< Torna all’indice di ricerca

Risultati della ricerca per: “Regolarizzazione/Sanatoria”

Sono state trovate 324 decisioni - pagina Pagina 3 di 33

23/2/2017 - Italiana - Amministrativo - Consiglio di Stato
È legittimo il provvedimento di annullamento del contratto di soggiorno relativo alla domanda di emersione dal lavoro irregolare, in relazione alla falsità del certificato d’idoneità abitativa, poiché all’esito dei disposti accertamenti, risulta che all’atto della domanda, lo straniero non aveva la disponibilità di alcuna abitazione e dunque non sussisteva il presupposto della sistemazione alloggiativa, richiesto dall’art. 5 del d.lgs. n. 286/1998, ai fini del contratto di soggiorno e quindi, anche ai fini della definizione della procedura di emersione del lavoro irregolare di cui...
Consiglio di Stato, sez. III, 23 febbraio 2017, n. 1258

26/1/2017 - Italiana - Amministrativo - Consiglio di Stato
Una volta accolto il ricorso straordinario al Capo dello Stato contro il provvedimento di rigetto della domanda di emersione dal lavoro irregolare, la Prefettura ha l’obbligo di darvi esecuzione e, nel caso di inottemperanza, spetta al Consiglio di Stato nominare un commissario ad acta affinché provveda, su semplice istanza di parte, ad adottare i necessari provvedimenti attuativi del decreto decisorio. Consiglio di Stato, 26 gennaio 2017, n. 328 (n. 284) Sul ricorso nr. 1803 del 2016, proposto dal signor (Omissis), rappresentato e difeso dall’avv. Bernardo Di Chiara, con domicilio eletto...
Consiglio di Stato, 26 gennaio 2017, n. 328

12/1/2017 - Italiana - Amministrativo - Consiglio di Stato
Premesso che la Corte costituzionale ha dichiarato incostituzionale l’art. 1-ter comma 13 c) del d.l. 1 luglio 2009 n. 78, nella parte in cui fa derivare automaticamente il rigetto della istanza della regolarizzazione del lavoratore extracomunitario dalla condanna per uno dei reati previsti dall’art. 381 c.p.p., senza prevedere che l’amministrazione accerti in concreto l’esistenza di una minaccia per l’ordine pubblico o la sicurezza dello Stato, detto principio è certamente applicabile all’ipotesi di rinnovo del permesso di soggiorno, per l’argomento a fortiori: se il divieto di...
Consiglio di Stato, sez. III, ord. 12 gennaio 2017, n. 73

24/11/2016 - Italiana - Amministrativo - Consiglio di Stato
Premesso che il legislatore ha tipizzato la documentazione valutabile per la procedura di emersione del lavoro irregolare onde evitare che la “data rilevante” possa desumersi da dichiarazioni atipiche o poste in essere ex post, considerato altresì che l’art. 5, comma 1, ultimo periodo, del d.lgs. 16 luglio 2012, n. 109, ha disposto che “in ogni caso, la presenza sul territorio nazionale dal 31 dicembre 2011 deve essere attestata da documentazione proveniente da organismi pubblici”, si deve considerare proveniente da “organismi pubblici” la certificazione medica proveniente da un...
Consiglio di Stato, sez. III, 24 novembre 2016, n. 4933

27/10/2016 - Italiana - Amministrativo - Consiglio di Stato
Sotto il profilo procedurale, ai fini della positiva notifica del ricorso al Tar avverso il decreto con cui l’Ufficio territoriale del Governo respingeva l’istanza di emersione di lavoro irregolare del cittadino extracomunitario, lo straniero, residente all’estero, gode del termine più lungo di 90 giorni previsto dall’art. 41, comma 5, c.p.a. Nel merito, è illegittimo il rigetto dell’istanza di emersione di lavoro irregolare del cittadino extracomunitario, motivato sul rilievo che l’interessato non sarebbe stato impiegato dal datore di lavoro come domestico, ma in lavori agricoli...
Consiglio di Stato, sez. III, 27 ottobre 2016, n. 4511

16/10/2016 - Italiana - Amministrativo - TAR
La presentazione della documentazione falsa impedisce il perfezionamento della procedura di emersione anche qualora sia stato già stipulato il contratto di soggiorno e giustifica l’annullamento del permesso di soggiorno già rilasciato a seguito del perfezionamento della procedura. Tar Lazio, sez. II-Quater, 16 ottobre 2016, n. 10805 (n. 276) Sul ricorso numero di registro generale 3564 del 2015, proposto da: -OMISSIS-, rappresentato e difeso dall'Avv. Fabrizio Petrarchini, con domicilio eletto presso lo studio dello stesso in Roma, Circonvallazione Trionfale, 145; contro Ministero dell'Int...
Tar Lazio, sez. II-Quater, 16 ottobre 2016, n. 10805

25/8/2016 - Italiana - Amministrativo - Consiglio di Stato
Ai fini dell’accertamento della presenza in Italia alla data indicata dalla legge, l’attestazione deve provenire da “organismi pubblici”, ai quali non può essere assimilato il medico di base quando agisce al di fuori della funzione “pubblica” che gli è propria in quanto tale; infatti, il medico di medicina generale (detto anche medico di base) non è un pubblico dipendente, ma un libero professionista che svolge l’attività per conto del SSN in regime di convenzione, e i suoi atti hanno rilevanza pubblicistica solo in quanto compiuti alle condizioni e nei modi previsti dalla co...
Consiglio di Stato, sez. III, 25 agosto 2016, n. 3694

17/8/2016 - Italiana - Amministrativo - TAR
È accolto il ricorso avverso il rigetto di rinnovo del permesso di soggiorno per motivi di lavoro (ottenuto a seguito di istanza di emersione ex d.lgs. 109/2012), rigetto motivato dall’esistenza, a carico dell’istante, di tre condanne per il reato di cui all’art. 171 ter, l. n. 633/1941, in materia di violazione del diritto di autore. Infatti, la norma che impedisce la concessione del rinnovo del permesso è stata prevista dal legislatore per impedire che possa essere concesso un titolo di soggiorno o un rinnovo a chi ha commesso reati che sono considerati incompatibili con la presenza ...
Tar Emilia Romagna, sez. I, sent. n. 783 del 17 agosto 2016

29/6/2016 - Italiana - Amministrativo - TAR
È accolto il ricorso avverso il rigetto della domanda di emersione del lavoro irregolare, rigetto motivato dal mancato possesso, da parte del datore di lavoro, del permesso di soggiorno di lungo periodo, che l’art. 5, d.lgs. n. 109/2012 individua quale requisito necessario per poter avviare il procedimento di emersione. Infatti, vero è che nonostante la mancata traduzione del provvedimento nella lingua madre del ricorrente, quest’ultimo non ha subito nessun pregiudizio effettivo, in quanto il ricorso è stato tempestivamente proposto, garantendo alla parte una efficace tutela giurisdi...
Tar Lombardia, sez. II, sent. n. 1285 del 29 giugno 2016

27/5/2016 - Italiana - Amministrativo - TAR
Va annullato il provvedimento di rifiuto dell’istanza di emersione dal lavoro irregolare ex l. n. 102/2009, con la motivazione che, pur essendo stato convocato per il perfezionamento della pratica, l’interessato non si è presentato. Infatti, tale provvedimento non è stato notificato al lavoratore straniero, il quale l’ha conosciuto solo a seguito di istanza di accesso agli atti. Secondo costante giurisprudenza, l’atto col quale la p.a. dispone l’archiviazione della pratica di regolarizzazione per mancata presentazione delle parti, senza aver provveduto a notificare per tempo l’av...
Tar Toscana, sez. II, sent. n. 901 del 27 maggio 2016