< Torna all’indice di ricerca

Risultati della ricerca per: “Asilo/Protezione umanitaria”

Sono state trovate 963 decisioni - pagina Pagina 1 di 97

9/11/2021 - Italiana - Civile - Cassazione
In materia di patrocinio a spese dello Stato, è apparente la motivazione del provvedimento di rigetto che non fa riferimento alle autocertificazioni prodotte dal cittadino straniero beneficiario di protezione internazionale anche successivamente alla proposizione dell’istanza di ammissione al beneficio ovvero la cui valutazione di inidoneità a dimostrarne la condizione reddituale richiesta dalla legge risulti apodittica e priva di una concreta esplicazione delle ragioni che impongono il rigetto dell’istanza. Infatti, l'intero procedimento di ammissione al patrocinio a spese dello Stato ...
Corte di cassazione, sez. VI civile, 9 novembre 2021, n. 32766

9/11/2021 - Europea - Diritto dell'Unione europea - Corte di giustizia dell’Unione europea
Gli Stati UE possono attribuire, in forza di disposizioni nazionali e a titolo derivato, lo status di rifugiato o la protezione sussidiaria al minore figlio di un cittadino di un paese terzo cui tale status è stato riconosciuto ai sensi della direttiva 2011/95 e ciò anche se il figlio è nato nel territorio dello Stato membro ospitante ed è cittadino (tramite l’altro genitore) di un altro paese terzo in cui non sarebbe esposto al rischio di persecuzioni e non avrebbe titolo alla protezione ai sensi della direttiva.A tale soluzione non si oppongono né l’art. 3 dir., che consente agli St...
Corte di giustizia dell’Unione europea (GS), 9 novembre 2021, causa C-91/20, Bundesrepublik Deutschland (Maintien de l’unité familiale)

8/11/2021 - Italiana - Amministrativo - TAR
La situazione dello straniero che ha ottenuto la protezione umanitaria esula dall’ambito applicativo del d.lgs. n. 142/2015, cioè dal sistema di “prima accoglienza” di competenza della Prefettura, e rientra in quello dell’art. 1 sexies d.l. n. 416/1989, c.d. “seconda accoglienza”, che dipende dall’operatività di altri enti e strutture, sicché la revoca delle misure di prima accoglienza da parte del Prefetto in tali situazioni è un provvedimento strettamente vincolato e la sua legittimità non è inficiata da circostanze inerenti al raccordo tra le misure ovvero all’attivit...
TAR Veneto, 8 novembre 2021, n. 1348

27/10/2021 - Italiana - Civile - Cassazione
Anche laddove non si possa attribuire alla richiedente (o al richiedente) protezione la qualifica di vittima di tratta, l’esercizio della prostituzione, se sorretto da necessità economiche, integra una condizione di vulnerabilità ai fini del riconoscimento del permesso per motivi umanitari (art. 5, co. 6, TUI), ravvisandosi in detto esercizio una compromissione grave della dignità personale e del diritto ad autodeterminarsi in relazione a scelte che incidono primariamente sullo sviluppo della personalità individuale.Corte di cassazione, sez. I civile, 27 ottobre 2021, n. 30402(n. 396) OR...
Corte di cassazione, sez. I civile, 27 ottobre 2021, n. 30402

20/10/2021 - Italiana - Amministrativo - TAR
L’art. 23, co. 1, lett. a), d.lgs. n. 2015/142, che prevede la possibilità di revocare le misure di accoglienza allo straniero in caso di allontanamento dalla struttura senza autorizzazione, va letto nel senso che l’allontanamento e le giustificazioni addotte dall’interessato sono elementi essenziali della fattispecie. Ne segue che il provvedimento di revoca è illegittimo in assenza di istruttoria sulla vicenda.TAR Liguria, sez. II, 20 ottobre 2021, n. 896(n. 395) Il Tribunale Amministrativo Regionale per la Liguria(Sezione Seconda) ha pronunciato la presente SENTENZA sul ricorso numer...
TAR Liguria, sez. II, 20 ottobre 2021, n. 896

18/10/2021 - Italiana - Amministrativo - Consiglio di Stato
In materia di misure straordinarie di accoglienza (art. 11, d.lgs. n. 142/2015) spetta al Ministero dell’interno e, in particolare, al Prefetto (d.m. n. 233/1996) la verifica delle condizioni di idoneità dei centri di accoglienza straordinaria (c.d. CAS). È pertanto illegittima per difetto di competenza l’ordinanza del Sindaco del Comune dove è situato il CAS che ne dispone lo sgombero in ragione della precarietà delle condizioni igienico-sanitarie.Consiglio di Stato, sez. III, 18 ottobre 2021, n. 1633(n. 395) Consiglio di StatoSezione PrimaAdunanza di Sezione del 25 agosto 2021 NUMERO...
Consiglio di Stato, sez. III, 18 ottobre 2021, n. 1633

18/10/2021 - Italiana - Amministrativo - TAR
Pur non fondata in termini espressi sul dato normativo, la prassi accolta da molte Questure di richiedere la rinuncia alla procedura di protezione internazionale ha il senso di consentire agli interessati di accedere alla procedura di regolarizzazione, venendo tale “rinuncia” a tener luogo del presupposto della “scadenza” del titolo pregresso ex art. 103, d.l. n. 34/2020. A tal fine, tuttavia, la rinuncia alla domanda di protezione deve essere formalizzata ai sensi dell’art. 23 del d.lgs. n. 25/2008 e non può sostanziarsi in una nota dell’interessato alla Prefettura investita dell...
TAR Toscana, sez. II, 18 ottobre 2021, n. 1335

14/10/2021 - Italiana - Civile - Cassazione
La tutela dei cittadini stranieri che documentino una convivenza effettiva con parenti entro il secondo grado di nazionalità italiana non è limitata alla condizione di inespellibilità (art. 19, co. 2, lett. c), TUI), potendo gli stessi richiedere e ottenere dal Questore un permesso di soggiorno per motivi familiari (art. 28, co. 1, lett. b), d.PR n. 394/1999).Corte di cassazione, sez. I civile, 14 ottobre 2021, n. 28201(n. 395) ORDINANZA sul ricorso 17989/2020 proposto da: Ministero dell'Interno 80185690585, elettivamente domiciliato in Roma Via Dei Portoghesi 12, presso l'Avvocatura Genera...
Corte di cassazione, sez. I civile, 14 ottobre 2021, n. 28201

11/10/2021 - Italiana - Amministrativo - TAR
La ratio della disciplina di sanatoria di cui all’art. 103 d.l. n. 34/2020 va individuata nel consentire eccezionalmente il rilascio di un particolare permesso di soggiorno temporaneo agli stranieri presenti sul territorio nazionale il cui titolo sia scaduto al 31/10/2019 e che non svolgono attività lavorativa (art. 103, co. 2, cit.) o la svolgono in modo irregolare (art. 103, co. 1, cit.), in ragione della necessità e urgenza di reperire manodopera in determinati settori di attività e al fine di garantire, all’interno di questi, la tutela della salute individuale e collettiva in conseg...
TAR Emilia Romagna, sez. I, 11 ottobre 2021, n. 835

7/10/2021 - Italiana - Amministrativo - TAR
Il principio di solidarietà sociale (art. 2 Cost.) che ispira le misure di accoglienza del richiedente protezione non implica un dovere incondizionato della collettività di contribuire al mantenimento di costui anche in periodi in cui egli è autosufficiente, essendo lo stesso principio a richiedere all’interessato, ove possibile, di provvedere autonomamente a sé stesso, secondo un immanente dovere di responsabilizzazione personale e contribuzione alla collettività in cui vive. Anche in ossequio al principio di buon andamento della PA, la sufficienza dei mezzi di sussistenza va apprezzat...
TAR Friuli Venezia Giulia, 7 ottobre 2021, n. 306