< Torna all’indice di ricerca

Risultati della ricerca per: “Discriminazione”

Sono state trovate 351 decisioni - pagina Pagina 1 di 36

28/10/2021 - Europea - Diritto dell'Unione europea - Corte di Giustizia dell'Unione Europea
Il diritto alla parità di trattamento in materia di accesso ed erogazione di beni e servizi a disposizione del pubblico previsto dall’art. 11, par. 1, lett. f), direttiva 2003/109 (per quanto riguarda i soggiornanti di lungo periodo), dall’articolo 12, par. 1, lett. g), direttiva 2011/98 (sul c.d. permesso unico lavoro) e dall’articolo 14, par.1, lett. g), direttiva 2009/50 (sulla c.d. Carta blu) osta alla normativa italiana che esclude le categorie di cittadini di Paesi terzi contemplati da tali direttive dal beneficio della «carta della famiglia». Per quanto riguarda i beneficiari d...
Corte di giustizia dell’Unione europea, 28 ottobre 2021, causa C-462/20, ASGI e a.

20/10/2021 - Italiana - Penale - Cassazione
In materia di misure cautelari, secondo un’interpretazione conforme alla decisione quadro 2009/829/GAI (di cui il d.lgs. n. 36/2016 costituisce attuazione) e alla Costituzione, il giudice non può negare una misura alternativa alla detenzione in carcere, inclusi gli arresti domiciliari, sul solo presupposto dell’indisponibilità di un indirizzo di esecuzione sul territorio italiano quando l’interessato ne dispone nel diverso Stato membro ove è radicato, atteso che tale circostanza equivale a disporre di un indirizzo in Italia. Tuttavia, poiché la scelta della misura cautelare va effett...
Corte di cassazione, sez. IV penale, 20 ottobre 2021, n. 37739

1/10/2021 - Italiana - Penale - Cassazione
In materia di mandato d’arresto europeo emesso ai fini dell’esecuzione della pena, l’esclusione dei cittadini di Stati non appartenenti all’Unione europea dal motivo di rifiuto della consegna previsto a favore dei cittadini italiani ed europei che dimostrino un radicamento almeno quinquennale in Italia, pone dei dubbi di legittimità costituzionale in relazione agli artt. 3, 11, 27 comma 3, e 117 comma 1, Cost., specie avuto riguardo alle finalità di reinserimento sociale perseguita dall’art. 4, punto 6, della decisione quadro 2002/584/GAI, che non distingue in base alla cittadinanz...
Corte di cassazione, sez. VI penale, 1 ottobre 2021, n. 35953

9/9/2021 - Italiana - Civile - Cassazione
La Costituzione repubblicana, ispirata al principio di laicità dello Stato e alla salvaguardia della libertà religiosa positiva e negativa, non consente l’affissione obbligatoria per determinazione dei pubblici poteri del simbolo religioso del crocefisso nelle aule delle scuole pubbliche. Ciò non si traduce, tuttavia, in un divieto di affissione del simbolo. Infatti, la norma che comprende il crocefisso tra gli arredi scolastici (art. 118, r.d. n. 965/1924) va interpretata conformemente alla Costituzione e alla legislazione che attua i principi costituzionali, nel senso che la comunità s...
Corte di cassazione, sez. unite civili, 9 settembre 2021, n. 24414

15/7/2021 - Europea - Diritto dell'Unione europea - Corte di Giustizia dell'Unione Europea
A condizione che sia applicata in maniera generale e indiscriminata, una norma interna di un’impresa che vieta ai lavoratori d’indossare sul luogo di lavoro qualsiasi segno visibile di convinzioni politiche, filosofiche o religiose - che rispecchia una politica di neutralità del datore di lavoro - non costituisce una discriminazione diretta fondata sulla religione o sulle convinzioni personali ai sensi della direttiva 2000/78 (art. 2, par. 2, lett. a), in quanto non istituisce una differenza di trattamento fondata su un criterio inscindibilmente legato ai motivi protetti (art.1 dir.), né...
Corte di giustizia dell’Unione europea, GS, 15 luglio 2021, cause riunite C-804/18 e C‑341/19, WABE e MH Müller Handel

8/7/2021 - Italiana - Penale - Cassazione
L'art. 4 del d.lgs. 36/2016 delimita l’ambito applicativo della possibilità di eseguire una misura cautelare in un altro Stato membro UE (decisione quadro 2009/829/GAI) riferendosi chiaramente ed esclusivamente alle misure non detentive e l’attivazione della relativa procedura è un provvedimento di natura esecutiva rimesso alla discrezionalità del PM, il cui controllo di legittimità è effettuabile attraverso l'attivazione dell'incidente di esecuzione. Ne segue che è manifestamente infondata l'istanza volta alla sostituzione della misura cautelare della custodia in carcere con quella ...
Corte di cassazione, sez. III penale, 8 luglio 2021, n. 26010

4/6/2021 - Italiana - Civile - Merito
Ha carattere discriminatorio la delibera regionale che, nel caso dei cittadini di Stati non membri dell’Unione europea, subordina l’accesso a un contributo per far fronte alla pandemia da Covid-19 alla titolarità del permesso per lungosoggiornanti ovvero di un permesso di soggiorno almeno biennale abbinato all’esercizio di attività lavorativa. Infatti, la finalità di tutela dei diritti fondamentali e della dignità della persona dell’emolumento esclude ogni possibile disparità di trattamento tra cittadini italiani, europei e stranieri (art. 3 Cost.). Né la limitatezza delle risors...
Tribunale di Pescara, sez. civile, 4 giugno 2021, R.G. n. 1300/2020

14/5/2021 - Italiana - Civile - Merito
In materia di assegni di maternità, il comportamento posto in essere dal Comune che indica nei moduli per la richiesta della prestazione il requisito del possesso del permesso per soggiornanti di lungo periodo ma non anche quello unico lavoro, integra una discriminazione che obbliga l’Ente ad adeguare le comunicazioni istituzionali (indicando chiaramente il possesso di uno dei titoli ex art. 3, par. 1 lett. b e c direttiva 98/2011/UE tra i requisiti per la concessione della misura) e a corrispondere all’interessata una somma pari all’importo della prestazione non percepita a titolo di d...
Tribunale di Brescia, sez. lavoro, giudice Sergio Cassia, 14 maggio 2021

1/4/2021 - Italiana - Costituzionale - Corte costituzionale
In considerazione della portata delle modifiche introdotte dal d.lgs. n. 10/2021 alla legge n. 69/2005, con particolare riferimento all’introduzione dell’art. 18-bis – il quale limita il motivo di rifiuto della consegna in caso di MAE c.d. esecutivo ai soli cittadini italiani e ai cittadini europei legittimamente ed effettivamente residenti o dimoranti in Italia da almeno cinque anni –, nonché al nuovo testo dell’art. 19, lett. b) – il quale in caso di MAE c.d. processuale subordina la consegna alla condizione del rinvio in Italia della persona per l’esecuzione della pena o dell...
Corte costituzionale, 1 aprile 2021, n. 60

17/3/2021 - Italiana - Penale - Cassazione
L’ordinanza del sindaco che vieta a persone di una specifica etnia e senza fissa dimora di stabilirsi nel territorio comunale se non in possesso di certificazione sanitaria attestante l’esenzione da malattie trasmissibili è adottata su pura base razziale in assenza di un concreto pericolo per la salute pubblica connesso alla provenienza della persona da un particolare ambito territoriale e onerando gli interessati di un adempimento inesigibile (atteso che, nel caso di specie, la ASL non avrebbe potuto rilasciare la certificazione richiesta). L’atto amministrativo realizza dunque una dis...
Corte di cassazione, sez. I penale, 17 marzo 2021, n. 10335