< Torna all’indice di ricerca

Risultati della ricerca per: “Regolarizzazione/Sanatoria”

Sono state trovate 324 decisioni - pagina Pagina 7 di 33

20/3/2014 - Italiana - Amministrativo - Consiglio di Stato
In riforma della sentenza impugnata, va accolto il ricorso di primo grado presentato contro il diniego di emersione da lavoro irregolare, diniego fondato sulla circostanza che il ricorrente ha subito condanna ostativa per istigazione alla corruzione e ricettazione. Infatti, la Corte costituzionale ha dichiarato l’illegittimità costituzionale dell’art. 1-ter, d.l. n. 78/2009, conv. dalla l. n. 102/2009, nella parte in cui include, tra le cause tassativamente ostative alla sanatoria del rapporto di lavoro irregolare dello straniero, anche le pregresse condanne penali dallo stesso riportate ...
Consiglio di Stato, sez. III, sent. n. 1370 del 20 marzo 2014

25/2/2014 - Italiana - Amministrativo - Consiglio di Stato
È accolto l’appello del Ministero dell'interno avverso la sentenza di primo grado che lo aveva condannato a concludere il procedimento relativo a una domanda di emersione, ex art. 5, co. 1, d. lgs. n. 109/2012, con un atto espresso. Infatti, vero è che la norma in questione, che ha consentito l’emersione di lavoratori stranieri irregolari presenti nel territorio nazionale, non prevede un termine entro il quale il procedimento di emersione debba essere portato a conclusione; tuttavia, il legislatore, nel consentire l’emersione, ha anche disposto (all’art. 5, co. 6, d. lgs. n. 109/2012...
Consiglio di Stato, sez. III, sent. n. 891 del 25 febbraio 2014

10/2/2014 - Italiana - Amministrativo - Consiglio di Stato
Va annullato, in accoglimento del ricorso di primo grado, il provvedimento con il quale la p.a. aveva disposto l’archiviazione della richiesta di permesso di soggiorno relativa alla cittadina ecuadoriana, avanzata ai sensi dell’art. 1 ter del d.l. n. 78/2009, conv. nella legge n. 102/2009, risultando nei confronti dell’interessata condanna ostativa (per furto aggravato) al perfezionamento del procedimento. Infatti, anche se la Consulta ha rilevato l’illegittimità costituzionale della legge 102 nella parte in cui fa derivare automaticamente il rigetto dell’istanza di regolarizzazione...
Consiglio di Stato, sez. III, sez. III, sent. n. 633 del 10 febbraio 2014

7/2/2014 - Italiana - Amministrativo - TAR
Va accolto il ricorso avverso il silenzio-inadempimento nel procedimento inerente la procedura di emersione dal lavoro irregolare ai sensi dell’art. 5 del d.lgs. n. 109/2012. Infatti, poiché non constano disposizioni specifiche relative alla durata del procedimento in argomento, trova applicazione alla fattispecie la previsione generale residuale di cui all’art. 2, co. 2, della legge n. 241/1990, che fissa ordinariamente in trenta giorni il termine per l’adozione del provvedimento finale. Di conseguenza, non appare rilevante la documentazione prodotta, nel caso di specie, dalla difesa e...
Tar Lombardia, sez. II, sent. n. 422 del 7 febbraio 2014

29/1/2014 - Italiana - Amministrativo - TAR
È respinto il ricorso avverso il provvedimento con il quale è stata rigettata la domanda di emersione dal lavoro irregolare presentata in favore del ricorrente, rigetto motivato con la mancanza del requisito reddituale in capo al datore di lavoro. Infatti, l’indicazione della soglia reddituale minima che, in base all’art. 1-ter, co. 4, lett. d), d.l. n. 78/2009, conv. in l. n. 102/2009, il datore di lavoro deve attestare nel corso della procedura di emersione risponde alla ratio di conferire certezza alla retribuzione che verrà erogata, posto che il reddito del datore diventa la fonte d...
Tar Lazio, sez. II- Quater, sent n. 1153 del 29 gennaio 2014

7/1/2014 - Italiana - Amministrativo - Consiglio di Stato
È confermato in appello il diniego di emersione da lavoro irregolare, motivato dalla insufficienza del reddito rilevato dalla dichiarazione dei redditi dell’anno da prendere a riferimento a norma di legge. Infatti, il provvedimento è legittimo alla stregua della precisa disposizione di cui all’art. 1ter, co. 4, lettera d), d.l. n. 78/2009 come convertito dalla legge n. 102/2009, che consente di valutare solo il reddito imponibile, risultante dalla dichiarazione dei redditi: una normativa di carattere eccezionale e derogatorio dal regime ordinario, come la procedura di emersione da lavoro...
Consiglio di Stato, sez. III, sent. n. 17 del 7 gennaio 2014

7/1/2014 - Italiana - Amministrativo - Consiglio di Stato
È confermata la sentenza di primo grado che aveva respinto il ricorso per l’annullamento del provvedimento di rigetto dell’istanza di rinnovo del permesso di soggiorno presentata dalla ricorrente in quanto risultata espulsa e rientrata in Italia senza autorizzazione prima del decorso dei dieci anni di interdizione. In primo luogo non è censurabile il provvedimento che opera l’annullamento del precedente atto amministrativo di rilascio del permesso di soggiorno la cui motivazione, per il suo carattere solo fattuale e dunque evidente e oggettiva, comprende anche tutti gli aspetti conside...
Consiglio di Stato, sez. III, sent. n. 18 del 7 gennaio 2014

7/1/2014 - Italiana - Amministrativo - Consiglio di Stato
In riforma della sentenza impugnata, va accolto il ricorso in primo grado per l'annullamento del provvedimento con il quale è stata rigettata la domanda di emersione, ex art. 1 ter del d.l. n. 78/2009, motivato con l’accertamento di condanne a carico dell’interessato. Infatti, la Corte costituzionale, ha dichiarato l’illegittimità costituzionale della norma citata nella parte in cui fa derivare automaticamente il rigetto dell’istanza di regolarizzazione del lavoratore non Ue dalla pronuncia nei suoi confronti di una sentenza di condanna per uno dei reati per i quali l’art. 381 cod....
Consiglio di Stato, sez. III, sent. n. 20 del 7 gennaio 2014

22/11/2013 - Italiana - Amministrativo - Consiglio di Stato
In accoglimento dell’appello proposto dal Ministro dell’interno va riformata la sentenza di primo grado che aveva giudicato illegittimo il provvedimento di diniego di rilascio del permesso di soggiorno per lavoro subordinato, perché ritenuto (erroneamente) emanato ai sensi dell’art. 14, c. 5 ter, TUI, dichiarato illegittimo dalla Corte costituzionale. In realtà, la p.a. si è limitata ad eseguire la sentenza di condanna del gdp, che ha utilizzato la facoltà concessagli dagli artt. 62 bis, l. n. 94/2009 e 16 TUI, commutando la condanna all’ammenda con la misura sostitutiva dell’esp...
Consiglio di Stato, sez. III, sent. n. 5572 del 22 novembre 2013

21/11/2013 - Italiana - Amministrativo - TAR
È respinto il ricorso avverso il provvedimento di rigetto della domanda volta ad ottenere l'emersione dal lavoro irregolare e la sanatoria della posizione di soggiorno dello straniero ai sensi dell’ art. 1-ter della l. n. 102/09. Infatti, nel caso di specie, il procedimento di emersione non si è concluso per la mancanza di un requisito richiesto dalla norma in capo al datore di lavoro per consentirgli di regolarizzare un lavoratore domestico ovvero il reddito non inferiore a ventimila euro. La mancata corrispondenza delle dichiarazioni rese nella domanda con la situazione reddituale della ...
Tar Lazio, sez. II- Quater, sent. n. 9972 del 21 novembre 2013