< Torna all’indice di ricerca

Risultati della ricerca per: “Famiglia e minori”

Sono state trovate 1069 decisioni - pagina Pagina 98 di 107

16/6/2004 - Italiana - Civile - Cassazione
Le controversie relative al permesso di soggiorno per famiglia spettano alla competenza del giudice civile, con la conseguenza che il decreto emesso dal giudice di primo grado deve essere reclamato davanti alla Corte d'Appello. Cass. Sez. I, civ. sentenza n. 11308 del 16 giugno 2004. Pres. Losavio, rel. Forte. Ric. M, res. Pref. Livorno. (fasc. 6/2004) In tema di disciplina degli stranieri, la revoca del permesso di soggiorno per motivi familiari rilasciato ai sensi dell'art. 30, comma primo, d.lgs. n. 286 del 1998, la quale risulti fondata sul profilo della mancata convivenza, dopo il matrimo...
Cass. Sez. I, civ. sentenza n. 11308 del 16 giugno 2004

16/6/2004 - Italiana - Civile - Cassazione
La legittimazione attiva e passiva nei giudizi per cassazione promossi avverso le pronunce del tribunale relative a controversie aventi ad oggetto i provvedimenti del questore in materia di permesso di soggiorno degli stranieri per motivi familiari spetta al Ministro dell’interno. Cass. Sez. I, sentenza n. 11325 del 16 giugno 2004. Prs. Genghini, rel. Ragonesi. Ric. Questore Rieti, res. K.M. (fasc. 6/2004) La legittimazione attiva e passiva nei giudizi per cassazione promossi avverso le pronunce del tribunale relative a controversie aventi ad oggetto i provvedimenti del questore in materia d...
Cass. Sez. I, sentenza n. 11325 del 16 giugno 2004.

9/6/2004 - Italiana - Civile - Cassazione
Il procuratore generale presso la corte d'appello non è legittimato a proporre ricorso per cassazione avverso il decreto reso dalla corte d'appello sul reclamo in tema di provvedimenti concernenti il ricongiungimento familiare. Cass. Sez. I, sentenza n. 10886 del 9 giugno 2004. Pres. Losavio, rel. Forte. Ric. Proc. Gen. Corte App. Firenze, res. Min. Interno ed altro. (fasc. 4/2004) Non essendo configurabile un intervento necessario o un parere obbligatorio del pubblico ministero nel procedimento, che si svolge nei modi di cui agli artt. 737 e ss. cod. proc. civ., conseguente al ricorso dello ...
Cass. Sez. I, sentenza n. 10886 del 9 giugno 2004

7/6/2004 - Italiana - Amministrativo - Consiglio di Stato
l minore divenuto maggiorenne può essere rilasciato il permesso di soggiorno per motivi di lavoro subordinato, soltanto a condizione che nei suoi confronti siano state applicate le disposizioni di cui all'articolo 31, comma 1 e 2, del testo unico, ovvero si tratti di un minore comunque affidato ai sensi dell'art. 2 della legge 4 maggio 1983, n. 184, vale a dire quando lo straniero sia soggiornante in Italia con la propria famiglia ovvero sia stato beneficiario in Italia di un provvedimento di affidamento o quanto meno di un affidamento provvisorio, trattandosi delle sole situazioni che compor...
Consiglio di Stato, Sez. IV, sentenza n. 3571 del 7 giugno 2004

22/4/2004 - Italiana - Amministrativo - TAR
Nel caso di silenzio rifiuto formatosi sulla domanda di rilascio del permesso di soggiorno per motivi di famiglia in favore di genitrice convivente con figlio minore italiano, va dichiarato l’obbligo della questura di pronunciarsi sull’istanza. Tar Sicilia, Catania, sez. seconda, sentenza 1076 del 22 aprile 2004. Pres. Schillaci, rel. Savasta. M.O.L.M. (avv. Lo Faro) – Min. interno. (3/2004). Ritenuto in fatto e considerato in diritto che la domanda sopra richiamata appare supportata da sufficienti elementi probatori e che, pertanto, si presta ad essere accolta; Ritenuto che, secondo il ...
Tar Sicilia, Catania, sez. seconda, sentenza 1076 del 22 aprile 2004

22/4/2004 - Italiana - Amministrativo - TAR
Nel caso di silenzio rifiuto formatosi sulla richiesta di rilascio del permesso di soggiorno per motivi di famiglia, presentata dalla madre convivente con figlio minore italiano, spetta al Tar dichiarare l'obbligo dell'Amministrazione di pronunciarsi sulla domanda. Tar Sicilia, Sez. di Catania, Sez. II, sentenza n. 1076 del 22 aprile 2004. Pres. Schillaci, rel. Savasta. M.O.L.M. – Min. interno ed altri. Ritenuto che, secondo il consolidato orientamento giurisprudenziale, nei casi simili a quello in esame, va dichiarato l'obbligo dell'Amministrazione di pronunciarsi sulla domanda dei ricorren...
Tar Sicilia, Sez. di Catania, Sez. II, sentenza n. 1076 del 22 aprile 2004

20/4/2004 - Italiana - Civile - Cassazione
Il matrimonio dello straniero con cittadino italiano consente il rilascio del permesso di soggiorno per famiglia solo se sussiste la convivenza tra coniugi. Cass. Sez. 1 prima civile, sentenza n. 7473 del 20 aprile 2004. Pres. Losavio, rel. Forte, ric. Min. Interno, res. T. (3/2004) …. È invece fondato il motivo di ricorso per la parte in cui lamenta la violazione di norme di diritto, dal decreto della Corte d’Appello, per non aver ritenuto necessario l’esigenza della convivenza tra i coniugi nel caso di permesso di soggiorno per motivi familiari rilasciato a seguito di matrimonio dello...
Cass. Sez. 1 prima civile, sentenza n. 7473 del 20 aprile 2004

16/4/2004 - Italiana - Civile - Merito
Nel caso in cui il rifiuto del visto d’ingresso per ricongiungimento familiare di un minore marocchino - affidato in custodia al richiedente con atto notarile di “kafala” omologato dal giudice marocchino – sia motivato dalla non equiparabilità della “kafala” agli istituti dell’adozione, dell’affidamento o della tutela, che soli il d.lgs. n. 286 del 1998 parifica alla filiazione, l’eventuale richiesta di ottemperanza del provvedimento straniero ai sensi dell’art. 67 della legge n. 218 del 1995 deve essere presentata al tribunale civile nell’ambito del ricorso avverso dett...
Corte di appello di Bari, sez. famiglia civile, decisione del 16 aprile 2004

8/4/2004 - Italiana - Civile - Cassazione
Ai fini del ricongiungimento familiare il requisito del reddito deve ritenersi soddisfatto quando lo straniero è in grado di dimostrare, in base al suo lavoro subordinato o autonomo, di poter produrre per il futuro, su base annua, un reddito pari all’importo stabilito dall’art. 29 del d.lgs. n. 286 del 1998. Il decreto con il quale il giudice di merito accoglie il ricorso dello straniero avverso il rifiuto di rilascio del nulla osta per il ricongiungimento familiare consente il rilascio del visto d’ingresso senza necessità di nuovo nulla osta, anche nel caso in cui il requisito del red...
Cass. Sez. I, sentenza n. 6838 dell'8 aprile 2004

31/3/2004 - Italiana - Civile - Merito
Il coniuge straniero del cittadino italiano vanta un diritto soggettivo perfetto al soggiorno che non abbisogna per il suo effettivo esercizio dell'adozione di alcun provvedimento amministrativo e pertanto il permesso di soggiorno che la competente amministrazione è obbligata per legge a rilasciare è atto meramente ricognitivo e in nessun modo costitutivo del citato diritto. Corte di Appello di Catania, sezione prima civile, decisione del 31 marzo 2004 nel proc. N. 131/03 r.g.a.c.c.. Pres. Marletta, rel. Morgia. Min. interno e Questura di Siracusa – M.R.M. (avv. R. Lo Faro). (3/2004) 3. - ...
Corte di Appello di Catania, sezione prima civile, decisione del 31 marzo 2004