< Torna all’indice di ricerca

Risultati della ricerca per: “Espulsione”

Sono state trovate 1197 decisioni - pagina Pagina 120 di 120

7/6/1996 - Italiana - Penale - Cassazione
Sicurezza pubblica – Stranieri – Rientro abusivo nello Stato dello straniero espulso – Reato di cui all’art. 151 T.U.L.P.S. – Configurabilità – Abrogazione tacita in seguito all’entrata in vigore del D.L. n. 416 del 1989–Esclusione. (1/1997) Cass. Sez. I, 7 giugno 1996 n.553 (cc. 26 aprile 1996) - Pres. La Cava P. - Rel. Schiavotti M. - Imp. P.M. in proc. Tirlà - PM. (Diff). In tema di espulsione degli stranieri dalla Repubblica, continua ad essere applicabile il secondo comma dell’art. 151 T.U.L.P.S. - che punisce l’abusivo rientro nel territorio italiano dello straniero...
Cass. Sez. I, 7 giugno 1996 n. 553

1/2/1996 - Italiana - Amministrativo - TAR
Espulsione – Minorenne sprovvisto di Permesso di soggiorno – Violazione imputabile all’esercente la patria potestà e non al minorenne che non può essere destinatario di provvedimento di espulsione diretto. (1/1997) TAR Lazio, Sez. staccata di Latina, 1 febbraio 1996 n.91 Pres. Camozzi, Est. Aureli. Barbulovic Iljia-Min. Int. ed altri Recita il comma 4 dell’art. 3 del D.L. 30 dicembre 1989 n. 416 conv. in L. n. 39/90: “Salvo quanto previsto dalle legge 4 maggio 1983 n.184 recante norme sulla disciplina dell’adozione e dell’affidamento dei minori, gli uffici di polizia di frontie...
TAR Lazio, Sez. staccata di Latina, 1 febbraio 1996 n. 91

30/10/1995 - Italiana - Costituzionale - Autorità varie
Immigrazione – Straniero extracomunitario, sottoposto a detenzione con sentenza passata in giudicato (pena residua inferiore a tre anni) – Possibilità di ottenere, su richiesta, l’immediata Espulsione senza aver scontato una «apprezzabile frazione» della pena inflitta – Irragionevolezza – Contrasto con la finalità rieducativa della pena. (1/1997) Ordinanza emessa il 30 ottobre 1995 dal tribunale di Venezia sull’istanza proposta da Hamdadou Abdennour. Hamdadou Abdennour è stato condannato in primo grado dal tribunale di Venezia (sentenza 15 dicembre 1994) alla pena di anni 4 e ...
Ordinanza emessa il 30 ottobre 1995 dal tribunale di Venezia

13/7/1995 - Europea - Diritti fondamentali - Corte europea dei diritti dell'uomo
Espulsione - Cittadino algerino sordo-muto dalla nascita - Intero nucleo familiare residente in Francia da lungo tempo - Persona pericolosa per la sicurezza pubblica - obblighi dello Stato di assicurare l’ordine pubblico - Adozione di misure che violano il diritto al rispetto della vita privata - Lesione giustificata solo da imperioso bisogno sociale - Esigenza che la misura sia proporzionata rispetto agli obiettivi. (1/1996) Corte europea dei diritti dell’uomo - Causa 18/1994/465/546, 13 luglio 1995, Nasri-Francia Il caso M. Nasri, cittadino algerino nato sordo-muto nel 1960 in Algeria, s...
Corte europea dei diritti dell’uomo -13 luglio 1995

26/4/1995 - Italiana - Penale - Cassazione
Fonti del diritto – Decreti – Decreto legge – Abrogazione di una norma e introduzione di una diversa regolamentazione della materia – Mancata conversione – Illecito commesso nel periodo della sua vigenza – Proscioglimento perché il fatto non è previsto dalla legge come reato – Necessità – Reiterazione del decreto – Irrilevanza – Successiva conversione del decreto reiterato con clausola di salvaguardia degli atti e dei provvedimenti relativi al periodo di vigenza del primo decreto – Irrilevanza – Fattispecie in tema di inosservanza del provvedimento di espulsione dell...
Cass. Sez. III, 26 aprile 1995 n. 724 (c.c. 7 marzo 1995)

24/2/1995 - Italiana - Costituzionale - Corte costituzionale
Stupefacenti - Violazione al testo unico delle leggi in materia - Straniero condannato per uno dei reati previsti dagli artt. 73, 74, 79 e 82, secondo e terzo comma, del testo unico - Obbligo per il giudice della contestuale emissione dell’ordine di Espulsione dallo Stato eseguibile a pena espiata - Concessione della sospensione condizionale - Preclusione - Presunzione ex lege della qualità di persona socialmente pericolosa - Violazione del principio di eguaglianza - Irragionevolezza - Richiamo alla giurisprudenza della Corte e della Cassazione in ordine allo sviluppo della personalità del...
Corte Costituzionale - Sentenza 20-24 febbraio 1995  n. 58

- Italiana - Civile - Cassazione
L’assenza dell’opponente all’udienza di comparizione non implica alcuna rinuncia all’opposizione al provvedimento di espulsione. Ne segue che il giudice, verificata la ritualità degli atti finalizzati a consentire la comparizione stessa, deve pronunciarsi sul merito. Corte di cassazione, sez. II civile, 1° settembre 2020, n. 18190 (n. 368) ORDINANZA sul ricorso -OMISSIS- proposto da: -OMISSIS-, elettivamente domiciliato in ROMA, VIA TARANTO n. 90, presso lo studio dell'avvocato LUCIANO NATALE VINCI, rappresentato e difeso dall'avvocato GIUSEPPE MARIANI - ricorrente – contro MINISTE...
Corte di cassazione, sez. II civile, 1° settembre 2020, n. 18190