< Torna all’indice di ricerca

Risultati della ricerca per: “Reati e processo penale”

Sono state trovate 1012 decisioni - pagina Pagina 1 di 102

22/12/2022 - Europea - Diritto dell'Unione europea - Corte di giustizia dell’Unione europea
Il diritto dell’Unione (artt. 18 e 21 TFUE) impone a uno Stato membro richiesto da uno Stato terzo dell’estradizione c.d. “esecutiva” di un cittadino di un altro Stato membro che vi risiede permanentemente di cercare attivamente di procurarsi il consenso dello Stato terzo affinché la pena sia eseguita sul proprio territorio (come previsto dal suo diritto interno per i cittadini nazionali), utilizzando tutti i meccanismi di cooperazione e di assistenza in materia penale di cui esso dispone nell’ambito delle sue relazioni con detto Stato terzo. Tuttavia, se questo consenso non è otte...
Corte di giustizia dell’Unione europea (GS), 22 dicembre 2022, causa C-237/21, Generalstaatsanwaltschaft München (Demande d’extradition vers la Bosnie-Herzégovine)

5/12/2022 - Italiana - Penale - Cassazione
Nel caso di uno straniero espulso il quale abbia fatto rientro in Italia senza la speciale autorizzazione del Ministro dell’interno, il giudice penale che conosce del procedimento per il reato di cui all’art. 13, co. 13, TUI non può disapplicare il provvedimento amministrativo di espulsione poiché ciò comporterebbe una non consentita invalidazione a posteriori di tale provvedimento che, oltre a non costituire elemento strutturale della fattispecie penale controversa, ha esaurito i suoi effetti con l’avvenuta espulsione del cittadino straniero dal territorio dello Stato; pertanto, ciò...
Corte di cassazione, sez. I penale, 5 dicembre 2022, n. 45969

30/11/2022 - Italiana - Penale - Cassazione
In tema di estradizione, il giudice è tenuto a prendere in considerazione la presentazione di una domanda di protezione internazionale in quanto, pur dovendosi negare un rapporto di pregiudizialità tra le due procedure, le determinazioni che saranno adottate sulla domanda di protezione possono essere valorizzate nell’ambito della valutazione autonoma ai sensi dell’art. 705 c.p.p. circa il rischio che l’estradando possa essere sottoposto agli atti di cui all’art. 698 c.p.p., ben potendo la decisione sull’estradizione fondarsi sulle ragioni del provvedimento della competente Commissi...
Corte di cassazione, sez. VI penale, 30 novembre 2022, n. 45527

22/11/2022 - Italiana - Penale - Cassazione
Lo straniero trattenuto in un CPR in attesa di espulsione si trova in una situazione di restrizione della libertà personale che impedisce la celebrazione del processo penale in sua assenza, secondo i principi elaborati dalla giurisprudenza di legittimità per l’imputato detenuto per altra causa. È pertanto annullata con rinvio per altro giudizio la decisione che condanna in contumacia l’imputato trattenuto presso un CPR pur essendo il giudicante a conoscenza di tale fatto.Corte di cassazione, sez. II penale, 22 novembre 2022, n. 44369(n. 421) SENTENZA sul ricorso proposto nell'interesse ...
Corte di cassazione, sez. II penale, 22 novembre 2022, n. 44369

9/11/2022 - Italiana - Amministrativo - TAR
È illegittimo il provvedimento che revoca il permesso per soggiornanti di lungo periodo senza valutare l’opportunità di rilasciare un diverso titolo di soggiorno (art. 9, co. 9 TUI) nel caso dello straniero privo di legami familiari in Italia e condannato in via definitiva per gravi reati in materia di stupefacenti, il quale ha scontato la pena e la cui pericolosità è stata esclusa dall’autorità giudiziaria ordinaria con la revoca dell’espulsione conseguente alla condanna.TAR Emilia Romagna, sez. I, 9 novembre 2022, n. 893(n. 420) Il Tribunale Amministrativo Regionale per la Emilia ...
TAR Emilia Romagna, sez. I, 9 novembre 2022, n. 893

2/11/2022 - Italiana - Amministrativo - TAR
L’art. 103, co. 8, d.l. n. 34/2020 con riferimento alla causa di inammissibilità dell’istanza di emersione riguardante il caso in cui il datore di lavoro abbia subito una condanna, ancorché non definitiva e pure se conseguente a c.d. “patteggiamento”, per alcune specifiche figure criminose e “negli ultimi cinque anni”, è interpretato nel senso che l’elenco di reati ostativi deve considerarsi tassativo mentre, per quanto riguarda il termine dei 5 anni, nell’incertezza del dato letterale e anche tenuto conto della sufficienza di una condanna non definitiva, è possibile sosten...
TAR Calabria, sezione staccata di Reggio Calabria, sez. I, 2 novembre 2022, n. 713

14/10/2022 - Europea - Penale - Cassazione
In tema di inottemperanza al decreto di espulsione, al fine di individuare la sussistenza del giustificato motivo che esclude la configurabilità del reato di cui all’art. 14, co. 5-ter, TUI, lo stato di gestazione e, poi, la nascita del figlio fino al raggiungimento del sesto mese costituiscono indici di riconoscimento della inesigibilità della condotta richiesta allo straniero (padre o madre che sia), in applicazione del principio di tutela della gravidanza e della prole.[Nella fattispecie, lo straniero lamenta che il giudice di pace, condannandolo per il suddetto reato, abbia omesso di c...
Corte di cassazione, sez. I penale, 14 ottobre 2022, n. 38819

15/9/2022 - Europea - Diritto dell'Unione europea - Corte di giustizia dell’Unione europea
L’art. 8, par. 2, della direttiva sul rafforzamento di alcuni aspetti della presunzione di innocenza e del diritto di presenziare al processo nei procedimenti penali (dir. 2016/343) deve essere interpretato nel senso che osta a una normativa di uno Stato membro che consente lo svolgimento di un processo in assenza dell’indagato o imputato, mentre tale persona si trova al di fuori di tale Stato membro e nell’impossibilità di entrare nel territorio di quest’ultimo a causa di un divieto d’ingresso emesso nei suoi confronti dalle autorità competenti di detto Stato membro. In particolar...
Corte di giustizia dell’Unione europea, 15 settembre 2022, causa C-420/20, HN (Procès d’un accusé éloigné du territoire)

1/8/2022 - Italiana - Penale - Cassazione
Va annullata con rinvio la sentenza che condanna l’albergatore per non aver inviato alla Questura la comunicazione delle generalità dell’ospite straniera irregolare all'autorità di pubblica sicurezza entro le 24 ore dall’arrivo senza aver accertato oltre ogni ragionevole dubbio il tempo di permanenza della stessa presso la struttura ricettiva e dunque il decorso del termine di legge.[Nella fattispecie, l’assenza di motivazione della sentenza cassata sotto il profilo cronologico legittima il dubbio che il termine di 24 ore dall'arrivo non fosse ancora decorso, né possono trarsi eleme...
Corte di cassazione, sez. I penale, 1 agosto 2022, n. 30305

28/7/2022 - Italiana - Penale - Cassazione
È legittima l’ordinanza che esclude dall’ammissione al gratuito patrocinio il detenuto straniero essendo possibile presumere che lo stesso abbia fruito di redditi derivanti da attività illecite per importi superiori alla soglia prevista dalla legge per l’ammissione al beneficio, omettendo di valutare l’autocertificazione prodotta dallo stesso e riportante redditi inferiori a tale soglia.Corte di cassazione, sez. IV penale, 28 luglio 2022, n. 29868(n. 415) SENTENZA sul ricorso proposto da: -OMISSIS- nato il -OMISSIS- avverso l'ordinanza del 22/10/2021 del TRIBUNALE di MILANO udita la ...
Corte di cassazione, sez. IV penale, 28 luglio 2022, n. 29868