< Torna all’indice di ricerca

Risultati della ricerca per: “Discriminazione”

Sono state trovate 362 decisioni - pagina Pagina 32 di 37

11/2/2008 - Italiana - Civile - Merito
Integra l’ipotesi discriminatoria di cui all’art. 43, comma 2, lett. c), del D.Lgs. 286/98, la Circolare n. 20/2008 del Comune di Milano, nella parte in cui subordina e condiziona la formalizzazione dell’iscrizione del minore straniero alla scuola dell’infanzia all’ottenimento, da parte del genitore, del permesso di soggiorno entro il 28/02/2008. La posizione del minore straniero è autonoma e distinta dalla condizione giuridica dei suoi familiari, si che non è possibile parlare di irregolarità del minore sul territorio nazionale. La connessione, stabilita dalla circolare, tra la c...
Tribunale di Milano, Sez. I Civile, Ordinanza dell’11 febbraio 2008

6/12/2007 - Europea - Diritti fondamentali - Corte europea dei diritti dell'uomo
La Grecia è condannata al pagamento dei danni non pecuniari sofferti dalla cittadina greca di origine Rom, vittima di un aborto spontaneo a seguito, a suo dire, delle violenze subite da parte degli agenti di polizia impiegati in un’operazione nell’insediamento nel quale ella viveva. Tuttavia, su queste circostanze, non è stata raggiunta la prova per dichiarare la violazione dell’Art. 3 della CEDU, in relazione ai maltrattamenti subiti. Il medesimo articolo, invece, è stato violato dal punto di vista procedurale, poiché le autorità hanno omesso di condurre una effettiva indagine, cap...
Corte Europea dei Diritti dell’Uomo, Sez. I, Sentenza del 6 dicembre 2007

7/9/2007 - Italiana - Civile - Merito
Il cittadino di nazionalità egiziana, da molti anni regolarmente residente in Italia e già titolare di dottorato di ricerca presso l’Università di Bologna, è ammesso a partecipare al concorso indetto dalla citata università per il reclutamento di personale di elevata professionalità per l’area elaborazione dati. La normativa sul pubblico impiego deve essere letta alla luce del superiore principio di parità di trattamento tra cittadini italiani ed extracomunitari. Non convince, viceversa, l’orientamento giurisprudenziale di senso contrario, in quanto basato unicamente su una norma,...
Tribunale di Bologna, Ordinanza del 7 settembre 2007

6/7/2007 - Italiana - Civile - Merito
Il Ministero degli Affari Esteri è condannato al pagamento di € 7.000,00 per il risarcimento del danno non patrimoniale causato al cittadino marocchino, che ha dovuto attendere quasi due anni per potersi ricongiungere alla propria moglie. La decisione del Ministero di chiudere il Vice Consolato di Tangeri e di diminuire il personale del Consolato di Casablanca, ha prodotto, in quest’ultimo, una situazione disastrosa ed una paralisi totale dell’attività, con la conseguente scadenza della durata semestrale di tutti i nulla osta rilasciati dalle questure. La condotta dell’Amministrazion...
Tribunale di Milano, Sez. I Civile, Sent. n. 8909 del 6 luglio 2007

19/6/2007 - Italiana - Amministrativo - TAR
È inammissibile, perché tardivo, il ricorso avverso il silenzio-inadempimento serbato dall’Amministrazione sulla istanza di rinnovo del permesso di soggiorno. L’articolo 2 della legge n. 15/2005 ha infatti modificato la disciplina sull’inadempimento dell’A., consentendo all’interessato l’impugnazione del silenzio anche senza la previa rituale notificazione della diffida, ma a condizione che l’impugnazione avvenga entro un anno dalla scadenza del termine per provvedere. Nessuna messa in mora è poi idonea ad interrompere tale termine, giacchè la diffida non solo non è più nec...
Tar Lazio, Sez. II quater, Sent. n. 5556 del 19 giugno 2007

24/5/2007 - Italiana - Amministrativo - TAR
È illegittimo il provvedimento di esclusione della cittadina straniera dalla partecipazione agli esami di idoneità per direttore tecnico di agenzia di viaggi e turismo, per il solo motivo del non possesso della cittadinanza italiana. La relativa clausola del bando deve essere interpretata come un’irrilevante e inutile ripetizione di clausole di bandi precedenti, emanati prima dell’entrata in vigore dell’art. 2 del D.L.vo 25 luglio 1998 n. 286, il quale ha definitivamente affermato il principio di parità di trattamento e di eguaglianza per i lavoratori extracomunitari. In mancanza di u...
Tar Campania, Sez. V, Sent. n. 5847 del 24 Maggio 2007

16/5/2007 - Italiana - Costituzionale - Autorità varie
È rilevante e non manifestamente infondata, in relazione agli artt. 3, 41, 97 e 117 della Costituzione, la questione di legittimità costituzionale dell’art. 8, dell’art. 9 comma 1 lett. c), e dell’art. 12 della LR 3 marzo 2006 n. 6, recante “Norme per l'insediamento e la gestione di centri di telefonia in sede fissa”. La disciplina introdotta per regolare l’attività dei phone center in Lombardia, prevedendo in modo molto dettagliato i requisiti per l’esercizio di tale attività, ha invaso il campo di competenza dell’amministrazione comunale e della ASL. Altro profilo di irra...
Tar Lombardia, Sez. I di Brescia, Ordinanza n. 380 del 16 maggio 2007

12/4/2007 - Italiana - Amministrativo - TAR
È inammissibile il ricorso del cittadino extracomunitario avverso il silenzio-inadempimento che si sarebbe formato sulla sua richiesta nominativa di nulla osta al lavoro nell’ambito dei flussi 2006. Il deposito in giudizio di una copia di una ricevuta di assicurata, sprovvista di timbri dell’Ufficio Postale e senza alcuna indicazione relativa al ricorrente né alla ricezione da parte della prefettura convenuta, non è idoneo a dimostrare che la relativa richiesta sia stata presentata dallo straniero o in suo favore dal datore di lavoro, né che essa sia pervenuta alla detta prefettura. No...
Tar Lazio, Sez. II quater, Sent. n. 3990 del 12 Aprile 2007

31/1/2007 - Italiana - Amministrativo - TAR
È inammissibile il ricorso avverso il silenzio-rifiuto formatosi sulla istanza di accesso agli atti amministrativi relativi alla domanda nominativa e numerica di nulla osta al lavoro subordinato presentata nell’ambito del decreto flussi 2006. La richiesta di accesso è formulata in modo generico e non adeguatamente motivata, in quanto priva di chiare indicazioni sulle ragioni del richiesto accesso e senza l’indicazione specifica degli atti richiesti. Di conseguenza, nessun obbligo sussisteva per la Prefettura di pronunciarsi sulla relativa richiesta e, conseguentemente, nessun silenzio-di...
Tar Lazio, Sez. II quater, Sent. n. 3290 del 31 Gennaio 2007

23/1/2007 - Italiana - Penale - Cassazione
Sono legittime le prescrizioni del divieto di accesso ai luoghi dove si svolgono gli incontri di calcio dell’Inter e l’obbligo di presentazione alla stazione di polizia, comminate al tifoso individuato da riprese video-filmate nell’atto di compiere, attraverso grida e cori, atti di intolleranza e di discriminazione nei confronti di un giocatore di colore della squadra avversaria. Le misure adottate si giustificano con la necessità di apprestare precauzioni tempestive ed urgenti per evitare il ripetersi di analoghi episodi in quel tipo di manifestazioni sportive in cui sono frequenti le ...
Corte di Cassazione, Sez. III Penale, Sent. n. 1872 del 23 gennaio 2007