< Torna all’indice di ricerca

Risultati della ricerca per: “Discriminazione”

Sono state trovate 363 decisioni - pagina Pagina 10 di 37

14/3/2017 - Europea - Diritto dell'Unione europea - Corte di Giustizia dell'Unione Europea
L’articolo 4, paragrafo 1, della direttiva 2000/78/CE del Consiglio, del 27 novembre 2000, che stabilisce un quadro generale per la parità di trattamento in materia di occupazione e di condizioni di lavoro, deve essere interpretato nel senso che la volontà di un datore di lavoro di tener conto del desiderio di un cliente che i servizi di tale datore di lavoro non siano più assicurati da una dipendente che indossa un velo islamico non può essere considerata come un requisito essenziale e determinante per lo svolgimento dell’attività lavorativa ai sensi di detta disposizione.Corte di gi...
Corte di giustizia dell’Unione europea, Grande Sezione, 14 marzo 2017

14/3/2017 - Europea - Diritto dell'Unione europea - Corte di Giustizia dell'Unione Europea
L’articolo 2, paragrafo 2, lettera a), della direttiva 2000/78/CE del Consiglio, del 27 novembre 2000, che stabilisce un quadro generale per la parità di trattamento in materia di occupazione e di condizioni di lavoro, deve essere interpretato nel senso che il divieto di indossare un velo islamico, derivante da una norma interna di un’impresa privata che vieta di indossare in modo visibile qualsiasi segno politico, filosofico o religioso sul luogo di lavoro, non costituisce una discriminazione diretta fondata sulla religione o sulle convinzioni personali ai sensi di tale direttiva.Siffatt...
Corte di giustizia dell’Unione europea, Grande sezione, 14 marzo 2017, C‑157/15

7/3/2017 - Italiana - Costituzionale - Corte costituzionale
Sono manifestamente inammissibili le questioni di legittimità costituzionale dell’art. 74 del decreto legislativo 26 marzo 2001, n. 151 (Testo unico delle disposizioni legislative in materia di tutela e sostegno della maternità e della paternità, a norma dell’articolo 15 della legge 8 marzo 2000, n. 53), in riferimento agli artt. 2, 3, 10, 31, 38 e 117, primo comma, della Costituzione, quest’ultimo in relazione agli artt. 14 della Convenzione per la salvaguardia dei diritti dell’uomo e delle libertà fondamentali, firmata a Roma il 4 novembre 1950, ratificata e resa esecutiva con le...
Corte costituzionale, ord. 7 marzo 2017, n. 95

22/2/2017 - Italiana - Civile - Merito
Il termine “clandestino”, riferito a stranieri che hanno per contro richiesto asilo in Italia, ha una valenza denigratoria e viene utilizzato come emblema di negatività. Infatti il termine “clandestino” contraddistingue il comportamento delittuoso (punito con una contravvenzione) di chi fa ingresso o si trattiene nel territorio dello Stato, in violazione delle disposizioni del T.U. sull’immigrazione. Con l’epiteto di “clandestino”, utilizzato in modo improprio verso il richiedente protezione, si fa quindi chiaramente riferimento ad un soggetto abusivamente presente sul territo...
Tribunale di Milano, ord. 22 febbraio 2017

19/1/2017 - Italiana - Penale - Merito
Va respinta la richiesta di estradizione dello straniero di etnia curda poiché il governo turco procede quotidianamente all’incarcerazione di cittadini turchi solo perché appartenenti a tale minoranza etnica, essendo altresì note le condizioni inumane di detenzione che il Governo turco riserva ai curdi, ai quali vengono costantemente negati i diritti fondamentali, quale quello all’assistenza legale. Deve pertanto trovare applicazione il disposto dell’art. 608 comma I c.p.p. posto che ove vi fosse l’estradizione dell’interessato, lo stesso sarebbe, a motivo della sua appartenenza e...
Corte d’appello di Roma, sezione per i minorenni, ord. 19 gennaio 2017, n. 9

14/12/2016 - Europea - Diritto dell'Unione europea - Corte di Giustizia dell'Unione Europea
In tema di sussidi economici per il compimento di studi superiori, subordinare la concessione di una borsa di studio per il figlio di un frontaliero alla condizione che quest’ultimo abbia lavorato nel territorio nazionale per un periodo ininterrotto di cinque anni alla data della domanda di borsa di studio, viola il diritto dell’Unione. Infatti, il requisito di un periodo di lavoro ininterrotto di cinque anni, previsto dalla normativa del Lussemburgo, costituisce una discriminazione ingiustificata laddove non previsto per gli studenti che risiedono nel territorio lussemburghese. Una distin...
Corte di giustizia dell’Unione europea, sez. II, 14 dicembre 2016, n. 238/15

6/12/2016 - Italiana - Costituzionale - Autorità varie
È rilevante e non manifestamente infondata la questione di legittimità costituzionale degli artt. 10 della l. 5 febbraio 1992, n. 91, 7, 1° comma, d.P.R. 572 del 12 ottobre 1993 e 25, 1° comma, d.P.R. 3 novembre 2000, n. 396, nella parte in cui prevedono l’obbligo di prestazione del giuramento, quale condizione per l’acquisizione della cittadinanza, anche laddove tale adempimento non possa essere prestato da parte di persona affetta da disabilità a causa di tale condizione patologica, per violazione degli artt. 2 e 3°, 2° comma, Cost. e dell'art. 18 della convenzione ONU per i dirit...
Tribunale di Modena, G.T., sez XI civile, 6 dicembre 2016

30/11/2016 - Italiana - Civile - Merito
Ha carattere discriminatorio la condotta dell’Inps che neghi agli interessati il diritto all’assegno di natalità previsto dall’art. 1 c. 125 l. 190/14 in quanto non soggiornanti di lungo periodo, stante il contrasto tra la norma interna e l'art. 12 della direttiva CE 2011/98, volta a garantire parità di trattamento ai cittadini di paesi terzi ammessi in uno Stato membro a fini diversi dall'attività lavorativa nonché ai cittadini dei paesi terzi che sono stati ammessi in uno Stato membro a fini lavorativi, con i lavoratori cittadini dello stato membro, nel settore della sicurezza soci...
Corte di appello di Brescia, 30 novembre 2016, n. 444

10/11/2016 - Europea - Diritto dell'Unione europea - Corte di Giustizia dell'Unione Europea
L’articolo 6, paragrafo 1, della direttiva 2000/78 (secondo cui gli Stati membri possono prevedere che le disparità di trattamento in ragione dell’età non costituiscano discriminazione) deve essere interpretato nel senso che non osta a un regime impositivo (nel caso di specie quello dei Paesi Bassi), che consente a chi non abbia ancora compiuto i 30 anni di dedurre integralmente, a determinate condizioni, le spese di formazione professionale dai redditi imponibili, mentre tale diritto alla deduzione è limitato (comunque a Euro 15.000) per chi abbia già raggiunto tale età, qualora, da ...
Corte di giustizia dell’Unione europea, sez. sesta, 10 novembre 2016, C‑548/15

22/9/2016 - Italiana - Civile - Merito
In tema di diritto all’assegno di cui all’art. 1, co. 125, l. n. 190/2014 (cd. bonus bebè), è discriminatoria la condotta tenuta dall’Inps consistente nell’avere negato ai ricorrenti, cittadini stranieri extra Ue regolarmente soggiornanti in Italia, detto assegno. Infatti, contrasta con il principio di parità di trattamento di cui alla direttiva 2011/98/UE, subordinare il riconoscimento dell’assegno in questione al possesso, da parte dello straniero non Ue, del permesso di soggiorno per lungo soggiornanti (Nel caso di specie, non solo i ricorrenti sono legalmente soggiornanti in I...
Tribunale di Bergamo, sez. lavoro, ord. n. 4897 del 22 settembre 2016