< Torna all’indice di ricerca

Risultati della ricerca per: “Lavoro”

Sono state trovate 404 decisioni - pagina Pagina 1 di 41

27/12/2018 - Italiana - Amministrativo - TAR
Non può essere negata la conversione del permesso di soggiorno da stagionale a lavoro subordinato, se il diniego della conversione da parte dello Sportello unico per l'immigrazione si sia basato sul mancato deposito, da parte del ricorrente, della documentazione necessaria al suddetto fine – anche laddove al soggetto interessato sia stato notificato il preavviso di rigetto a causa della mancanza di tali documenti –, ovvero sull'impossibilità dell'amministrazione competente di collegarsi con la banca dati dell'INPS per la verifica informatica della sussistenza dei requisiti necessari a ta...
TAR Marche, sez. I, 27 dicembre 2018 n. 814

15/12/2018 - Italiana - Amministrativo - TAR
Ricade in capo al ricorrente l'obbligo della dimostrazione della veridicità del reddito dichiarato ai fini del rinnovo del permesso di soggiorno per lavoro autonomo. Invero, laddove il richiedente non riesca a provare che il reddito prodotto derivi effettivamente dall'attività di lavoro autonomo, la richiesta del rilascio del permesso di soggiorno non può essere accolta. Pertanto, non è sufficiente l'esibizione della dichiarazione dei redditi per il rinnovo di tale permesso di soggiorno posto che chiunque potrebbe, in tal caso, inventarsi il reddito stesso, ma è necessario che il richiede...
TAR Sardegna, sez. I, 15 dicembre 2018, n. 1029

27/11/2018 - Italiana - Amministrativo - TAR
Ai fini del rinnovo del permesso di soggiorno per lavoro autonomo, il mancato versamento delle imposte all’erario dello Stato non può essere motivo ostativo a tale rinnovo. Invero, la sola evasione fiscale in sé stessa considerata, non può valere quale motivo per considerare l’incapacità economica del cittadino straniero di rispondere ai requisiti richiesti dalla normativa di riferimento. Pertanto, l’eventuale accertamento di un debito erariale per tributi non corrisposti nei confronti dello straniero, potrebbe semmai rappresentare un segnale di evasione fiscale, ma non di indisponib...
TAR Toscana, sez. II, 27 novembre 2018, n. 1538

10/9/2018 - Italiana - Amministrativo - TAR
Per ottenere il rilascio o il rinnovo di un permesso di soggiorno per lavoro autonomo, il cittadino straniero deve dimostrare di poter disporre in Italia di un reddito superiore al livello minimo previsto dalla legge per l'esenzione dalla partecipazione alla spesa sanitaria (v. art. 26 comma 3, TUI), Non è comunque necessario che il reddito sia prodotto o tassato in Italia, ma solo che sia presente e spendibile in Italia. La Questura non può quindi desumere dall’assenza di contributi previdenziali o dalla mancata presentazione delle dichiarazioni dei redditi l’assenza del requisito reddi...
TAR Lombardia, Brescia, sez. II, 10 settembre 2018, n. 344

3/7/2018 - Italiana - Penale - Cassazione
Sussiste la giurisdizione del giudice italiano relativamente al delitto di trasporto e procurato ingresso illegale nel territorio dello Stato di cittadini stranieri nella ipotesi in cui i migranti, provenienti dall’estero a bordo di navi “madre”, siano abbandonati in acque internazionali, su natanti inadeguati a raggiungere le coste italiane, allo scopo di provocare l’intervento dei soccorritori che li condurranno in territorio italiano, poiché la condotta di questi ultimi, che operano sotto la copertura della scriminante dello stato di necessità – espressamente richiamata nell’i...
Corte di cassazione, sez. I, 3 luglio 2018, n. 29832

25/6/2018 - Italiana - Amministrativo - Consiglio di Stato
L’articolo 1, comma 1 del d.P.C.M. 174 del 1994 e l’articolo 2, comma 1 del d.P.R. 487 del 1994, laddove impediscono in assoluto ai cittadini di altri Stati membri dell’UE di assumere i posti dei livelli dirigenziali delle amministrazioni dello Stato e laddove non consentono una verifica in concreto circa la sussistenza o meno del prevalente esercizio di funzioni autoritative in relazione alla singola posizione dirigenziale, risultano in contrasto con il paragrafo 2 dell’articolo 45 del TFUE e non possono trovare conseguentemente applicazione. Pertanto il Giudice amministrativo provved...
Consiglio di Stato, Adunanza plenaria, 25 giugno 2018, n. 9

11/6/2018 - Italiana - Civile - Merito
Va dichiarato il carattere discriminatorio del comportamento del Ministero della giustizia in relazione al “Concorso pubblico, per esami, a quindici posti a tempo indeterminato per il profilo professionale di funzionario mediatore culturale, III Area funzionale, fascia retributiva FI”, nella parte in cui prevede tra i requisiti per l’accesso al concorso la cittadinanza italiana. Infatti, l’articolo 45 TFUE, nel prevedere il principio della libera circolazione dei lavoratori e vietare ogni forma di discriminazione fondata sulla nazionalità, prevede quale deroga, al comma 4, solo l’ip...
Tribunale di Milano, Sez. lavoro, 11 giugno 2018, n. 3314

24/5/2018 - Italiana - Civile - Cassazione
La sanzione penale prevista dall’art. 22, comma 12, TUI (impiego di lavoratori stranieri sprovvisti di autorizzazione) e la sanzione amministrativa per violazione del d.l. n. 12 del 2002, art. 3, convertito nella l. n. 73 del 2002, come modificato dal d.l. n. 223 del 2006, art. 36 bis, comma 7, lett. a), convertito nella l. n. 248 del 2006 (impiego di lavoratori non risultanti nelle scritture contabili o in altra documentazione obbligatoria), perseguono finalità differenti.Infatti nel primo caso il fatto penalmente perseguito è quello dell’avvenuto impiego di lavoratori extracomunitari c...
Corte di cassazione, sez. lavoro, ord. 24 maggio 2018, n. 12936

22/5/2018 - Italiana - Amministrativo - TAR
È legittimo il diniego di visto d’ingresso per lavoro autonomo là ove la previsione di un utile fisso a favore dell’interessato giustifichi la presunzione, posta dall’Ambasciata a fondamento del gravato diniego, che il rapporto societario rappresentato dal ricorrente celi, in realtà, un rapporto di lavoro subordinato.Infatti, secondo il combinato disposto degli artt. 2262 c.c., 2293 c.c. e 2315 c.c., nella società in accomandita semplice la ripartizione degli utili è subordinata all’effettivo conseguimento degli stessi quale risultante dopo l’approvazione del rendiconto da pa...
TAR Lazio, sez. III ter, 22 maggio 2018, n. 5654

12/4/2018 - Italiana - Amministrativo - Consiglio di Stato
Ai sensi degli art. 49 e 50, d.P.R. 31 agosto 1999, n. 394, come modificato dall’art. 43, d.P.R. 18 ottobre 2004, n. 334, legittimamente la PA nega il riconoscimento diretto di un titolo di studio conseguito in un paese extra UE sia pure da un cittadino europeo, trattandosi di una determinazione di carattere discrezionale.A tutto concedere, il primo passo che l’amministrazione dello Stato in cui si chiede il riconoscimento deve intraprendere è quello di comprendere se il “titolo” di cui si chiede il riconoscimento, tale sia (un “titolo”, cioè) per lo Stato ove esso è stato conse...
Consiglio di Stato, sez. IV, 12 aprile 2018, n. 2199