< Torna all’indice di ricerca

Risultati della ricerca per: “Asilo/Protezione internazionale e umanitaria/Tratta”

Sono state trovate 1077 decisioni - pagina Pagina 104 di 108

4/6/2002 - Italiana - Civile - Cassazione
Il giudice di merito non può annullare il provvedimento di espulsione, in relazione a quanto disposto dall’articolo 10, comma 4 del D.Lgs. n. 286 del 1998, se lo straniero non dimostra di aver presentato una richiesta di riconoscimento dello status di rifugiato. (4/2002) Cass. Sez.1, n. 8067 del 4 giugno 2002. Pres. De Musis, rel. Macioce. Min. interno – Mohammed. In tema di espulsione dello straniero, l’articolo 10 comma 4 del D.Lgs. 286 del 1998, nell’escludere la legittimità del provvedimento di espulsione per i soggetti che versino nelle condizioni «previste dalle disposizioni v...
Cass. Sez.1, n. 8067 del 4 giugno 2002.

27/5/2002 - Italiana - Amministrativo - Consiglio di Stato
In materia di riconoscimento dello status di rifugiato politico sussiste la giurisdizione del giudice amministrativo sulla base degli ordinari principi circa il riparto giurisdizionale tra giudice ordinario e giudice amministrativo, sussistendo un ampio potere discrezionale da parte dell’amministrazione in ordine all’apprezzamento dei fatti e della loro rilevanza per il riconoscimento dello status di rifugiato. (3/2002) Consiglio di Stato, Sez. IV 22 gennaio – 27 maggio 2002. Pres. Paleologo, est. Saltelli. Mo Alin Abdi A. – Min. interno ed altri I. È controversa la legittimità del p...
Consiglio di Stato, Sez. IV 22 gennaio – 27 maggio 2002

27/5/2002 - Italiana - Amministrativo - Consiglio di Stato
Spetta solo alla Commissione di cui all’articolo 2 del DPR n. 136 del 1990 di valutare le domande di riconoscimento dello stato di rifugiato, non solo per quanto attiene alla sussistenza dei relativi presupposti sostanziali, ma anche per quanto attiene alle questioni procedurali di ritualità della loro presentazioni, con riguardo all’eventuale tardività o irritualità della domanda stessa. (3/2002) Consiglio di Stato, Sez. IV 22 gennaio – 27 maggio 2002. Pres. Paleologo, est. Saltelli. Mo Alin Abdi A. – Min. interno ed altri. I. È controversa la legittimità del provvedimento della ...
Consiglio di Stato, Sez. IV 22 gennaio – 27 maggio 2002.

5/2/2002 - Europea - Diritti fondamentali - Corte europea dei diritti dell'uomo
L’invito notificato ad una generalità di stranieri richiedenti asilo a presentarsi presso l’ufficio di polizia per il completamento dell’istruttoria, ma in realtà volto a facilitare il loro arresto ai fini dell’espulsione coattiva, costituisce un abuso incompatibile con le garanzie stabilite dall’articolo 5, par. 1, della CEDU. (2/2002) Corte europea dei diritti dell’uomo, Terza sezione, n. 51564/99 del 5 febbraio 2002. Pres. Costa. Konka, Belgio. L’invito notificato ad una generalità di stranieri richiedenti asilo a presentarsi presso l’ufficio di polizia per il completamen...
Corte europea dei diritti dell’uomo, Terza sezione, n. 51564/99 del 5 febbraio 2002

15/11/2001 - Italiana - Amministrativo - TAR
Quando il TAR accoglie l’istanza di sospensione del provvedimento di diniego dello status di rifugiato, la questura deve rilasciare un permesso di soggiorno valido anche per attività lavorativa, anche al di fuori dei flussi annuali. (1/2002) TAR Lazio, Sez. I ter, n. 9464 del 15 novembre 2001. Pres. Mastrocola, est. Tosti. M.P. e F. B. – Min. interno. Fatto e diritto I due ricorsi devono essere riuniti per evidente connessione. I ricorrenti coniugi provenienti dalla Repubblica del Congo, dopo alterne e dolorose vicende, sono giunti in Italia ed hanno presentato domanda di riconoscimento d...
TAR Lazio, Sez. I ter, n. 9464 del 15 novembre 2001.

17/7/2000 - Italiana - Amministrativo - Consiglio di Stato
Né il prefetto né il questore possono valutare l’eventuale tardività della richiesta di Asilo, atteso che la competenza esclusiva in materia spetta alla Commissione centrale, anche quanto alla sussistenza o meno dei relativi presupposti. (3/2000) Consiglio di Stato, Sez. IV,, 17 luglio 2000 n. 3965. Pres. Pezzana, Est. Salvatore. Min. int. – L.A. La presentazione della domanda di asilo politico da parte dello straniero conferisce al richiedente, ai sensi dell’art. 1 comma 5 della legge n. 39 del 1990, il titolo a ottenere un permesso di soggiorno temporaneo fino alla definizione della...
Consiglio di Stato, Sez. IV, 17 luglio 2000 n. 3965.

19/4/2000 - Italiana - Amministrativo - Consiglio di Stato
Il richiedente lo status di Rifugiato ha diritto ad esprimersi, davanti alla Commissione centrale prevista dal d.P.R. 136/1990, nella propria lingua intesa non senso tecnico dell’idioma ufficiale del proprio paese ma del linguaggio effettivamente conosciuto e compreso. (2/2000) Consiglio di Stato, Sez. IV, 19 aprile 2000, n. 2345. Pres. Pezzana. Est. D’Agostino. Diritto. L’appello è fondato per quanto dedotto nel primo motivo di gravame, il cui favorevole scrutinio determina l’assorbimento di tutti gli altri. Viene censurato, con quel mezzo, lo svolgimento della procedura, posto che i...
Consiglio di Stato, Sez. IV, 19 aprile 2000, n. 2345.

17/12/1999 - Italiana - Civile - Cassazione
Rifugiato – Richiesta del riconoscimento dello status – Diniego della Commissione - Ricorso giurisdizionale – Giurisdizione del Tar: insussistenza per l’espressa abrogazione dell’art. 5 legge 39/90 – Qualifica di rifugiato costituente diritto soggettivo – Competenza del giudice ordinario sulle controversie in materia. Cass. Sez. unite, 17 dicembre 1999 n. 907. Pres. Vela, Est. Carbone - Ric. G.K. (Avv. N. Paoletti) - Res. Min. Int. La disposizione dell’art. 5 del d.l. 30.12.1989, n. 416, convertito, con modificazioni, nella legge 28.2.1990, n. 39, che attribuiva al giudice ammi...
Cass. Sez. unite, 17 dicembre 1999 n. 907.

1/10/1999 - Italiana - Civile - Merito
Asilo politico - Diritto soggettivo perfetto azionabile avanti al giudice ordinario - Differenze con il riconoscimento dello Status di rifugiato - Impedimento all’esercizio delle libertà democratiche: mezzi di prova. (3/1999) Tribunale di Roma, Sez. 11, 1 ottobre 1999. Pres. De Fiore. A. Ocalan - Pres. del Consiglio dei ministri ed altri. Deve preliminarmente dichiararsi l’ammissibilità dell’intervento dell’Associazione per gli Studi Giuridici sull’Immigrazione, dell’Associazione Giuristi Democratici di Torino e del Consiglio Italiano per i Rifugiati ONLUS. Infatti l’art. 6 del...
Tribunale di Roma, Sez. 11, 1 ottobre 1999

1/10/1999 - Italiana - Civile - Merito
Asilo politico - Ammissibilità nel procedimento dell’associazione in ragione delle finalità istituzionali. (3/1999) Tribunale di Roma, Sez. 11, 1 ottobre 1999. Pres. De Fiore. A. Ocalan - Pres. del Consiglio dei ministri ed altri. Deve preliminarmente dichiararsi l’ammissibilità dell’intervento dell’Associazione per gli Studi Giuridici sull’Immigrazione, dell’Associazione Giuristi Democratici di Torino e del Consiglio Italiano per i Rifugiati ONLUS. Infatti l’art. 6 dello Statuto dell’Associazione per gli Studi Giuridici sull’Immigrazione annovera tra le finalità dell’A...
Tribunale di Roma, Sez. 11, 1 ottobre 1999.