< Torna all’indice di ricerca

Risultati della ricerca per: “Discriminazione”

Sono state trovate 317 decisioni - pagina Pagina 1 di 32

22/4/2020 - Italiana - Amministrativo - TAR
È accolta l’istanza di sospensione dell’efficacia ex art. 56 c.p.a dei provvedimenti del Comune dell’Aquila in materia di assegnazione dei buoni spesa per generi alimentari in relazione all’emergenza Covid-19 nella parte in cui riservano il beneficio ai nuclei familiari residenti nel predetto Comune. Il giudicante attribuisce valore decisivo alla relazione dell’UNAR che sottolinea il carattere discriminatorio del requisito della residenza. TAR Abruzzo, sez. I, 22 aprile 2020, n. 79 (n. 359) Tribunale Amministrativo Regionale per l’Abruzzo(Sezione Prima)Il Presidenteha pronunciat...
TAR Abruzzo, sez. I, 22 aprile 2020, n. 79

22/4/2020 - Italiana - Civile - Merito
Il c.d. “buono spesa” previsto dall’ocdpc n. 658/2020 è una misura emergenziale che tutela i diritti inviolabili della persona umana (art. 2 Cost.) – in specie il diritto all’alimentazione – rivolta ai soggetti più vulnerabili, al fine di garantirne i bisogni primari durante la crisi sanitaria in atto. L’accesso alla prestazione non può essere pertanto limitato in ragione della residenza anagrafica degli aventi diritto, condizione che inoltre non è posta dalla norma che ha istituito detta misura di solidarietà sociale. È pertanto riconosciuto in via d’urgenza il diritto a...
Tribunale di Roma, sez. diritti della persona e immigrazione civile, 22 aprile 2020, n. 12835

20/3/2020 - Italiana - Civile - Merito
È accertato il carattere discriminatorio del 22° bando per l’accesso agli alloggi ERP indetto dal Comune di Sesto San Giovanni nella parte in cui, per presentare la domanda, non sono ammesse, per i cittadini stranieri, autocertificazioni ma unicamente documentazione supplementare del Paese d’origine che dichiari l’assenza di proprietà immobiliare all’estero, legalizzata e certificata dalle competenti autorità italiane (punto 2.1., lett. g). Infatti, la disparità di trattamento rispetto ai cittadini italiani e degli Stati membri UE (cui detta documentazione non è richiesta): (i) n...
Tribunale di Milano, sez. I civile, ordinanza 20 marzo 2020, R.G. n. 40830/2019

9/3/2020 - Italiana - Costituzionale - Corte costituzionale
L’art. 22, co. 1, lett. b), della legge regionale Lombardia n. 16 del 2016, nella parte in cui condiziona l’accesso al beneficio dell’alloggio di edilizia residenziale pubblica al requisito della residenza (o dell’occupazione) ultraquinquennale in regione, si pone in contrasto sia con i principi di eguaglianza e ragionevolezza di cui all’art. 3, co. 1, Cost., perché produce una discriminazione irragionevole a danno di chi, cittadino o straniero, non ne sia in possesso, sia con il principio di eguaglianza sostanziale (art. 3, co. 2, Cost.) perché tale requisito contraddice la funzio...
Corte costituzionale, sentenza 9 marzo 2020, n. 44

24/1/2020 - Italiana - Civile - Merito
La società datrice di lavoro risponde in solido con il proprio dipendente per le molestie a sfondo razziale nei confronti di altri dipendenti di origine africana avendo omesso di adottare misure volte ad evitare detti comportamenti, in violazione degli obblighi di cui all’art. 2083 c.c., e altresì ex art. 2049 c.c., in quanto le mansioni affidate all’autore materiale abbiano determinato o comunque agevolato il comportamento produttivo del danno. A tal riguardo, non rileva che dette mansioni siano proprie di una qualifica – nella fattispecie di responsabile delle vittime – non attribu...
Tribunale di Milano, 24 gennaio 2020, n. 2836/2019

5/12/2019 - Italiana - Costituzionale - Corte costituzionale
Il libero esercizio del culto è un aspetto essenziale della libertà religiosa (art. 19 Cost.) che si traduce anche nel diritto di disporre di spazi adeguati per poterla concretamente esercitare. Viola gli artt. 2, 3, co. 1, e 19 Cost. la disciplina urbanistica che comporti una limitazione di tale libertà che sia irragionevole, ossia che non si giustifichi in ragione del reale interesse di buon governo del territorio. È pertanto incostituzionale la disposizione di cui all’art. 72, co. 2, della disciplina urbanistica lombarda come modificato dalla legge della Regione Lombardia 3 febbraio 2...
Corte costituzionale, sentenza 5 dicembre 2019, n. 254

25/11/2019 - Italiana - Amministrativo - Consiglio di Stato
1. Gli effetti del conferimento della cittadinanza italiana non retroagiscono al momento della maturazione dei relativi presupposti da parte dell’interessato. Non può pertanto giovare all’individuo che lamenti l’esclusione da un bando pubblico per carenza del requisito della cittadinanza italiana l’aver maturato i requisiti per l’attribuzione di detta cittadinanza entro la data di scadenza del bando, né la sua effettiva acquisizione in epoca successiva.2. L’assenza di una disposizione nazionale che consenta al familiare extra-UE del cittadino italiano di partecipare ad un bando p...
Consiglio di Stato, sez. VI, 25 novembre 2019, n. 7990

19/11/2019 - Italiana - Penale - Cassazione
L’estradizione c.d. esecutiva di un cittadino UE da uno Stato membro diverso da quello di cittadinanza verso uno Stato terzo è consentita dal diritto dell’Unione nel rispetto degli artt. 18 e 21 TFUE. Secondo la giurisprudenza della Corte di giustizia, lo Stato membro richiesto dell’estradizione deve assicurare a tale cittadino lo stesso trattamento dei cittadini nazionali, quando il diritto interno vieti l’estradizione di tali cittadini, preveda la possibilità di scontare la pena sul territorio di tale Stato e il cittadino dell’Unione sia ivi radicato. A tal fine, non rileva che l...
Cassazione, sez. VI penale, 19 novembre 2019, n. 46912

28/10/2019 - Italiana - Civile - Merito
L’obbligo di rimozione del velo integrale imposto dalla Regione Lombardia per accedere alle strutture sanitarie (d.g.r. n. 4553 del 10 dicembre 2015) e la relativa attuazione mediante l’apposizione di cartelli all’ingresso di tali strutture non rivestono carattere discriminatorio. È infatti proporzionato e ragionevole lo “svantaggio” imposto dal cartello alle donne che indossano il velo integrale per motivi religiosi in quanto limitato nel tempo e circoscritto nel luogo SSR e giustificato da ragioni di pubblica sicurezza. Corte d’appello di Milano, sez. delle persone, dei minori e...
Corte d’appello di Milano, sez. delle persone, dei minori e della famiglia, sentenza del 28 ottobre 2019, n. 4330

1/8/2019 - Italiana - Costituzionale - Autorità varie
È sollevata la questione di legittimità costituzionale dell’art 3, comma 1, lett. a) n. 1), d.lgs. 147/17 nella parte in cui prevede, per l’accesso al ReI (reddito di inclusione) che i cittadini di nazionalità extra-UE debbano essere titolari di un permesso di soggiorno di lungo periodo, escludendo gli stranieri legalmente soggiornanti in possesso di permesso di soggiorno per motivi di lavoro (o per altri motivi). Il ReI in quanto “finalizzato all’affrancamento dalla condizione di povertà”, è misura che assolve ai bisogni essenziali della persona, non può contenere un discrimin...
Tribunale ordinario di Bergamo, sez. lavoro, ordinanza del 1 agosto 2019