< Torna all’indice di ricerca

Risultati della ricerca per: “Permesso di soggiorno”

Sono state trovate 1436 decisioni - pagina Pagina 1 di 144

7/6/2019 - Italiana - Amministrativo - TAR
L’omissione della comunicazione di avvio del procedimento e del preavviso di rigetto, ai sensi degli artt. 7 e 8 e dell’art. 10-bis della legge 241 del 1990 non può determinare ex se la caducazione del diniego di permesso di soggiorno, senza che il ricorrente abbia evidenziato in giudizio gli elementi che avrebbero, anche solo ipoteticamente, potuto determinare un diverso contenuto del provvedimento, qualora fosse stato messo in condizioni di rappresentarli nel corso del procedimento. TAR Lombardia, sez. staccata di Brescia, sez. I, 7 giugno 2019, n. 00551 (n. 338) Il Tribunale Amminist...
TAR Lombardia, sez. staccata di Brescia, sez. I, 7 giugno 2019, n. 00551

5/6/2019 - Italiana - Amministrativo - Consiglio di Stato
Premesso che la dimostrata falsità dei documenti prodotti ai fini del rinnovo del permesso di soggiorno per lavoro o di rilascio di titolo per attesa occupazione costituisce da sola causa sufficiente del diniego da parte della Questura, la legittimità del provvedimento è ulteriormente confermata qualora lo straniero in sede processuale tenti di dimostrare (sia pure con falso rapporto di lavoro) una adeguata capacità reddituale e, al tempo stesso, giustifichi il mancato reperimento di un nuovo rapporto di lavoro con la mancanza di un titolo di soggiorno. Infatti lo straniero, nelle more del...
Consiglio di Stato, sezione III, 5 giugno 2019, n. 03779

3/6/2019 - Italiana - Amministrativo - TAR
In base al principio tempus regit actum la legittimità di un provvedimento amministrativo va valutata con riferimento allo stato di fatto e di diritto esistente al momento della sua emanazione. È irrilevante, pertanto, la “proposta di assunzione a tempo determinato” successiva al provvedimento impugnato e allegata dal ricorrente per sentire dichiarare l’illegittimità del diniego del rilascio del permesso di soggiorno per lavoro subordinato.TAR Veneto, sez. III, 3 giugno 2019, n. 00673(n. 338) Il Tribunale Amministrativo Regionale per il Veneto(Sezione Terza)ha pronunciato la present...
TAR Veneto, sez. III, 3 giugno 2019, n. 00673

27/5/2019 - Italiana - Amministrativo - TAR
L’art. 11, comma 1, lett. c) del d.P.R. n. 394/99, prevede il rilascio di un permesso di soggiorno per acquisto cittadinanza se lo straniero è già in possesso del permesso di soggiorno per altri motivi, e per la durata del procedimento di concessione della cittadinanza. La ratio della norma è infatti quella di consentire allo straniero già in possesso di altro permesso di continuare a risiedere regolarmente sul territorio dello Stato in attesa della concessione della cittadinanza e fino alla conclusione di tale procedimento, per sopperire alla eventuale scadenza, nelle more, del permesso...
TAR Lazio, sez. I ter, 27 maggio 2019, n. 06532

24/5/2019 - Italiana - Amministrativo - TAR
L’irreperibilità dello straniero non può essere elevata a presupposto ostativo al rilascio di un permesso di soggiorno dato che, come noto, seppur la legge impone l’onere di comunicare ogni variazione di domicilio, la normativa di settore non sanziona l’inosservanza di tale adempimento con il diniego automatico di rilascio del permesso di soggiorno. La rilevata irreperibilità, in mancanza di accertamenti in ordine alla falsità delle attestazioni relative alla sistemazione alloggiativa del richiedente, può comportare il mancato invio delle comunicazioni ma non può giustificare il di...
TAR Campania, sez. VI, 24 maggio 2019, n. 02808

20/5/2019 - Italiana - Amministrativo - Consiglio di Stato
La formazione di una famiglia sul territorio italiano non può costituire scudo o garanzia assoluta di immunità dal rischio di revoca o diniego di rinnovo del permesso di soggiorno, ossia del titolo in base al quale lo straniero può trattenersi sul territorio italiano. Piuttosto, in casi speciali e situazioni peculiari, che eventualmente espongano i figli minori dello straniero a imminente e serio pregiudizio, l’ordinamento – ferma la valutazione amministrativa in punto di pericolosità e diniego di uno stabile titolo di soggiorno – offre, in via eccezionale, e a precipua tutela dei mi...
Consiglio di Stato, sez. III, 20 maggio 2019, n. 03227

17/5/2019 - Italiana - Amministrativo - TAR
In tema di esercizio del diritto allo studio riconosciuto al cittadino straniero, la normativa vigente non consente a quest’ultimo di rinnovare il permesso di soggiorno per motivi di studio nel caso in cui non abbia superato il numero di esami di profitto indicato e più in generale la durata del corso di studi si sia protratta oltre la durata indicata. L’art. 46, c. 4, del d.P.R. 394/99 non lascia spazio di discrezionalità alla PA e la ratio della norma è quella di evitare il fenomeno dell’eccessiva dilatazione temporale del periodo degli studi universitari al fine strumentale di prol...
TAR Lombardia, sez. staccata di Brescia, sez. II, 17 maggio 2019, n. 00489

14/5/2019 - Italiana - Amministrativo - TAR
L'art. 29, comma 6, TUI, permette allo straniero autorizzato ai sensi del successivo art. 31 di ottenere il permesso di soggiorno per l'assistenza al familiare minore e, per l'effetto, di svolgere un'attività lavorativa; al contempo non consente expressis verbis la conversione di tale permesso in motivi di lavoro, atteso che diversamente si perverrebbe, grazie alla pretesa conversione del permesso di soggiorno in motivi di lavoro, non importa se autonomo o subordinato, a favorire indebitamente il lavoratore senza più alcun collegamento con le predette esigenze di vita del minore.TAR Toscana,...
TAR Toscana, sez. II, 14 maggio 2019, n. 00701

8/5/2019 - Italiana - Amministrativo - Consiglio di Stato
Il diniego di rinnovo del permesso di soggiorno, adottato nei confronti dello straniero ritenuto pericoloso sulla base di un giudizio prognostico sfavorevole adeguatamente motivato, è lo strumento legittimo e idoneo a garantire una efficace azione di prevenzione dei reati e di contrasto alla microcriminalità, esigenza prevalente rispetto alla tutela della sfera della vita privata.Consiglio di Stato, sez. III, 8 maggio 2019, n. 2946(n. 336) Il Consiglio di Statoin sede giurisdizionale (Sezione Terza)ha pronunciato la presenteSENTENZA sul ricorso numero di registro generale XXX del 2017, propo...
Consiglio di Stato, sez. III, 8 maggio 2019, n. 2946

6/5/2019 - Italiana - Amministrativo - CGA Regione siciliana
Il responsabile del procedimento amministrativo del rinnovo del permesso di soggiorno per lavoro subordinato, prima che sia notificato il provvedimento di diniego al cittadino straniero e qualora gli siano portati a conoscenza, tramite il deposito di memorie integrative, nuovi fatti, deve chiedere all’istante di rettificare la domanda di rinnovo di permesso di soggiorno, quando egli attraverso tale rettifica può ottenere il rilascio di un titolo di soggiorno per motivi diversi da quelli inizialmente richiesti, in particolare per residenza elettiva in quanto titolare di pensione di invalidit...
CGA Regione Sicilia, 6 maggio 2019, n. 00374