Indice di recerca: Reati e processo penale - Reati previsti dal testo unico sull'immigrazione

Sono state trovate 502 decisioni - Pagina 6 di 51

8/5/2018 - Italiana - Penale - Cassazione
In tema di immigrazione clandestina, sono utilizzabili, in quanto hanno natura testimoniale, le dichiarazioni rese spontaneamente alla polizia giudiziaria da parte di migranti nei confronti di membri dell’equipaggio che ha effettuato il trasporto illegale, non essendo configurabile nei confronti dei migranti il reato di cui al d.lgs. n. 286 del 1998, art. 10-bis (con conseguente necessità di riscontri alle dichiarazioni rese quali chiamanti in correità o reità) considerato che l’ingresso nel territorio dello Stato è avvenuto nell’ambito di un’attività di soccorso e che non è conf...
Corte di cassazione, sez. I, 8 maggio 2018, n. 20189

7/5/2018 - Italiana - Penale - Cassazione
Il reato di cui al d.lgs. n. 286 del 1998, art. 14, comma 5-ter (inadempimento a decreto di espulsione dal territorio dello Stato emesso dal Prefetto) non è stato depenalizzato per effetto dell’entrata in vigore del d.lgs. n. 8 del 2016, che espressamente esclude dalla depenalizzazione i reati previsti dal d.lgs. n. 286 del 1998 (art. 1, comma 4).Nessuna abrogazione ovvero modificazione di tale norma incriminatrice è contenuta altresì nella più recente legge in materia di immigrazione (d.l. n. 13 del 2017, convertito, con modificazioni, nella legge n. 46 del 2017, recante “Disposizioni...
Corte di cassazione, sez. I, 7 maggio 2018, n. 19790

12/4/2018 - Italiana - Penale - Cassazione
Non risponde dei reati di cui all’art. 81 cpv. cod. pen. - d.lgs. n. 286 del 1998, art. 12, comma 3, lett. a) e d), commi 3 bis e 3 ter (per aver, al fine di trarre profitto, compiuto atti diretti a procurare illegalmente l’ingresso nel territorio dello Stato di dieci cittadini stranieri di nazionalità indiana consegnando a terzi dieci falsi nulla osta al lavoro stagionale e art. 61 c.p., n. 2 - d.lgs. n. 286 del 1998, art. 5, comma 8 bis (perché, al fine di commettere il reato di cui al capo precedente e di determinare il rilascio dei visti di ingresso, contraffaceva dieci null...
Corte di cassazione, sez. I, 12 aprile 2018, n. 16331

10/4/2018 - Italiana - Penale - Cassazione
Qualora l’imbarcazione, a bordo della quale si trovava il gruppo di migranti, sia stata soccorsa in acque internazionali e quindi trasportata, per motivi di soccorso pubblico, sino alla costa italiana, non è integrato il reato di cui all’art. 10 bis d.lgs. n. 286/1998 – considerato che i migranti erano stati legittimamente trasportati sul territorio nazionale –, fattispecie contravvenzionale e quindi non punibile nella forma del tentativo.Ne consegue che, in tal caso, nel procedimento a carico degli organizzatori del trasporto, i migranti devono essere considerati come persone informa...
Corte di cassazione, sez. I, 10 aprile 2018, n. 15849

30/3/2018 - Italiana - Penale - Cassazione
Il diritto di inseguimento e della cosiddetta “presenza costruttiva” consente - in virtù dell’art. 23 della Convenzione di Ginevra sull’alto mare (29 aprile 1958) ratificata con legge 8 dicembre 1961, n. 1658 - alle navi da guerra o adibite alla vigilanza doganale di inseguire una nave straniera, che abbia violato le leggi dello Stato rivierasco, purché l’inseguimento stesso sia iniziato nel mare territoriale o nella zona contigua. Nell’ipotesi di nave contrabbandiera, che si avvalga in alto mare di imbarcazioni minori, per effettuare il trasbordo della merce verso terra, così...
Corte di cassazione, sez. IV, 30 marzo 2018, n. 14709

22/3/2018 - Italiana - Penale - Cassazione
La condotta di ingresso e soggiorno illegale nel territorio dello Stato non costituisce reato quando lo straniero, sprovvisto di documenti validi, sia entrato nel territorio nazionale per contrarre matrimonio con un cittadino italiano, ricorrendo in tal caso l’esimente dell’esercizio di un diritto.Corte di cassazione, sez. I, 22 marzo 2018, n. 13372(n. 310) Sul ricorso proposto da: B.A.Z.B.M., nato il (OMISSIS); avverso la sentenza del 18/01/2017 del GIUDICE DI PACE di RAVENNA; visti gli atti, il provvedimento impugnato e il ricorso; udita la relazione svolta dal Consigliere GIACOMO ROCCHI...
Corte di cassazione, sez. I, 22 marzo 2018, n. 13372

19/3/2018 - Italiana - Penale - Cassazione
L’approfittamento della condizione di clandestinità di una parte dei dipendenti della ditta, in base al quale venivano imposte condizioni di lavoro ed economiche comunque ben al disotto del normale sinallagma, integra il dolo specifico del fine di trarre un ingiusto profitto dallo stato di illegalità dei cittadini stranieri, situazione questa che si realizza quando l’agente, approfittando di tale stato, imponga condizioni particolarmente onerose. Il dolo non è escluso dal fatto che analoghe condizioni sarebbero state praticate anche nei confronti di dipendenti in regola con il permesso ...
Corte di cassazione, sez. IV, 19 marzo 2018, n. 12643

15/3/2018 - Italiana - Penale - Cassazione
Si rimette la questione alle Sezioni unite, ai sensi dell’art. 618 cod. proc. pen., sul seguente quesito: Se in tema di disciplina dell’immigrazione, le fattispecie disciplinate dall’art. 12, comma terzo, del d.lgs. 25 luglio 1998, n. 286 costituiscano circostanze aggravanti del delitto di cui all’art. 12, comma primo, del medesimo d.lgs. ovvero figure autonome di reato. In eventualità siffatta se il delitto di cui all’art. 12, comma 3, del d.lgs. 25 luglio 1998, n. 286 integri un reato di pericolo o “a consumazione anticipata”, che si perfeziona per il solo fatto di compiere at...
Corte di cassazione, sez. I, ord. 15 marzo 2018, n. 11889

19/2/2018 - Italiana - Penale - Cassazione
Ai fini della valutazione della sussistenza o meno del reato di cui all’art. 14, comma 5 ter, d.lgs. n. 286 del 1998, il giustificato motivo che legittima dello Stato, emesso dal Questore, pur non implicando situazioni di stato di necessità, di forza maggiore o, comunque, di inesigibilità assoluta della condotta omessa, deve, tuttavia, consistere in condizioni oggettive che rendano estremamente difficoltoso l’adempimento ovvero in ostative situazioni, soggettive e personali, di grave e pressante condizionamento psicologico, senza potersi risolvere in esigenze che riflettano la condizione...
Corte di cassazione, sez. I, 19 febbraio 2018, n. 7915

15/2/2018 - Italiana - Penale - Cassazione
Sussiste la contravvenzione di cui al d.lgs. n. 286 del 1998, art. 14, comma 5-quater (per essere stato nuovamente espulso a seguito della violazione dell’ordine di allontanamento, dopo una precedente espulsione), non potendosi certo ravvisare la violazione del principio del ne bis in idem, poiché il fatto contestato è evidentemente diverso da quello oggetto della precedente sentenza, che faceva riferimento alla violazione del precedente e diverso provvedimento di allontanamento.Correttamente seguito il rito previsto dal d.lgs. n. 274 del 2000, artt. 20-bis, 20-ter, 32-bis, come espressame...
Corte di cassazione, sez. I, 15 febbraio 2018, n. 7404