< Torna all’indice di ricerca

Risultati della ricerca per: “Immigrazione (in generale)”

Sono state trovate 86 decisioni - pagina Pagina 1 di 9

7/10/2020 - Italiana - Amministrativo - TAR
È dichiarato inammissibile per difetto di legittimazione attiva il ricorso promosso da un’associazione impegnata, inter alia, in attività di assistenza (logistica, amministrativa e legale) dei migranti e volto ad ottenere l’annullamento del decreto interministeriale del 7 aprile 2020 che stabilisce che i porti italiani non rappresentano più “luoghi sicuri” per lo sbarco di migranti soccorsi in mare da navi battenti bandiera straniera al di fuori dell’area SAR italiana.Infatti, le varie ed eterogenee situazioni giuridiche soggettive che il ricorso assume lese dal provvedimento impu...
TAR Lazio, sez. III, 7 ottobre 2020, n. 10152

27/8/2020 - Italiana - Amministrativo - TAR
Sussistono i presupposti richiesti dall’art. 56 c.p.a. per sospendere l’esecutività dell’ordinanza n. 33/2020 del Presidente della Regione Siciliana che dispone lo sgombero dei migranti dagli hot-spot e centri d’accoglienza, il loro trasferimento e/o ricollocazione fuori dal territorio regionale, nonché il divieto di ingresso, transito e sosta dei migranti comunque sbarcati sulle coste della Sicilia. Circa l’estrema gravità e urgenza, si osserva che il ristrettissimo termine per l’implementazione delle misure contenute nell’ordinanza assieme alle complessità di natura organiz...
TAR Sicilia, sez. III, 27 agosto 2020, n. 842

15/7/2020 - Italiana - Amministrativo - Consiglio di Stato
Il finanziamento di attività di supporto tecnico e formativo delle autorità libiche (v. decreto del direttore generale della DG per gli italiani all'estero e le politiche migratorie del MAECI n. 4110/47 del 28 agosto 2017) non contrasta con le finalità istitutive del c.d. “Fondo per l’Africa” (art. 1, co. 621, della l. n. 232/2016). Infatti, occorre distinguere la finalità (legittima) dell’intervento finanziato – volto a rafforzare l’assistenza tecnica alle autorità libiche per contrastare il traffico di migranti nel Mediterraneo – e le eventuali conseguenze in punto di viol...
Consiglio di Stato, sez. IV, 15 luglio 2020, n. 4569

12/2/2020 - Italiana - Amministrativo - Consiglio di Stato
Le operazioni di ricerca e salvataggio (SAR) di migranti in mare, di esclusiva competenza delle Capitanerie di Porto, corpo specialistico della Marina militare, rientrano nell’alveo degli atti di “programmazione, pianificazione, condotta e analisi di attività operative- esercitazioni NATO e nazionali” (art. 1048, co. 1, lett. q, d.P.R. n. 90/2010) potendo svolgersi del tutto casualmente e solo eventualmente nel corso di attività in senso stretto militari, nazionali e internazionali, dalle quali non possono pertanto considerarsi separabili. Ne consegue che il rifiuto all’accesso civic...
Consiglio di Stato, sez. V, 12 febbraio 2020, 1121

14/8/2019 - Italiana - Amministrativo - TAR
Sono integrati i presupposti per l’accoglimento della domanda cautelare di sospensione del provvedimento del Ministro dell’interno, di concerto con il Ministro della difesa e con il Ministro delle infrastrutture e dei trasporti, con cui è stato disposto il divieto di ingresso, transito e sosta della nave soccorritrice “nel mare territoriale nazionale”. Quanto al fumus, la stessa amministrazione intimata, nelle premesse del provvedimento impugnato, riconosce la situazione di evidente difficoltà del natante soccorso in area SAR libica che definisce in “distress”, con riferimento al...
TAR Lazio, sez. I-ter, 14 agosto 2019, n. 05479

1/8/2019 - Italiana - Amministrativo - TAR
In ragione dell’importanza e della frequenza delle operazioni di salvataggio dei migranti in mare (SAR), nonché della natura dei diritti fondamentali in gioco, dette operazioni non possono risultare escluse dall’attuazione del principio di trasparenza, come concepito e disciplinato dalla normativa vigente. È pertanto ordinata all’Amministrazione l’ostensione delle informazioni inerenti alle predette operazioni, potendosi procedere, se del caso, all’oscuramento dei dati di cui non è consentita la divulgazione (art. 5 bis del d.lgs. n. 33/2013) e dovendosi rigettare la tesi di una g...
TAR Lazio, sez. III, sentenza 1 agosto 2019, n. 10202

23/7/2019 - Italiana - Amministrativo - TAR
Il titolare di protezione umanitaria che abbia fornito due alias, con diverse date di nascita, e per il quale i rilievi fotodattiloscopici non possono dire in ordine alle esatte generalità della persona, non può pretendere il rilascio del titolo di viaggio nel quale l’Autorità deve attestare proprio le generalità del possessore di cui non ha conoscenza.TAR Lazio, sez. I ter, 23 luglio 2019, n. 9862(n. 341/342) Il Tribunale Amministrativo Regionale per il Lazio(Sezione Prima Ter)ha pronunciato la presente  SENTENZA sul ricorso numero di registro generale xxx del 2011, proposto dal sig. ...
TAR Lazio, sez. I ter, 23 luglio 2019, n. 09862

25/6/2019 - Europea - Diritti fondamentali - Corte europea dei diritti dell'uomo
La Corte europea dei diritti dell'uomo ha deciso di non imporre al Governo italiano il provvedimento provvisorio richiesto dai ricorrenti nel caso Rackete e altri c. Italia (domanda n. 32969/19) per consentire il loro sbarco in Italia dalla nave Sea-Watch 3 poiché tali misure si applicano solo quando esiste un rischio imminente di irreparabilità del danno, circostanza questa non verificata. La Corte, al tempo stesso, ha chiesto alle autorità italiane di continuare a fornire tutta l'assistenza necessaria alle persone a bordo di Sea-Watch 3 che si trovano in una situazione vulnerabile a causa...
Corte europea dei diritti dell’uomo, 25 giugno 2019

20/6/2019 - Italiana - Costituzionale - Corte costituzionale
La Corte costituzionale dichiara inammissibili i profili di illegittimità costituzionale sollevati dalle regioni Umbria, Emilia-Romagna, Marche, Toscana e Calabria in ordine agli artt. 1, 12 e 13 del d.l. 113/2018 convertito in l. 132/2018. Trattandosi di tre ambiti riservati alla competenza esclusiva dello Stato – in particolare per l’art. 1 la soppressione del permesso di soggiorno per motivi umanitari come istituto generale e atipico, per l’art. 2 l’esclusione dei richiedenti protezione internazionale dalla cosiddetta seconda accoglienza (SPRAR) e per l’art. 13 in materia di iscr...
Corte costituzionale, sentenza del 20 giugno 2019, n. 194

9/1/2019 - Italiana - Amministrativo - TAR
Non è legittimo il diniego del rinnovo del titolo di viaggio del rifugiato politico nel caso di mancato ottemperamento del debito di giustizia, dovendosi considerare che per il rifugiato politico vige lo statuto particolare dell’art. 24 del d.lgs. n. 251/07, a norma del quale il rifiuto è ammesso in presenza di gravissimi motivi attinenti la sicurezza nazionale e l’ordine pubblico. Pare evidente che l’esigenza di assicurare l’effettività della pena (nel caso di specie, peraltro, pecuniaria) per un comune reato, non possa rientrare fra i “gravissimi motivi attinenti la sicurezza na...
TAR Toscana, sez. II, 9 gennaio 2019, n. 00034