< Torna all’indice di ricerca

Risultati della ricerca per: “Discriminazione”

Sono state trovate 384 decisioni - pagina Pagina 35 di 39

31/1/2007 - Italiana - Amministrativo - TAR
È inammissibile il ricorso avverso il silenzio-rifiuto formatosi sulla istanza di accesso agli atti amministrativi relativi alla domanda nominativa e numerica di nulla osta al lavoro subordinato presentata nell’ambito del decreto flussi 2006. La richiesta di accesso è formulata in modo generico e non adeguatamente motivata, in quanto priva di chiare indicazioni sulle ragioni del richiesto accesso e senza l’indicazione specifica degli atti richiesti. Di conseguenza, nessun obbligo sussisteva per la Prefettura di pronunciarsi sulla relativa richiesta e, conseguentemente, nessun silenzio-di...
Tar Lazio, Sez. II quater, Sent. n. 3290 del 31 Gennaio 2007

23/1/2007 - Italiana - Penale - Cassazione
Sono legittime le prescrizioni del divieto di accesso ai luoghi dove si svolgono gli incontri di calcio dell’Inter e l’obbligo di presentazione alla stazione di polizia, comminate al tifoso individuato da riprese video-filmate nell’atto di compiere, attraverso grida e cori, atti di intolleranza e di discriminazione nei confronti di un giocatore di colore della squadra avversaria. Le misure adottate si giustificano con la necessità di apprestare precauzioni tempestive ed urgenti per evitare il ripetersi di analoghi episodi in quel tipo di manifestazioni sportive in cui sono frequenti le ...
Corte di Cassazione, Sez. III Penale, Sent. n. 1872 del 23 gennaio 2007

28/12/2006 - Italiana - Civile - Merito
Integra un comportamento discriminatorio ai sensi dell’art. 43 del D.Lgs. 286/98 l’ordinamento dell’Università Bocconi di Milano che impone agli studenti extracomunitari che vogliano iscriversi ad un corso di laurea presso di essa, il pagamento delle tasse nella misura più alta, diversamente da quanto previsto per gli studenti comunitari la cui retta è proporzionata al reddito dichiarato. Tale previsione, non avendo alcuna altra motivazione se non la diversa nazionalità degli iscritti, costituisce un atto discriminatorio e viola il diritto fondamentale di ognuno, indipendentemente da...
Tribunale di Bologna, Sez. I Civile, Ordinanza del 28 dicembre 2006

19/12/2006 - Italiana - Costituzionale - Corte costituzionale
È manifestamente inammissibile la questione di legittimità costituzionale degli artt. 116, commi 12 e 13, e 136, comma 6, del d.lgs. 285/1992 (Nuovo codice della strada), nella parte in cui prevedono la sanzione accessoria del fermo del veicolo nel caso in cui esso venga affidato a persona con patente straniera scaduta di validità, e non anche a persona in possesso di patente italiana ugualmente scaduta; oltre a misure sanzionatorie differenti a seconda che il soggetto con patente straniera scaduta risieda in Italia da più o meno di un anno. Il giudice remittente non ha descritto la fattis...
Corte costituzionale, Ordinanza n. 439 del 19 dicembre 2006

6/12/2006 - Italiana - Civile - Merito
Integrano una condotta discriminatoria ai sensi dell’art. 43 del D.Lgs. 286/98 i provvedimenti della ASL convenuta con i quali la richiedente, cittadina iraniana, è stata esclusa dalle graduatorie relative a due avvisi pubblici per posti di dirigente medico di anestesia e rianimazione. La ASL ha infatti operato una discriminazione tra gli stranieri che hanno ottenuto la cittadinanza italiana e quelli che, come la ricorrente, hanno presentato la relativa domanda avendone tutti i requisiti, ma si sono sentiti opporre un termine per la conclusione della procedura della durata di due anni. Non ...
Tribunale di Perugia, Ordinanza del 6 dicembre 2006

16/11/2006 - Italiana - Penale - Cassazione
È rigettato il ricorso avverso la sentenza di merito che ha condannato la ricorrente per aver commesso un atto di discriminazione per motivi razziali ed etnici per essersi rifiutata di servire all’interno del bar gestito dal fratello due cittadini extracomunitari. Integra il delitto di compimento di atti di discriminazione per motivi razziali ed etnici, previsto dall’art. 3, comma 1, L. 25 giugno 1993 n. 205, la condotta del gestore di un esercizio pubblico che si rifiuti di servire, all’interno del locale, clienti stranieri in quanto cittadini extracomunitari, anche se tale condotta si...
Corte di Cassazione, Sez. III penale, Sent. n. 37733 del 16 novembre 2006

13/11/2006 - Italiana - Civile - Cassazione
È legittimo e non discriminatorio il rifiuto opposto al cittadino albanese, in ragione della sua cittadinanza, di procedere alla iscrizione nelle liste riservate ai disabili per l’accesso anche al lavoro nelle pubbliche amministrazioni. Il requisito del possesso della cittadinanza italiana per accedere al lavoro alle dipendenze della P.A. non è in contrasto con le norme del TU immigrazione che sancisce, in generale, parità di trattamento e piena uguaglianza dei diritti per i lavoratori extracomunitari rispetto ai lavoratori italiani. Il lavoro pubblico infatti è un settore speciale, sogg...
Corte di Cassazione, Sez. Lavoro, Sent. n. 24170 del 13 novembre 2006

26/10/2006 - Italiana - Amministrativo - TAR
È illegittimo il provvedimento di rigetto dell’istanza di rinnovo del permesso di soggiorno per lavoro subordinato opposto allo straniero già in possesso di un pds per lavoro stagionale, e motivato con riferimento alla mancata produzione dell’attestazione della Direzione provinciale del lavoro relativa alla disponibilità di una quota per la relativa conversione. Non essendo tale documento elencato tra quelli che il richiedente la conversione deve presentare, era onere della questura richiederlo alla competente direzione regionale. È invece respinto l’altro motivo di impugnazione rela...
Tar Veneto, Sez. III, Sent. n. 3914 del 26 ottobre 2006

16/10/2006 - Italiana - Amministrativo - TAR
È legittimo il decreto con cui il prefetto ha annullato un’ordinanza del Sindaco che ordinava di adeguarsi alle norme che vietano di comparire mascherati in luogo pubblico, espressamente includendo il burqa e lo chador tra i mezzi che rendono difficoltoso il riconoscimento della persona. È da escludersi un generale potere del Sindaco in materia di pubblica sicurezza. Non è inoltre di competenza del Sindaco imporre nuovi obblighi giuridici in capo ai destinatari con un atto di carattere provvedimentale quale è l’ordinanza, né operare una interpretazione ed una novazione legislativa, in...
Tar Friuli Venezia Giulia, Sent. n. 645 del 16 ottobre 2006

6/10/2006 - Italiana - Civile - Merito
Non è dovuto l’assegno vitalizio di benemerenza concesso agli ebrei perseguitati dalla legislazione razziale alla ricorrente, di origine ebraica, la quale non ha subito direttamente atti di violenza. Atti persecutori sono stati invece compiuti nei confronti di membri della sua famiglia, ma non è stato dimostrato che tale circostanza abbia concretizzato una violenza morale nei confronti della ricorrente tale da ledere la sua persona nell’esercizio dei suoi diritti fondamentali, quali l’istruzione, le relazioni personali ed il lavoro. Corte dei Conti, Sez. I Giurisdizionale Centrale d’...
Corte dei Conti, Sez. I Giurisdizionale Centrale d’appello, Sent. 195 del 6 ottobre 2006