudizio o al compimento di atti per i quali è necessaria la sua presenza”) previsti dall’art. 17 TUI. Deve quindi essere autorizzato a rientrare in Italia, adottando l...
TAR Lombardia, sez. III, 19 luglio 2022, n. 1736

18/7/2022 - Italiana - Amministrativo - TAR
Ai fini della conversione del titolo di soggiorno per lavoro stagionale in permesso per lavoro subordinato non osta all’accoglimento della domanda il fatto che lo straniero ha svolto, in concomitanza per un periodo di tempo determinato [nella fattispecie, circa un mese], anche un lavoro in un settore non avente il requisito della stagionalità, trattandosi di circostanza aggiuntiva del tutto neutra rispetto all’effettivo svolgimento per oltre tre mesi dell'attività consentita in forza del permesso per lavoro stagionale.TAR Toscana, sez. II, 18 luglio 2022, n. 933(n. 415) Il Tribunale Ammi...
TAR Toscana, sez. II, 18 luglio 2022, n. 933

15/7/2022 - Italiana - Amministrativo - TAR
Spetta al giudice ordinario decidere sul ricorso avverso il diniego del rinnovo del permesso di soggiorno per motivi di lavoro nell’ambito del quale la ricorrente non contesta la valutazione dell’Amministrazione sulla carenza dei requisiti per il rilascio di tale tipologia di permesso, ma fa valere l’illegittimità del comportamento della PA consistente nel non aver provveduto, pur in presenza dei relativi presupposti, a rilasciare un titolo per motivi familiari ai sensi dell’art. 6, co. 1, TUI, risolvendosi la domanda giudiziale nella pretesa di quest’ultimo permesso.TAR Lombardia, ...
TAR Lombardia, sez. III, 15 luglio 2022, n. 1678

11/7/2022 - Italiana - Amministrativo - CGA Regione siciliana
La sopravvenienza di un rapporto di lavoro successivamente all’adozione e alla notificazione del provvedimento di rigetto non può costituire un vizio del diniego di permesso di soggiorno reso dalla Questura. Infatti, l’onere della PA di prendere in considerazione i nuovi e sopraggiunti elementi favorevoli allo straniero non può che riguardare quelli in essere al momento in cui è stata esercitata la potestà amministrativa, dovendo riferirsi il giudizio circa la legittimità del provvedimento impugnato al momento dell’adozione dell’atto medesimo, in ossequio al principio tempus regit...
Consiglio di giustizia amministrativa per la Regione Siciliana, 11 luglio 2022, n. 814

7/7/2022 - Italiana - Amministrativo - Consiglio di Stato
In materia di permesso di soggiorno per motivi di studio, qualora l’ingresso sia stato autorizzato per la frequenza di un singolo corso di lingua italiana erogato da un istituto accreditato presso il MIUR (cfr. art. 44 bis, co. 1 e 2, DPR n. 394/99), non può negarsi il rinnovo del titolo per il solo motivo che l’istante, al termine degli studi, si sia iscritta a un nuovo singolo corso in un’altra città italiana del tutto analogo al primo salvo per la collocazione geografica. In tale situazione, non è infatti pertinente la preclusione al rinnovo dell’autorizzazione al soggiorno in ca...
Consiglio di Stato, sez. III, 7 luglio 2022, n. 5646

1/7/2022 - Italiana - Costituzionale - Autorità varie
Sono rimesse alla Corte costituzionale le questioni di legittimità costituzionale dell’art. 4, co. 3, d.lgs. 25 luglio 1998, n. 286, per contrasto con agli artt. 3, 117 primo comma Cost. in riferimento all’art. 8 CEDU, nella parte in cui, richiamando tutti “i reati inerenti gli stupefacenti”, prevede che la fattispecie di cui all’art. 73, comma 5, DPR n. 309 del 1990, sia automaticamente ostativa al rilascio ovvero al rinnovo del titolo di soggiorno, non permettendo il necessario bilanciamento tra la condotta penalmente rilevante e tutte le circostanze che attengono al diritto fonda...
Consiglio di Stato, sez. III, 1 luglio 2022, n. 5492