Camera. Iniziative volte a modificare il Memorandum d’intesa con la Libia, in considerazione della guerra in atto e delle prospettive di tale Paese nel contesto internazionale.

Interrogazione a risposta immediata al Ministro degli Affari esteri e della cooperazione internazionale
10 giugno 2020


 
PRESIDENTE. Il deputato Ungaro ha facoltà di illustrare l’interrogazione Migliore ed altri n. 3-01590 (Vedi l’allegato A), di cui è cofirmatario. MASSIMO UNGARO (IV). Grazie Presidente, onorevole Ministro, dal 4 aprile 2019 in Libia c’è una guerra conclamata. In questi ultimi quattordici mesi Russia, Egitto ed Emirati Arabi sono stati a sostegno del generale Haftar, mentre la Turchia si è schierata dalla parte del Governo di unità nazionale di Tripoli, guidato da al-Sarraj. Un coinvolgimento crescente di potenze straniere che ha esasperato il confronto bellico, portando i due contendenti ad essere convinti di poter prevalere militarmente. Allo stato, l’embargo delle forniture di armi è stato sistematicamente violato e rimane preoccupante la crescente ingerenza turca. La situazione dei profughi presenti nei campi è sempre più drammatica e lo stesso Segretario generale delle Nazioni Unite ha ammonito a non considerare la Libia un porto sicuro verso il quale riportare i...
 
(…)
 
Segue nello spazio riservato agli abbonati
 
 
Contenuto completo visibile previo abbonamento
Se sei già abbonato a Immigrazione.it accedi al portale con le tue credenziali per proseguire.