< Torna all’indice di ricerca

Risultati della ricerca per: “Carta di soggiorno (Permesso di soggiorno UE per soggiornanti di lungo periodo)”

Sono state trovate 370 decisioni - pagina Pagina 29 di 37

29/4/2009 - Italiana - Amministrativo - TAR
È illegittimo il provvedimento di diniego del rilascio della carta di soggiorno per coesione familiare, opposto al cittadino americano titolare di pensione annua di importo ben superiore all’importo annuo dell’assegno sociale. La mancanza del reddito necessario, opposto al richiedente, non poteva discendere dalla documentazione allegata (un prospetto informativo dell’ente assistenziale americano privo di valore ufficiale). L’A., ai sensi dell’art. 6 della legge n. 241/1990, avrebbe dovuto chiedere all’istante di fornire adeguati chiarimenti in merito nonché integrazioni documenta...
Tar Lazio, Sez. II quater, Sent. n. 4417 del 29 aprile 2009

9/4/2009 - Italiana - Amministrativo - TAR
È illegittimo il provvedimento di revoca del permesso di soggiorno CE per lungosoggiornanti, opposto al cittadino straniero condannato per un reato inerente il diritto d’autore. L’art. 9 del D.Lgs. 286/98, in tema di permesso di soggiorno CE, non consente l’automatico diniego o revoca del titolo di soggiorno, previsto invece dall’art. 26, comma 7, del D.Lgs. citato, in tema di permesso di soggiorno rilasciato ad altro titolo. Tar Emilia Romagna, Sez. I, Sent. n. 444 del 9 aprile 2009, Pres. Piscitello, Rel. Brini. A.A.B. – Questura di Forlì-Cesena, Ministero dell’interno. Sul ric...
Tar Emilia Romagna, Sez. I, Sent. n. 444 del 9 aprile 2009

17/2/2009 - Italiana - Amministrativo - Consiglio di Stato
È illegittimo il provvedimento che ha negato allo straniero il rinnovo del permesso di soggiorno, a motivo della condanna riportata per un reato di commercio di prodotti con segni falsi, ed ha contestualmente negato il rilascio della carta di soggiorno come mera conseguenza del diniego del rinnovo del titolo già detenuto dal richiedente. Invero, i presupposti per il rilascio dei due diversi titoli di soggiorno sono differenti. In particolare, nell’art. 9 del D.Lgs. 286/98 non vi è quell’automatismo che consente di negare il rilascio o il rinnovo del permesso di soggiorno in presenza di ...
Consiglio di Stato, Sez. VI, Decisione n. 896 del 17 febbraio 2009

14/1/2009 - Italiana - Amministrativo - TAR
È legittimo il decreto di espulsione emesso dal Ministero dell’interno nei confronti di un Imam, a motivo dei suoi stretti legami con l’integralismo islamico e della sua intensa attività di proselitismo. Non è condivisibile la tesi difensiva, secondo la quale al ricorrente, titolare di carta di soggiorno, dovrebbe applicarsi l’art. 9, comma 5, del D.Lgs. 286/98, che richiama i “gravi motivi di ordine pubblico o sicurezza nazionale”, e non il successivo art. 13, che invece si riferisce ai “motivi di ordine pubblico o di sicurezza dello Stato”. Invero, i detti concetti, anche ne...
Tar Lazio, Sez. I ter, Sent. n. 155 del 14 gennaio 2009

14/1/2009 - Italiana - Amministrativo - TAR
È legittimo il provvedimento di diniego del rilascio del pds CE per lungosoggiornanti opposto alla cittadina straniera che non sia stata in grado di provare il possesso per almeno cinque anni di un reddito non inferiore all'importo annuo dell'assegno sociale. È invece illegittimo il contestuale diniego di rinnovo del permesso di soggiorno già posseduto dall’interessata. Essendo infatti la stessa entrata in Italia per ricongiungimento familiare, l’A. avrebbe dovuto tener conto della natura e della effettività dei suoi vincoli familiari e dell'esistenza di legami familiari e sociali con ...
Tar Veneto, Sez. III, Sent. n. 35 del 14 gennaio 2009

2/1/2009 - Italiana - Amministrativo - TAR
È legittimo il provvedimento di revoca della carta di soggiorno e di rigetto della istanza di rilascio di permesso di soggiorno opposto al cittadino straniero risultato condannato con sentenza irrevocabile per il reato di furto aggravato. Non può essere condivisa la difesa del ricorrente, secondo la quale alla fattispecie in esame troverebbe applicazione il disposto dell’art. 9 del D.Lgs. 286/98, come novellato dal D.Lgs. n. 3/2007, che impone all’Amministrazione valutazioni ulteriori concernenti la durata del soggiorno sul territorio, l’attività lavorativa dell’interessato, le cons...
Tar Veneto, Sez. III, Sent. n. 5 del 2 gennaio 2009

12/12/2008 - Italiana - Amministrativo - TAR
Qualora vi siano elementi di fatto, anche se concretatisi in un singolo episodio ed anche a prescindere dal vaglio del medesimo da parte del giudice penale, sufficienti a generare un notevole allarme sociale, il giudizio di pericolosità deve ritenersi giustificato, tenendo presente che si tratta comunque di attività discrezionale della pubblica amministrazione, sindacabile unicamente in caso di illogicità, di carenza di presupposti, o di manifesta incongruità. Tar Veneto, Sez. III, Sent. n. 3845 del 12 dicembre 2008, Pres. De Zotti, Rel. Perrelli. O.P.O. – Ministero dell’interno. Sul r...
Tar Veneto, Sez. III, Sent. n. 3845 del 12 dicembre 2008

3/12/2008 - Italiana - Amministrativo - TAR
È legittimo il provvedimento che ha negato il rilascio del permesso di soggiorno CE per lungosoggiornanti e contemporaneamente ha annullato il pds già posseduto dal richiedente, in quanto ottenuto sulla base di un rapporto di lavoro fittizio. Non può rilevare, quale circostanza positiva sopravvenuta, l’intrapresa attività autonoma da parte dello straniero, dal momento che essa non è stata portata a conoscenza dell’A. per la sua valutazione. Inoltre, la condizione di soggiornante di lungo periodo, che sta alla base del rilascio del pds CE per lungosoggiornanti, presuppone che il period...
Tar Lombardia, Sez. III, Sent. n. 5688 del 3 dicembre 2008

3/12/2008 - Italiana - Amministrativo - TAR
È legittimo il provvedimento di revoca della carta di soggiorno opposto al cittadino straniero condannato per aver importato sostanze stupefacenti e raggiunto dalla misura di sicurezza della espulsione. L’A. ha correttamente ritenuto che l’espulsione è ostativa alla permanenza o rilascio del titolo di soggiorno, a nulla rilevando che la sentenza penale di condanna non sia ancora passata in giudicato. Tar Lombardia, Sez. III, Sent. n. 5696 del 3 dicembre 2008, Pres. Giordano, Rel. Simeoli. S.M. – Ministero dell’interno, Questura di Milano. Visto il ricorso 1000/2007 proposto da S. M. ...
Tar Lombardia, Sez. III, Sent. n. 5696 del 3 dicembre 2008

1/10/2008 - Italiana - Amministrativo - Consiglio di Stato
È legittimo il provvedimento di revoca della carta di soggiorno opposto allo straniero condannato per il tentato omicidio di un suo connazionale per futili motivi. I benefici concessi dal giudice penale, quali gli arresti domiciliari e l’obbligo di presentazione ai Carabinieri una volta alla settimana, non hanno alcun riflesso sul procedimento amministrativo, vista l’autonomia del giudizio di pericolosità in esso operato. Consiglio di Stato, Sez. VI, Decisione n. 4730 del 1° ottobre 2008, Pres. Varrone, Rel. Colombati. B.A. – Ministero dell’interno. Sul ricorso in appello proposto d...
Consiglio di Stato, Sez. VI, Decisione n. 4730 del 1° ottobre 2008