< Torna all’indice di ricerca

Risultati della ricerca per: “Carta di soggiorno (Permesso di soggiorno UE per soggiornanti di lungo periodo)”

Sono state trovate 392 decisioni - pagina Pagina 32 di 40

3/12/2008 - Italiana - Amministrativo - TAR
È legittimo il provvedimento di revoca della carta di soggiorno opposto al cittadino straniero condannato per aver importato sostanze stupefacenti e raggiunto dalla misura di sicurezza della espulsione. L’A. ha correttamente ritenuto che l’espulsione è ostativa alla permanenza o rilascio del titolo di soggiorno, a nulla rilevando che la sentenza penale di condanna non sia ancora passata in giudicato. Tar Lombardia, Sez. III, Sent. n. 5696 del 3 dicembre 2008, Pres. Giordano, Rel. Simeoli. S.M. – Ministero dell’interno, Questura di Milano. Visto il ricorso 1000/2007 proposto da S. M. ...
Tar Lombardia, Sez. III, Sent. n. 5696 del 3 dicembre 2008

1/10/2008 - Italiana - Amministrativo - Consiglio di Stato
È legittimo il provvedimento di revoca della carta di soggiorno opposto allo straniero condannato per il tentato omicidio di un suo connazionale per futili motivi. I benefici concessi dal giudice penale, quali gli arresti domiciliari e l’obbligo di presentazione ai Carabinieri una volta alla settimana, non hanno alcun riflesso sul procedimento amministrativo, vista l’autonomia del giudizio di pericolosità in esso operato. Consiglio di Stato, Sez. VI, Decisione n. 4730 del 1° ottobre 2008, Pres. Varrone, Rel. Colombati. B.A. – Ministero dell’interno. Sul ricorso in appello proposto d...
Consiglio di Stato, Sez. VI, Decisione n. 4730 del 1° ottobre 2008

28/7/2008 - Italiana - Amministrativo - TAR
È illegittimo il provvedimento di diniego del rilascio del permesso di soggiorno CE, motivato con riferimento al rapporto di lavoro fittizio documentato dallo straniero a sostegno della istanza. In assenza di una sentenza di condanna, l’unica conseguenza è che la relativa documentazione è inutilizzabile, mentre non può fondare di per sé un diniego della istanza. L’interessato, inoltre, è ammesso a provare, ai sensi dell’art. 5, comma 5, del D.Lgs. 286/98, di possedere sufficienti mezzi di sostentamento, anche sopravvenuti successivamente alla presentazione della domanda di rinnovo,...
Tar Veneto, Sez. III, Sent. n. 2136 del 28 luglio 2008

7/7/2008 - Italiana - Amministrativo - TAR
È illegittimo il provvedimento di diniego del rilascio del pds CE per soggiornanti di lungo periodo e di contestuale revoca del precedente pds, motivato con riferimento al fatto che l’interessato, per ottenere il precedente rinnovo, aveva fornito documentazione falsa circa un lavoro fittizio. Tale circostanza non può fondare il diniego del rinnovo se l’interessato è in grado di dimostrare, come nel caso di specie, di essere in possesso, al momento dell'adozione del provvedimento negativo da parte della Questura, di adeguato e lecito reddito. Tar Veneto, Sez. III, Sent. n. 1940 del 7 lug...
Tar Veneto, Sez. III, Sent. n. 1940 del 7 luglio 2008

2/7/2008 - Italiana - Amministrativo - TAR
È legittimo il provvedimento di diniego del rilascio della carta di soggiorno motivata con riferimento alla condanna patteggiata subita dal richiedente per reato inerente gli stupefacenti. L’A. ha correttamente compiuto e motivato il giudizio di pericolosità sociale, tenendo conto della grave condanna dallo stesso subita nulla rilevando i diversi apprezzamenti espressi dalla questura durante gli accertamenti effettuati su richiesta del tribunale di sorveglianza, essendo stati effettuati per diversa finalità. Tar Veneto, Sez. III, Sent. n. 1999 del 2 luglio 2008, Pres. De Zotti, Rel. Buric...
Tar Veneto, Sez. III, Sent. n. 1999 del 2 luglio 2008

2/7/2008 - Italiana - Amministrativo - TAR
È illegittimo il silenzio serbato dall’A. sull’istanza di rilascio della carta di soggiorno, protrattosi oltre i 90 giorni concessi dalla legge all’A. per provvedere. Il G.A., invece, non può conoscere, nel caso di specie, della fondatezza della pretesa. Il rilascio del permesso di soggiorno per soggiornanti di lungo periodo è subordinato all'accertamento della mancanza di molteplici elementi ostativi suscettibili di apprezzamenti ampiamente discrezionali, che l’A. dovrà compiere nel termine di trenta giorni dalla comunicazione o dalla notificazione della presente sentenza. Tar Ven...
Tar Veneto, Sez. III, Sent. n. 2127 del 28 luglio 2008

20/6/2008 - Italiana - Amministrativo - TAR
È illegittimo il provvedimento di diniego del rilascio della carta di soggiorno motivato con riferimento ad una sentenza definitiva, con la quale il richiedente era stato condannato per il reato di cessione illecita di sostanze stupefacenti, successivamente estinto per l’avvenuta riabilitazione. Sebbene il reato di cui il ricorrente si è macchiato osti al rilascio del permesso di soggiorno CE di cui all’art. 9 del D.Lgs. 286/98 e sebbene la citata norma non prenda in considerazione la riabilitazione, l’A. ha omesso di valutare la durata del soggiorno nel territorio nazionale e l’inse...
Tar Piemonte, Sez. II, Sent. n. 1400 del 20 giugno 2008

6/6/2008 - Italiana - Amministrativo - TAR
È illegittimo il provvedimento di diniego del rinnovo del permesso di soggiorno motivato con riferimento ad un precedente provvedimento di revoca e di conseguente espulsione risalente al 1998, poi sospeso a seguito di ricorso dello straniero. Nelle more dell’iter processuale egli ha ottenuto il ricongiungimento familiare con la moglie ed il figlio, è divenuto nuovamente padre di un figlio nato in Italia ed ha trovato una stabile occupazione lavorativa. Considerati, quindi, la durata della sua permanenza in Italia ed il suo inserimento sociale, allo stesso potrebbe anche essere rilasciato u...
Tar Emilia Romagna, Sez. I, Sent. n. 2340 del 6 giugno 2008

6/6/2008 - Italiana - Amministrativo - TAR
È illegittimo il provvedimento di diniego del rinnovo del permesso di soggiorno opposto alla cittadina straniera a motivo della cessazione della sua convivenza con il marito italiano. Considerato l’inserimento socio-lavorativo suo e di suo figlio, alla ricorrente potrebbe essere rilasciato il pds CE per lungo soggiornati; mentre non può costituire ragione valida di diniego la sua separazione dal marito e la cessazione della convivenza, atteso che si tratta di condizioni del tutto ininfluenti sulla sua situazione lavorativa e alloggiativa. Tar Emilia Romagna, Sez. I, Sent. n. 2342 del 6 giu...
Tar Emilia Romagna, Sez. I, Sent. n. 2342 del 6 giugno 2008

6/6/2008 - Italiana - Amministrativo - TAR
È illegittimo, per difetto di motivazione e violazione di legge, il provvedimento che ha negato al cittadino straniero il rilascio della carta di soggiorno, ovvero del rinnovo del permesso di soggiorno già in suo possesso, motivato con riferimento al fatto che egli è privo del passaporto. Il passaporto, invero, è necessario per fare ingresso in Italia e per il rilascio del primo permesso di soggiorno, non anche per il suo rinnovo o per il rilascio della carta di soggiorno. Considerato, inoltre, che il ricorrente è perfettamente integrato in Italia, dove vive con i quattro figli e la mogli...
Tar Emilia Romagna, Sez. I, Sent. n. 2343 del 6 giugno 2008