< Torna all’indice di ricerca

Risultati della ricerca per: “Cittadinanza e Apolidia”

Sono state trovate 446 decisioni - pagina Pagina 35 di 45

29/3/2007 - Italiana - Amministrativo - TAR
È legittimo il provvedimento di diniego della concessione della cittadinanza italiana opposto al cittadino straniero figlio convivente di madre dominicana in possesso di cittadinanza italiana, a motivo della sua cancellazione, nelle more del procedimento di concessione della cittadinanza, dalle liste dell’anagrafe del comune di residenza e quindi della sua irreperibilità. Diversamente da quanto sostenuto dal ricorrente, i requisiti richiesti dalla legge devono sussistere non soltanto al momento della presentazione della istanza, ma per tutta la durata della procedura e fino al giuramento p...
Tar Veneto, Sez. III, Sent. n. 2005 del 29 Marzo 2007

27/3/2007 - Italiana - Amministrativo - TAR
È legittimo il provvedimento di diniego della cittadinanza italiana opposto al cittadino cileno rifugiato in Italia dal 1975 e motivato con riferimento ad una nota dell’autorità di P.S. che ne evidenzierebbe una personalità pericolosa a motivo delle sue frequentazioni politiche. Diversamente da quanto dedotto dalla difesa non è necessario il parere del Consiglio di Stato previsto dall’art. 9, comma 1, della legge 91/1992, quando il Ministro dell’interno non ritenga di formulare la proposta di concessione della cittadinanza. Tar Piemonte, Sez. I, Sent. n. 1386 del 27 marzo 2007, Pres....
Tar Piemonte, Sez. I, Sent. n. 1386 del 27 marzo 2007

27/3/2007 - Italiana - Amministrativo - TAR
È illegittimo il provvedimento di diniego della concessione della cittadinanza italiana per naturalizzazione motivato con riferimento alla nota della questura riportante un precedente penale per guida senza patente. Diversamente da quanto ritenuto dalla difesa del ricorrente, la motivazione per relationem è sufficiente a far ritenere correttamente motivato il provvedimento. L’A. non ha tuttavia esposto le ragioni per le quali ha ritenuto di discostarsi dal parere positivo della medesima questura che, nonostante il precedente penale a carico dello straniero, non ravvisava in esso motivi ost...
Tar Piemonte, Sez. I, Sent. n. 1389 del 27 marzo 2007

22/3/2007 - Italiana - Amministrativo - Consiglio di Stato
È inammissibile, per difetto di giurisdizione, il ricorso avverso il provvedimento di diniego della concessione della cittadinanza italiana iuris communicatione motivato con riferimento alla presenza di una sentenza di condanna a carico del richiedente. Il solo caso in cui la valutazione discrezionale della P.A. comporta un affievolimento del diritto soggettivo ad interesse legittimo è quello concernente l’accertamento dell’esistenza di motivi inerenti alla sicurezza della Repubblica, con conseguente competenza del giudice amministrativo. Per le opposizioni relative all’accertamento di...
Consiglio di Stato, Sez. VI, Decisione n. 1355 del 22 marzo 2007

22/3/2007 - Italiana - Amministrativo - TAR
È illegittimo il provvedimento di rigetto della istanza di concessione della cittadinanza italiana motivato con riferimento alla mancanza di mezzi economici sufficienti per non gravare sul bilancio dello Stato. Il richiedente, in effetti, all’epoca della presentazione della istanza frequentava un corso professionale per intraprendere l’attività di ristorazione ed era a carico del padre. L’A. non ha adeguatamente valutato la situazione complessiva del richiedente e del suo nucleo familiare, considerato anche che il reddito posseduto dal padre è stato ritenuto sufficiente per la concess...
Tar Campania, Sez. IV di Napoli, Sent. n. 2731 del 22 marzo 2007

12/2/2007 - Italiana - Amministrativo - TAR
È legittimo il diniego della concessione della cittadinanza italiana motivato con riferimento all’insufficienza del reddito posseduto dal richiedente. L’Amministrazione ha giustamente preso in considerazione i soli redditi denunciati ai fini fiscali, non potendo essere utilmente valutati i redditi percepiti all’estero non denunciati in Italia. Tar Toscana, Sez. I, Sent. n. 207 del 12 febbraio 2007, Pres. Rel. Vacirca. S.U.R.N.R. – Ministero dell’interno. Sul ricorso n. 1752/2004 proposto da S. U. R. N. R. rappresentato e difeso da: MUGHINI LUIGI NOTARI ALESSANDRO con domicilio elett...
Tar Toscana, Sez. I, Sent. n. 207 del 12 febbraio 2007

5/2/2007 - Italiana - Amministrativo - TAR
È illegittimo e va pertanto annullato il decreto ministeriale che ha negato al richiedente il riconoscimento della cittadinanza italiana iuris communicatione per la sussistenza di motivi inerenti la sicurezza della Repubblica. Trascorso il termine di due anni previsto dall’art. 8, comma 2, della legge 91/92, all’Amministrazione è precluso il potere di rigettare la richiesta dello straniero. Nelle more dei due anni dalla presentazione della istanza, il diritto soggettivo del coniuge del cittadino italiano affievolisce ad interesse legittimo solo se l’Amministrazione competente esercita ...
Tar Lazio, Sez. II quater, Sent. n. 859 del 5 febbraio 2007

17/1/2007 - Italiana - Amministrativo - TAR
È illegittimo il provvedimento di diniego della concessione della cittadinanza italiana opposto al cittadino americano a motivo della presenza di elementi risultanti dal casellario giudiziale che ne renderebbero inopportuna la concessione. Non essendo previsto dalla legge un tale automatismo, l’A. avrebbe dovuto esternare i motivi per cui un reato non grave ed ormai estinto non consentirebbe il richiesto rilascio. La stessa inoltre avrebbe dovuto valutare in modo più approfondito la peculiarità della situazione del richiedente, trattandosi di soggetto di ormai 50 anni, che all’età di 2...
Tar Campania, Napoli, Sez. IV, Sent. n. 2724 del 17 Gennaio 2007

17/1/2007 - Italiana - Amministrativo - TAR
È legittimo il provvedimento di diniego della concessione della cittadinanza italiana motivato con riferimento ai precedenti penali del richiedente in territorio francese e a presunti suoi legami con l’integralismo islamico. Tali elementi devono considerarsi preminenti rispetto all’incontestato inserimento sociale dello stesso. Diversa è infatti la valutazione operata dall’Amministrazione a seconda che sia richiesto un permesso di soggiorno ovvero la cittadinanza, atteso che nei confronti dei cittadini non sono utilizzabili, per ovvie ragioni, gli strumenti di tutela di cui l’ordinam...
Tar Lombardia, Sez. I, Sent. n. 61 del 17 gennaio 2007

5/12/2006 - Italiana - Amministrativo - TAR
È inammissibile il ricorso avverso il silenzio serbato dall’Amministrazione sulla istanza di concessione della cittadinanza italiana. Esso è infatti tardivo in quanto presentato dopo la scadenza del termine annuale concesso per la proposizione del ricorso in esame, termine decorrente dalla scadenza dei 730 giorni concessi all’Amministrazione per pronunciarsi sulla richiesta. La diffida a provvedere non è altresì idonea ad interrompere o sospendere il detto termine, in quanto non più prevista dalla novella legge n. 15 del 2005. Tar Lazio, Sez. II quater, Sent. n. 566 del 5 dicembre 200...
Tar Lazio, Sez. II quater, Sent. n. 566 del 5 dicembre 2006