Indice di recerca: Reati e processo penale - Reati previsti dal testo unico sull'immigrazione

Sono state trovate 498 decisioni - Pagina 8 di 50

31/3/2017 - Italiana - Penale - Cassazione
Integra il reato di cui all’art. 13, comma 13, d.lgs. n. 286 del 1998 la condotta dello straniero extracomunitario il quale, espulso con divieto di rientrare nel territorio dello Stato, senza speciale autorizzazione, per la durata di dieci anni, in base alla legge precedente l’entrata in vigore dell’art. 11 par. 2 della direttiva 2008/115/CE del Parlamento europeo [e dell’art 13, comma 14, d.lgs. n. 286 del 1998, come sostituito da ultimo dall’art. 3, comma 1, lett. c), n. 9), del d.l. 23 giugno 2011, n. 89, convertito, con modificazioni, dalla legge 2 agosto 2011, n. 129], trasgredi...
Corte di cassazione, sez. I, 31 marzo 2017, n. 16412

24/3/2017 - Italiana - Penale - Cassazione
In tema di immigrazione clandestina, sono utilizzabili, in quanto hanno natura testimoniale, le dichiarazioni rese spontaneamente alla P.G. da parte di migranti nei confronti di membri dell’equipaggio che ha effettuato il trasporto illegale, non essendo configurabile nei confronti dei migranti il reato di cui al d.lgs. n. 286 del 1998, art. 10 bis – con conseguente necessità di riscontri alle dichiarazioni rese quali chiamanti in correità o reità – considerato che l’ingresso nel territorio dello Stato è avvenuto nell’ambito di un’attività di soccorso e che non è configurabile...
Corte di cassazione, sez. I, 24 marzo 2017, n. 14694

23/3/2017 - Italiana - Penale - Cassazione
In tema di immigrazione clandestina, per affermare la sussistenza del delitto di cui al d.lgs. n. 286 del 1998, art. 12, comma 3, sono utilizzabili, in quanto hanno natura testimoniale, le dichiarazioni rese spontaneamente alla PG da parte di migranti nei confronti di membri dell’equipaggio che ha effettuato il trasporto illegale, non essendo configurabile nei confronti dei migranti il reato di cui al d.lgs. n. 286 del 1998, art. 10 bis poiché l’ingresso nel territorio dello Stato è avvenuto nell’ambito di un’attività di soccorso e non essendo configurabile il tentativo di ingresso ...
Corte di cassazione, sez. I, 23 marzo 2017, n. 14258

20/3/2017 - Italiana - Penale - Cassazione
In tema di immigrazione clandestina, sono utilizzabili, in quanto hanno natura testimoniale, le dichiarazioni rese spontaneamente alla P.G. da parte di migranti nei confronti di membri dell’equipaggio che ha effettuato il trasporto illegale, non essendo configurabile nei confronti dei migranti il reato di cui al d.lgs. n. 286 del 1998, art. 10 bis – con conseguente necessità di riscontri alle dichiarazioni rese quali chiamanti in correità o reità – considerato che l’ingresso nel territorio dello Stato è avvenuto nell'ambito di un'attività di soccorso e che non è configurabile il ...
Corte di cassazione, sez. IV, 20 marzo 2017, n. 13510

27/2/2017 - Italiana - Penale - Cassazione
In tema di atti diretti a procurare illegalmente l’ingresso di stranieri extracomunitari nel territorio dello Stato o di altro Stato dell’Unione europea (d.lgs. n. 286 del 1998, art. 12, comma 1, comma 3, lett. a), e comma 3 ter, lett. b)) e, in generale, in tema di favoreggiamento della immigrazione clandestina, in considerazione della natura, della entità e della importanza della messa in pericolo degli interessi tutelati dalla norma incriminatrice, la modestia del compenso corrisposto, o promesso, dallo straniero favorito al soggetto attivo del reato, per remunerare la condotta delittu...
Corte di cassazione, sez. I, 27 febbraio 2017, n. 9636

11/1/2017 - Italiana - Penale - Cassazione
In presenza di domanda di protezione internazionale da parte di straniero imputato del reato di ingresso e soggiorno illegale nel territorio dello Stato, la legge (d.lgs. n. 286 del 1998, art. 10-bis, comma 6) prevede la sospensione necessaria del processo relativo all’accertamento del reato previsto dal d.lgs. n. 286 del 1998, art. 10-bis, comma 1, del decreto citato, fino al momento in cui sia acquisita la comunicazione del riconoscimento della protezione internazionale (nel qual caso il giudice pronuncia sentenza di improcedibilità dell’azione penale esercitata per tale reato) ovvero q...
Corte di cassazione, sez. I penale, 11 gennaio 2017, n. 1097

2/1/2017 - Italiana - Penale - Cassazione
Relativamente al reato di cui all’articolo 10-bis, decreto legislativo 25 luglio 1998, n. 286 (che punisce l’ingresso illegale nel territorio dello Stato e l’essersi ivi trattenuti senza il necessario permesso di soggiorno), nel procedimento innanzi al Giudice di pace non si applica la causa di non punibilità della particolare tenuità del fatto di cui all’art. 131-bis cod. pen., prevista esclusivamente per il procedimento davanti al giudice ordinario, trovando invece applicazione la speciale disciplina di cui all’art. 34 d.lgs. 28 agosto 2000, n. 274. Corte di cassazione, sez. I pe...
Corte di cassazione, sez. I penale, 2 gennaio 2017, n. 40

29/12/2016 - Italiana - Penale - Cassazione
Non può esser riconosciuta la riparazione per ingiusta detenzione allo straniero che l’abbia patita per il fatto di avervi dato (o aver concorso a darvi) causa con dolo o colpa grave.(Nel caso di specie, veniva, in particolare, ritenuta gravemente colposa la condotta del prevenuto in sede di interrogatorio di garanzia, laddove questi, invece di negare l’evidenza, ben avrebbe potuto fornire ragionevoli spiegazioni in ordine alla sua presenza sul barcone quale mero passeggero, adducendo la sua estraneità rispetto al reato di trasporto di stranieri finalizzato all’immigrazione clandestina...
Corte di cassazione, Sez. IV, sent., 29 dicembre 2016, n. 55263

16/12/2016 - Italiana - Penale - Cassazione
Il delitto previsto e punito dall’art. 12, commi 3 e 3 ter, lett. b), d.lgs. 25 luglio 1998 n. 286, consistente nel compiere atti diretti a procurare l’ingresso illegale di una persona in altro Stato, ha natura di reato di pericolo o a consumazione anticipata e si perfeziona per il solo fatto di compiere atti diretti a favorire detto ingresso, a prescindere dall’effettività, durata e finalità dell’ingresso medesimo. La norma in esame ricomprende quindi anche le condotte di mero transito con direzione o destinazione finale ignota e comunque tutte quelle attività che, finalisticamente...
Corte di cassazione, sez. I penale, 16 dicembre 2016, n. 53679

16/12/2016 - Italiana - Penale - Cassazione
L’applicazione della misura della custodia cautelare in carcere all’indiziato del delitto di cui agli artt. 110 cod. pen. e 12, commi 3, lett. a) e b), 3-bis e 3-ter lett. b) del d.lgs. n. 286/1998, è corretta in ragione delle modalità e circostanze dei fatti commessi, in sé estremamente gravi, e della significativa personalità criminale dell’indagato, rivelata dalle medesime modalità e circostanze, atteso il disprezzo assoluto per la vita umana, dimostrato con l’organizzazione e la conduzione del trasporto delle vittime con modalità che ne hanno esposto a pericolo l’incolumit...
Corte di cassazione, sez. I penale, 16 dicembre 2016, n. 53692