< Torna all’indice di ricerca

Risultati della ricerca per: “Accordi internazionali”

Sono state trovate 14 decisioni - pagina Pagina 1 di 2

15/7/2020 - Italiana - Amministrativo - Consiglio di Stato
Il finanziamento di attività di supporto tecnico e formativo delle autorità libiche (v. decreto del direttore generale della DG per gli italiani all'estero e le politiche migratorie del MAECI n. 4110/47 del 28 agosto 2017) non contrasta con le finalità istitutive del c.d. “Fondo per l’Africa” (art. 1, co. 621, della l. n. 232/2016). Infatti, occorre distinguere la finalità (legittima) dell’intervento finanziato – volto a rafforzare l’assistenza tecnica alle autorità libiche per contrastare il traffico di migranti nel Mediterraneo – e le eventuali conseguenze in punto di viol...
Consiglio di Stato, sez. IV, 15 luglio 2020, n. 4569

1/7/2020 - Italiana - Penale - Cassazione
La c.d. “natura dinamica” della verifica della ricorrenza della giurisdizione – per cui il giudice può e deve costantemente controllare, per tutto il corso del processo, se i fatti oggetto dell’imputazione rientrino nell’ambito della propria giurisdizione (cfr. art. 20 c.p.p.)- richiede che anche nella fase prodromica delle indagini preliminari vi sia certezza circa il potere dell’AG di conoscere del fatto. Pertanto, qualora nella fase iniziale del procedimento gli elementi fattuali rivelino ambiguità o debolezza dimostrativa (quanto al rapporto con la norma attributiva della giu...
Corte di cassazione, sez. I penale, 1° luglio 2020, n. 19762

2/9/2019 - Italiana - Amministrativo - Consiglio di Stato
Il Memorandum d’intesa del 2 febbraio 2017 tra il Governo italiano ed il Governo di riconciliazione nazionale dello Stato di Libia è un accordo internazionale che prevede l’assunzione di obblighi reciproci nell’ambito della gestione dei flussi migratori, impegnandosi in particolare i due Stati a cooperare nella predisposizione di campi di accoglienza temporanei in Libia per ricoverarvi i migranti clandestini, nel tempo necessario a rimpatriarli nel paese d’origine, e prevedendosi a tal fine la costituzione di un comitato misto che dovrebbe definire le singole azioni.Poiché l’accord...
Consiglio di Stato, sez. III, 2 settembre 2019, n. 06028

14/8/2019 - Italiana - Amministrativo - TAR
Sono integrati i presupposti per l’accoglimento della domanda cautelare di sospensione del provvedimento del Ministro dell’interno, di concerto con il Ministro della difesa e con il Ministro delle infrastrutture e dei trasporti, con cui è stato disposto il divieto di ingresso, transito e sosta della nave soccorritrice “nel mare territoriale nazionale”. Quanto al fumus, la stessa amministrazione intimata, nelle premesse del provvedimento impugnato, riconosce la situazione di evidente difficoltà del natante soccorso in area SAR libica che definisce in “distress”, con riferimento al...
TAR Lazio, sez. I-ter, 14 agosto 2019, n. 05479

2/7/2019 - Italiana - Penale - Merito
Premesso che non è ravvisabile la fattispecie delittuosa di cui all’art. 1100 cod. nav in quanto le unità navali della Guardia di Finanza sono considerate navi da guerra solo “quando operano fuori dalle acque territoriali ovvero in porti esteri ove non vi sia una autorità consolare” e non quando operano in acque territoriali, all’interno del porto di Lampedusa, gli obblighi esistenti in materia di diritto della navigazione (la Convenzione sul diritto del mare Montego Bay, la Convenzione cd. SOLAS del 1974, la convenzione di Amburgo del 1979, gli artt. 490 e 1158 Codice della navigaz...
Tribunale di Agrigento, Ufficio GIP, ordinanza sulla richiesta di convalida di arresto e di applicazione della misura cautelare, 2 luglio 2019

21/6/2019 - Italiana - Penale - Cassazione
In deroga al principio della territorialità, si radica la competenza del giudice italiano per i reati commessi sulla nave battente bandiera di altro Stato e in alto mare, per effetto dell’art. 7, co. 5 c.p., in presenza di speciali disposizioni di legge o di convenzioni internazionali. Rientra in quest’ultima ipotesi la previsione dell’art. 17 par. IV della Convenzione di Vienna del 1988, ratificata dall'Italia con la legge n. 328/90, secondo cui lo Stato di bandiera può autorizzare lo Stato richiedente a fermare la nave in alto mare per ispezionarla, visitare la nave e, se sono scoper...
Corte di cassazione, sez. III, 21 giugno 2019, n. 27691

3/6/2019 - Italiana - Penale - Merito
Scriminata per legittima difesa è la condotta degli imputati che, durante un’operazione di soccorso in mare, con minacce e violenza impedivano all’equipaggio della nave battente bandiera italiana di eseguire l’ordine ricevuto dalla Guardia costiera libica di riportare i migranti sulle coste libiche. Il GIP ha ritenuto integrati tutti gli elementi della legittima difesa, poiché gli imputati hanno agito per tutelare il loro diritto alla vita, all’integrità fisica e sessuale ed il loro diritto a sbarcare in un porto sicuro. Pertanto l’esecuzione dell’ordine della guardia costiera l...
Tribunale di Trapani, Ufficio del giudice per le indagini preliminari, 3 giugno 2019

16/4/2019 - Europea - Diritti fondamentali - Corte europea dei diritti dell'uomo
A quasi tre anni dalla repressione seguita al tentativo di colpo di Stato in Turchia nel luglio 2016, la Corte EDU affronta per la prima volta la detenzione e destituzione di oltre 3.000 magistrati turchi. Con la sentenza del 16 aprile, in ordine al caso del giudice costituzionale Alparslan Altan (arrestato il 16 luglio 2016 e a tutt’oggi detenuto), la Corte di Strasburgo ribadisce il nucleo fondamentale del diritto alla libertà e sicurezza di cui all’art. 5 CEDU e giudica arbitrari l’arresto e l’ordine di detenzione adottati in assenza di ragionevoli elementi di prova, basati su el...
Corte europea dei dritti dell’uomo, sez. II, Alparslan Altan c. Turchia, 16 aprile 2019, n. 12778/17

28/3/2019 - Italiana - Penale - Cassazione
I controlli e i poteri in acque non territoriali da parte dello Stato sulle navi estere sospettate di svolgere traffico illecito di sostanze stupefacenti sono inderogabilmente vincolati al consenso discrezionale dello Stato di bandiera e vanno necessariamente modulati sulla falsariga dello specifico contenuto della autorizzazione preventiva da esso rilasciata.Allo stato attuale ogni forma di intervento unilaterale finalizzato alla repressione del narcotraffico in alto mare non può prescindere da un rapporto collaborazione con lo Stato di bandiera della nave sospetta se questa è di nazionalit...
Corte di cassazione, sez. IV, 28 marzo 2019, n. 13597

24/10/2018 - Europea - Diritto dell'Unione europea - Corte di Giustizia dell'Unione Europea
L’articolo 45 TFUE non osta al regime tributario di uno Stato membro, derivante da una convenzione fiscale diretta a evitare la doppia imposizione, che subordina l’esenzione dei redditi di un residente, provenienti da un altro Stato membro e relativi a un posto di lavoro subordinato occupato in quest’ultimo Stato, alla condizione che l’attività per la quale i redditi vengono corrisposti sia effettivamente esercitata in tale Stato. Corte di giustizia dell’Unione europea, sez. VI, 24 ottobre 2018, C‑602/17(n. 324) Nella causa C‑602/17, avente ad oggetto la domanda di pronuncia p...
Corte di giustizia dell’Unione europea, sez. VI, 24 ottobre 2018, C 602/17