< Torna all’indice di ricerca

Risultati della ricerca per: “Accordi internazionali”

Sono state trovate 5 decisioni - pagina

24/10/2018 - Europea - Diritto dell'Unione europea - Corte di Giustizia dell'Unione Europea
L’articolo 45 TFUE non osta al regime tributario di uno Stato membro, derivante da una convenzione fiscale diretta a evitare la doppia imposizione, che subordina l’esenzione dei redditi di un residente, provenienti da un altro Stato membro e relativi a un posto di lavoro subordinato occupato in quest’ultimo Stato, alla condizione che l’attività per la quale i redditi vengono corrisposti sia effettivamente esercitata in tale Stato. Corte di giustizia dell’Unione europea, sez. VI, 24 ottobre 2018, C‑602/17(n. 324) Nella causa C‑602/17, avente ad oggetto la domanda di pronuncia p...
Corte di giustizia dell’Unione europea, sez. VI, 24 ottobre 2018, C 602/17

19/7/2018 - Italiana - Costituzionale - Corte costituzionale
Non compete al singolo parlamentare membro della Camera dei deputati bensì eventualmente alla Camera d’appartenenza la proposizione alla Corte del conflitto di attribuzione tra poteri dello Stato nei confronti del Governo della Repubblica italiana, in relazione all’omessa presentazione del progetto di legge di autorizzazione alla ratifica del “Memorandum d’intesa sulla cooperazione nel campo dello sviluppo, del contrasto all’immigrazione illegale, al traffico di esseri umani, al contrabbando e sul rafforzamento della sicurezza delle frontiere tra lo Stato della Libia e la Repubblica...
Corte costituzionale, ord. 19 luglio 2018, n. 163

18/5/2018 - Italiana - Civile - Cassazione
In tema di IVA, la nozione di “stabile organizzazione” di una società straniera in Italia va desunta dall’art. 5 del Modello di convenzione Ocse contro la doppia imposizione e dal suo Commentario, con l’integrazione dei requisiti prescritti dall’art. 9 della Sesta direttiva Cee n. 77/388 del Consiglio del 17 maggio 1977 per l’individuazione di un centro di attività stabile. Quest’ultimo consiste in una struttura dotata di risorse materiali ed umane, e può essere costituito anche da un’entità dotata di personalità giuridica, alla quale la società straniera abbia affidato a...
Corte di cassazione, sez. V, 18 maggio 2018, n. 12237

21/3/2018 - Italiana - Penale - Cassazione
Non emergendo dai documenti prodotti dalla parte l’avvenuto pagamento delle imposte in Svizzera (il quale soltanto avrebbe consentito di ritenere fondata l’eccepita violazione del divieto di doppia imposizione) relativamente allo stesso reddito su cui si fonda la contestazione di omessa presentazione delle dichiarazioni dei redditi per gli anni di imposta 2010-2013, configurante il reato di cui al d.lgs. n. 74 del 2000, art. 5, l’ordinanza impugnata (che confermava il sequestro preventivo di Euro 2.230.776 pari all’importo contestato come imposta IRPEF evasa) deve ritenersi insuscet...
Corte di cassazione, sez. III, 21 marzo 2018, n. 13114

10/11/2017 - Italiana - Civile - Cassazione
Al fine di pervenire alla corretta interpretazione della norma di cui all’articolo 4, comma 2, lettera a, della convenzione Italia-Russia contro le doppie imposizioni occorre analizzare il testo del modello di convenzione elaborato in sede OCSE, sulla base del quale sono stati elaborati i testi dei trattati internazionali per evitare le doppie imposizioni sui redditi e/o sul patrimonio dei rispettivi residenti.Secondo il modello di convenzione OCSE, dunque, la persona fisica è considerata residente nello Stato se in esso ha a disposizione una abitazione permanente da intendersi come una sit...
Corte di cassazione, sez. V, 10 novembre 2017, n. 26638