< Torna all’indice di ricerca

Risultati della ricerca per: “Permesso di soggiorno”

Sono state trovate 1585 decisioni - pagina Pagina 1 di 159

11/1/2021 - Italiana - Amministrativo - CGA Regione siciliana
Gli artt. 5, par. 2, TUI e 9 d.p.r. 394/1999 individuano l’ufficio competente al rilascio o al rinnovo del permesso di soggiorno in base alla situazione del richiedente al momento della presentazione dell’istanza, consentendo così di evitare alla PA gli aggravi connessi a eventuali trasferimenti dello straniero e senza che ciò ostacoli la tutela della posizione di quest’ultimo (potendo adempiere i propri oneri istruttori anche da un luogo diverso). Ne segue che il trasferimento dell’istante in un diverso comune nel corso del procedimento non determina l’incompetenza dell’ufficio ...
Consiglio di giustizia amministrativa per la Regione Siciliana, 11 gennaio 2021, n. 18

8/1/2021 - Italiana - Amministrativo - TAR
La tutela rafforzata dello straniero ex art. 5, co. 5, TUI, riguarda esclusivamente le categorie di familiari indicate nell’articolo 29, anche ove non vi sia stata una formale richiesta di ricongiungimento familiare. Tra tali parenti non rientrano i collaterali o la persona con cui lo straniero ha instaurato una relazione affettiva senza convivenza: la tutela del diritto all’unità familiare, imposta dall’articolo 8 della Convenzione europea dei diritti dell’uomo e dalla giurisprudenza della Corte EDU, riguarda infatti rapporti qualificati ed effettivi. TAR Lombardia, sez. I, 8 gennaio...
TAR Lombardia, sez. I, 8 gennaio 2021, n. 44

7/1/2021 - Italiana - Amministrativo - Consiglio di Stato
La frode o la falsificazione documentale di cui all’art. 22, co. 5 ter, TUI devono riferirsi al rapporto di lavoro, denotandone la simulazione al fine di far entrare in Italia lo straniero che non ne aveva titolo, mentre la disposizione non comprende la documentazione accessoria ed estranea al rapporto di lavoro da instaurare. Ne segue che il nulla osta al lavoro non può essere revocato ex art. 22, co. 5 ter cit. quando la falsità documentale è riferibile alla delega al ritiro dello stesso presso lo Sportello immigrazione rilasciata dal datore di lavoro a un terzo soggetto. Consiglio di S...
Consiglio di Stato, sez. III, 7 gennaio 2021, n. 167

5/1/2021 - Italiana - Amministrativo - TAR
La procura rilasciata “a distanza” al difensore nelle forme dell’articolo 83, co. 20-ter, d.l. 18/20 come modificato dalla l. n. 27/20 è utilizzabile sia nel processo amministrativo che ai fini dell’esercizio del diritto di accesso a mezzo di rappresentante atteso che l’interpretazione contraria porrebbe problemi di legittimità costituzionale, sia sotto il profilo della irragionevolezza che della limitazione del diritto alla difesa. In particolare, la mancata estensione della previsione al procedimento amministrativo (cfr. anche art. 84 del d.l. cit.) sembra ascrivibile a un difett...
TAR Campania, sez. VI, 5 gennaio 2021, n. 39

5/1/2021 - Italiana - Amministrativo - TAR
L’art. 39-bis TUI consente agli stranieri che hanno conseguito in Italia la laurea o un diploma accademico o tecnico di continuare a permanere sul territorio nazionale per cercare un’occupazione o avviare un’attività e non limita, pertanto, i titoli rilevanti solo a quelli con valenza universitaria. Ne segue che è illegittimo il diniego di conversione del permesso da motivi di studio ad attesa occupazione opposto alla straniera in possesso di un diploma, valido anche a livello europeo, di tecnico qualificato in restauro dipinti ottenuto in un Istituto accreditato dalla Regione Toscana....
TAR Piemonte, sez. I, 5 gennaio 2021, n. 7

21/12/2020 - Italiana - Amministrativo - TAR
In materia di rilascio o rinnovo del permesso di soggiorno, il requisito della disponibilità di un reddito da fonte lecita deve intendersi come elemento fiscalmente assoggettabile che concorre alla formazione del prodotto nazionale ed è necessario al fine di garantire che lo straniero sia in grado di partecipare alla spesa pubblica in cambio dei servizi sociali che riceve. La pensione di invalidità civile non rientra nella nozione di reddito da lavoro o da altra fonte lecita e, pertanto, non può tenersi conto degli importi percepiti a tale titolo ai fini della determinazione della c.d. con...
TAR Puglia, sez. III, 21 dicembre 2020, n. 1659

14/12/2020 - Italiana - Amministrativo - TAR
La domanda di conversione del permesso per lavoro stagionale può essere inoltrata anche dopo la scadenza del titolo di soggiorno, non essendo espressamente stabilite preclusioni sostanziali o processuali ed essendo generalmente accolto nell’ordinamento il principio per cui il termine previsto dall’art. 24 TUI ha natura ordinatoria e non decadenziale. Ne segue che la PA non può rifiutare la conversione per la sola ragione che la domanda è stata inviata dopo la scadenza del permesso di stagionale. [Nella fattispecie, secondo la PA, l’interessato avrebbe inserito una data posticipata ris...
TAR Puglia, sez. staccata di Lecce, sez. II, 14 dicembre 2020, n. 1409

9/12/2020 - Italiana - Amministrativo - TAR
Le ipotesi di conversione di cui all’art. 32 TUI si riferiscono espressamente agli stranieri il cui soggiorno è stato autorizzato a norma del primo comma dell’art. 31 TUI, ovvero ai minori stranieri in affidamento (art. 2, legge n. 184/1983). Ne segue che, al compimento della maggiore età, è legittimamente rifiutata la conversione in permesso per motivi di studio del permesso di soggiorno per minore età concesso per la durata di tre mesi all’interessata, assistita dalla madre nei cui confronti era stata rilasciata la speciale autorizzazione prevista dall’art. 31, co. 3, TUI. TAR Lo...
TAR Lombardia, sez. IV, 9 dicembre 2020, n. 2462

9/12/2020 - Italiana - Amministrativo - TAR
La disposizione di cui all’art. 5, co. 5, TUI non esclude che, in mancanza di legami familiari, l’interessato possa ritenersi inserito nel tessuto sociale del Paese. Ne segue che è illegittimo il provvedimento che nega il rinnovo del permesso di soggiorno desumendo l’insussistenza dell’inserimento sociale dell’interessato dall’assenza di legami familiari, senza tenere in alcuna considerazione, in particolare, il lungo periodo di permanenza dello straniero sul territorio nazionale. TAR Sicilia, sez. II, 9 dicembre 2020, n. 2772 (n. 374) Il Tribunale Amministrativo Regionale per la ...
TAR Sicilia, sez. II, 9 dicembre 2020, n. 2772

2/12/2020 - Italiana - Amministrativo - TAR
Un lungo intervallo temporale tra le condanne per reati ostativi e il rigetto dell’istanza di rinnovo del permesso per lavoro autonomo integra una circostanza sopravvenuta che esclude l’automatismo normativo e impone di valutare in concreto la pericolosità del soggetto. [Nella fattispecie, in cui le condanne risalivano a vent’anni prima, il decorso del tempo senza che sia stato adottato alcun provvedimento di rigetto rende il diniego controverso contradditorio e l’interesse alla tutela della sicurezza pubblica inattuale e, di conseguenza, determina l’inapplicabilità dell’effetto ...
TAR Toscana, sez. II, 2 dicembre 2020, n. 1575