< Torna all’indice di ricerca

Risultati della ricerca per: “Cittadinanza e Apolidia”

Sono state trovate 446 decisioni - pagina Pagina 33 di 45

28/4/2008 - Italiana - Amministrativo - TAR
È illegittimo il provvedimento di diniego del riconoscimento della cittadinanza italiana che ha preso in considerazione unicamente la ridotta capacità lavorativa dello straniero richiedente, rimasto invalido a seguito di un incidente sul lavoro, e non la somma pari a 30.000,00 euro quale risarcimento danni per il detto infortunio. Tar Veneto, Sez. III, Sent. n. 1138 del 28 aprile 2008, Pres. Buricelli, Rel. Mielli. E.O.E.M. – Ministero dell’interno. Sul ricorso n. 984/2004, proposto da E. O. E. M., rappresentato e difeso dagli avv.ti Sergio Brusadin e Matteo Tasca, con domicilio eletto p...
Tar Veneto, Sez. III, Sent. n. 1138 del 28 aprile 2008

15/4/2008 - Italiana - Amministrativo - TAR
È illegittimo il decreto di rigetto della istanza di concessione della cittadinanza italiana motivato con riferimento ad una nota coperta dal segreto del Ministero dell’interno, dalla quale sarebbe emerso che il richiedente avrebbe relazioni con servizi informativi esteri, svolgerebbe traffici illeciti con organizzazioni estere mediante fittizie imprese commerciali, sarebbe stato condannato per emissione di assegni a vuoto e vi sarebbe un procedimento penale pendente per violazione della legge sugli stupefacenti. Sebbene la motivazione del diniego di concessione della cittadinanza italiana ...
Tar Lombardia, Sez. I, Sent. n. 370 del 15 aprile 2008

7/4/2008 - Italiana - Amministrativo - TAR
È competente il G.A. a conoscere le controversie in materia di cittadinanza, anche nei casi contemplati dalla lett. b) dell’art. 6 della legge 5.2.1992, n, 91. È legittimo il provvedimento di diniego della concessione della cittadinanza italiana che ha valutato quale elemento ostativo, ex art. 6, comma 1, lett. b), della legge 91/1992, la sentenza di condanna con rito del patteggiamento per il reato di detenzione di stupefacenti. Riaffermata l’equiparazione della sentenza patteggiata ad una pronuncia di condanna, il ricorrente, nel caso di specie, vanta nei confronti della P.A. solamente...
Tar Piemonte, Sez. I, Sent. n. 546 del 7 aprile 2008

27/2/2008 - Italiana - Amministrativo - TAR
È legittimo il provvedimento di diniego della concessione della cittadinanza italiana opposto al rifugiato palestinese, regolarmente residente da circa venti anni in Italia e prossimo al conseguimento della laurea in medicina. Il provvedimento de quo è infatti sufficientemente motivato con riferimento per relationem alla nota del Dipartimento della P.S. il cui contenuto, pur essendo riservato, faccia intendere che già l’attuale attività del richiedente presenti un qualche margine di rischio per la sicurezza dello Stato e che quindi non sia opportuno concedergli la cittadinanza perché ci...
Tar Lazio, Sez. II quater, Sent. n. 2465 del 27 febbraio 2008

18/12/2007 - Italiana - Amministrativo - Consiglio di Stato
È legittimo il provvedimento di diniego della concessione della cittadinanza italiana iure communicatione, motivato, anche solo per relationem, con riferimento alla assenza di coabitazione tra la richiedente ed il marito, cittadino italiano. L’acquisto della cittadinanza italiana non è automatico, ma da limitarsi ai casi veramente meritevoli. Pertanto, non è sufficiente il dato formale della celebrazione del matrimonio, ma è indispensabile l’instaurazione di un effettivo rapporto coniugale, con il rispetto dei conseguenti doveri civili di fedeltà, assistenza, collaborazione e coabitaz...
Consiglio di Stato, Sez. VI, Decisione n. 6526 del 18 dicembre 2007

5/12/2007 - Italiana - Amministrativo - TAR
È legittimo il provvedimento di diniego di concessione della cittadinanza italiana opposto alla cittadina straniera che non disponga di un reddito autonomo, ma dipenda economicamente dal marito, anch’egli cittadino straniero. Nel caso di specie, la ricorrente è in possesso del solo requisito consistente nella disponibilità di mezzi tali da non gravare sulla collettività, ma non dell’altro requisito di apportare un contributo autonomo ed ulteriore alla comunità. La situazione familiare descritta, non garantisce che l’interessata possa liberamente disporre del reddito famigliare per f...
Tar Lazio, Sez. II quater, Sent. n. 12555 del 5 dicembre 2007

22/11/2007 - Italiana - Civile - Cassazione
È dichiarata cittadina italiana la richiedente, di origine dominicana, sposata con cittadino italiano e condannata con sentenza di patteggiamento ex art. 444 c.p.p. in data antecedente alle innovazioni introdotte con le leggi 97/2001 e 134/2003. Prima dell’entrata in vigore delle citate leggi, la sentenza di patteggiamento non conteneva l’accertamento della responsabilità. Ne segue che la legge n. 91 del 1992, approvata dopo l'entrata in vigore del nuovo c.p.p, ma prima delle richiamate modifiche legislative, richiede un completo accertamento di responsabilità e un giudizio di colpevole...
Corte di Cassazione, Sez. I civile, Sent. n. 24312 del 22 novembre 2007

2/11/2007 - Italiana - Amministrativo - Consiglio di Stato
È legittimo il provvedimento di diniego della concessione della cittadinanza italiana opposto alla cittadina straniera il cui marito risulti, da accertamenti di polizia, aver frequentato un noto esponente della criminalità albanese. L’interesse pubblico alla concessione della cittadinanza, impone che si valutino, anche sotto il profilo indiziario, le prospettive di ottimale inserimento del soggetto interessato nel contesto sociale del paese ospitante, sotto il profilo dell’apporto lavorativo e del rispetto delle regole del paese stesso. In tale ottica, non può ritenersi censurabile l’...
Consiglio di Stato, Sez. VI, Decisione n. 5680 del 2 novembre 2007

3/10/2007 - Italiana - Amministrativo - Consiglio di Stato
È legittimo il provvedimento di diniego della concessione della cittadinanza italiana per naturalizzazione allo straniero sospettato di essere simpatizzante di un’organizzazione estremistica. Vero che l’A. non ha dedotto, a sostegno della sua motivazione, comprovati e fondati motivi, ma è altrettanto vero che il provvedimento di concessione della cittadinanza, in quanto attributivo di uno status, è irrevocabile. Di conseguenza, legittimamente l’A. esercita con molta cautela tale suo potere. Consiglio di Stato, Sez. VI, Decisione n. 5103 del 3 ottobre 2007, Pres. Ruoppolo, Rel. Giovagn...
Consiglio di Stato, Sez. VI, Decisione n. 5103 del 3 ottobre 2007

21/8/2007 - Italiana - Amministrativo - TAR
È illegittimo, per difetto assoluto di motivazione, il provvedimento di diniego della concessione della cittadinanza italiana, recante la non opportunità del provvedimento richiesto per ragioni di sicurezza della Repubblica in riferimento ad una nota del Dipartimento di pubblica sicurezza, non prodotta in giudizio dall’A. nonostante due ordinanze di esibizione della stessa. In caso di diniego della istanza, è fatto obbligo al Ministro competente di emettere un decreto motivato e la motivazione può essere anche “per relationem” ad altro provvedimento o atti istruttori. Questi ultimi, ...
Tar Calabria, Sent. n. 868 del 21 agosto 2007