< Torna all’indice di ricerca

Risultati della ricerca per: “Condizione di reciprocità, Rapporti con la PA, Risarcimento del danno (in generale)”

Sono state trovate 78 decisioni - pagina Pagina 2 di 8

10/9/2021 - Italiana - Amministrativo - TAR
È manifestamente infondata la questione di legittimità costituzionale (per violazione degli artt. 2, 3 e 51 Cost.) dell’art. 5, d.lgs. n. 197/1996 nella parte in cui non prevede la possibilità, per i cittadini di altri Stati membri UE che risiedano in Italia e vogliano candidarsi alle elezioni comunali, di prescindere dalla presentazione di un certificato rilasciato dalle autorità dello Stato di cittadinanza che attesti il possesso del diritto di elettorato attivo e passivo, nel caso in cui il rilascio di tale documentazione non sia previsto in detto Stato.Da un lato, infatti, la disposi...
TAR Lazio, sezione staccata di Latina, sez. I, 10 settembre 2021, n. 494

5/7/2021 - Italiana - Amministrativo - TAR
Difettando sia l’elemento dell’ingiustizia del danno che quello della colpa in capo all’amministrazione, va rigettata la richiesta di risarcimento del danno da ritardato provvedimento (2043 c.c.) presentata dalla straniera ex titolare di carta MAE che, entrata in Italia con visto di ingresso di tipo “D” per missione a seguito del coniuge da cui poi si è separata, si è vista negare il rilascio del permesso per motivi di lavoro (permesso poi rilasciato per lavoro autonomo della durata di un anno a seguito di decisione del Consiglio di Stato). Infatti, la carta MAE è strettamente cor...
TAR Lazio, sez. I ter, 5 luglio 2021, n. 7929

18/6/2021 - Italiana - Amministrativo - TAR
La rinuncia del datore di lavoro alla pratica di emersione fa venir meno l’obbligo dell’Amministrazione di provvedere sull’istanza, trattandosi dell’unico soggetto legittimato ex lege ad attivare il procedimento amministrativo. Va pertanto rigettato il ricorso avverso il silenzio serbato dalla PA sull’istanza di regolarizzazione dopo che il datore di lavoro, avendo perso interesse all’assunzione in ragione del tempo trascorso, vi ha formalmente rinunciato.TAR Sicilia, sez. III, 18 giugno 2021, n. 2836 Il Tribunale Amministrativo Regionale per la Sicilia(Sezione Terza) ha pronunciat...
TAR Sicilia, sez. III, 18 giugno 2021, n. 2836

19/2/2021 - Italiana - Amministrativo - TAR
In materia di rilascio del titolo di viaggio per stranieri, la “impossibilità” di ottenere il passaporto dalle autorità dello Stato di origine deve intendersi anche come impossibilità di fatto e non solo giuridica o politica, atteso che l’interpretazione contraria determinerebbe un pregiudizio irreversibile sui diritti e i benefici che l’ordinamento italiano riconosce allo straniero che, oltretutto, finirebbe per non potersi mai recare nel proprio Paese. L’impossibilità di avere contatti con lo Stato di origine non ricomprende pertanto solo i casi in cui il contatto o il rientro ...
TAR Campania, sez. VI, 19 febbraio 2021, n. 1069

20/1/2021 - Italiana - Amministrativo - TAR
Il ricorso avverso il provvedimento di rifiuto di inserimento nel sistema SIPROIMI è correttamente promosso nei confronti della Fondazione convenzionata e del Ministero dell’interno, atteso che entrambi i soggetti pubblici sono responsabili a vario titolo dell’attivazione e dell’attuazione del Servizio centrale che non è di per sé dotato di soggettività giuridica e non può dunque costituire un centro di imputazione di rapporti giuridici autonomo. [Nella fattispecie, è disattesa l’eccezione per difetto di legittimazione passiva del Ministero argomentata sulla provenienza e sull’...
TAR Sicilia, sez. III, 20 gennaio 2021, n. 243

11/1/2021 - Italiana - Amministrativo - CGA Regione siciliana
Gli artt. 5, par. 2, TUI e 9 d.p.r. 394/1999 individuano l’ufficio competente al rilascio o al rinnovo del permesso di soggiorno in base alla situazione del richiedente al momento della presentazione dell’istanza, consentendo così di evitare alla PA gli aggravi connessi a eventuali trasferimenti dello straniero e senza che ciò ostacoli la tutela della posizione di quest’ultimo (potendo adempiere i propri oneri istruttori anche da un luogo diverso). Ne segue che il trasferimento dell’istante in un diverso comune nel corso del procedimento non determina l’incompetenza dell’ufficio ...
Consiglio di giustizia amministrativa per la Regione Siciliana, 11 gennaio 2021, n. 18

8/1/2021 - Italiana - Amministrativo - TAR
L’interesse al rispetto dei termini dell’azione amministrativa non è suscettibile di protezione mediante risarcimento del danno (c.d. danno da ritardo) indipendentemente dalla spettanza del bene della vita sostanziale al quale è finalizzato il procedimento. Ne segue che la sentenza che accerta l’illegittimità del silenzio sull’istanza di rilascio del titolo di viaggio per stranieri, sancendo l’obbligo della PA di adottare un provvedimento conclusivo espresso e senza statuire sul merito della pretesa, non può di per sé fondare la pretesa risarcitoria. [Nella fattispecie, il danno...
TAR Sicilia, sez. II, 8 gennaio 2021, n. 97

5/1/2021 - Italiana - Amministrativo - TAR
La procura rilasciata “a distanza” al difensore nelle forme dell’articolo 83, co. 20-ter, d.l. 18/20 come modificato dalla l. n. 27/20 è utilizzabile sia nel processo amministrativo che ai fini dell’esercizio del diritto di accesso a mezzo di rappresentante atteso che l’interpretazione contraria porrebbe problemi di legittimità costituzionale, sia sotto il profilo della irragionevolezza che della limitazione del diritto alla difesa. In particolare, la mancata estensione della previsione al procedimento amministrativo (cfr. anche art. 84 del d.l. cit.) sembra ascrivibile a un difett...
TAR Campania, sez. VI, 5 gennaio 2021, n. 39

3/11/2020 - Italiana - Amministrativo - TAR
I titolari di protezione umanitaria non hanno un vero e proprio diritto al rilascio del passaporto da parte delle autorità italiane, non potendosi, in particolare, estendere nei loro confronti l’applicazione dell’art. 24, co. 2, d.lgs. n. 251/2007 in materia di protezione sussidiaria. Nondimeno, la circolare del Ministero degli affari esteri del 31 ottobre 1961 e la circolare del Ministro dell’interno del 24 febbraio 2003 stabiliscono che sia rilasciato il documento di viaggio allo straniero, anche non rifugiato politico, impossibilitato ad ottenerlo dal proprio Paese d’origine. È pe...
TAR Lazio, sez. I ter, 3 novembre 2020, n. 11352

2/11/2020 - Italiana - Amministrativo - TAR
1. Appartiene al GA la giurisdizione sul ricorso volto all’annullamento del decreto del 4 ottobre 2019 emesso dal Ministro degli affari esteri, di concerto con i ministri dell’Interno e della Giustizia, recante l’individuazione dei Paesi di origine sicuri (art. 2 bis d.lgs. n. 25/2008). Tale decreto, infatti, si colloca in una fase anteriore e distinta rispetto all’esercizio del diritto d’asilo dei singoli richiedenti protezione, che è dunque coinvolto solo di riflesso. A venire in causa è invece l’esercizio, da parte del Ministero, del potere d’individuazione dei Paesi di orig...
TAR Lazio, sez. III ter, 2 novembre 2020, n. 11179