< Torna all’indice di ricerca

Risultati della ricerca per: “Permesso di soggiorno”

Sono state trovate 1712 decisioni - pagina Pagina 167 di 172

8/1/2003 - Italiana - Amministrativo - TAR
Le norme in materia di comunicazione di avvio e di partecipazione al procedimento stabilite dalla Legge 241/1990 non si applicano nei procedimenti su istanza di parte, tra i quali si deve annoverare la domanda di rinnovo del permesso di soggiorno. La conclamata appartenenza al mondo della prostituzione è indice di pericolosità sociale che giustifica il mancato rinnovo del permesso di soggiorno. (2/2003) Tar Liguria, Sez. 2ª, sentenza 8 gennaio 2003 n. 18. Pres. Arosio, rel. Prosperi. A. J – Min. interno ed altri. Con il primo motivo la ricorrente si duole che l’Amministrazione abbia eme...
Tar Liguria, Sez. 2ª, sentenza 8 gennaio 2003 n. 18.

19/12/2002 - Italiana - Costituzionale - Autorità varie
È dubbia la legittimità costituzionale del decreto legge n. 195 del 2002 nella parte in cui prevede la competenza del Commissario del Governo, nella Provincia di Bolzano, a ricevere la dichiarazione di emersione del lavoro irregolare in luogo della competenza dell’ufficio del lavoro dell’amministrazione della Provincia di Bolzano. (1/2003) Ricorso per legittimità costituzionale della Provincia autonoma di Bolzano depositato il 19 dicembre 2002 (GU 1ª serie speciale, n. 4 del 29 gennaio 2003). omissis Ricorso per legittimità costituzionale della Provincia autonoma di Bolzano
Ricorso per legittimità costituzionale della Provincia autonoma di Bolzano

17/12/2002 - Italiana - Amministrativo - TAR
Vero è che la pericolosità sociale di uno straniero, ai fini del diniego del rinnovo del permesso di soggiorno, può essere desunta anche da un singolo episodio, ma esso deve presentare connotazioni di particolare gravità e allarme sociale. (1/2003) Tar Veneto, terza sezione, sentenza 425/03 del 17 dicembre 2002. Pres. e rel. Zuballi. Y.T.K. – Min. interno ed altri. Fatto Il ricorrente, cittadino cinese, in Italia da oltre vent’anni, fa presente che il rinnovo del permesso di soggiorno gli è stato negato in relazione a un episodio, nel corso del quale egli sarebbe stato trovato nel suo...
Tar Veneto, terza sezione, sentenza 425/03 del 17 dicembre 2002

14/10/2002 - Italiana - Amministrativo - TAR
Il permesso di soggiorno per motivi di protezione sociale ha, certamente, finalità umanitarie. Tuttavia esso ha altresì carattere “premiale” e pertanto la mancata perdurante collaborazione dello straniero in sede processuale penale costituisce carenza di quelle stesse condizioni che hanno giustificato il rilascio del permesso di soggiorno e legittima il diniego di rinnovo. (1/2003) Tar Toscana, Firenze, sezione prima, sentenza n. 2515 del 14 ottobre 2002. Pres. ff. Nicolosi, rel. Lundini. B.A. – Min. interno ed altri. Diritto Si controverte in ordine alla legittimità di un provvedimen...
Tar Toscana, Firenze, sezione prima, sentenza n. 2515 del 14 ottobre 2002

9/9/2002 - Italiana - Civile - Cassazione
Il cittadino non comunitario che intenda ottenere il permesso di soggiorno per motivi di lavoro nel territorio dello Stato deve, al momento della presentazione della domanda, soggiornare nel paese di origine. (5/2002) Cass. Sez. I, n. 13054 del 9 settembre 2002. Pres. Olla, rel. Criscuolo.Ric. Catalin, res. Prefetto di Pistoia. Con decreto dell’11.11.2000 il Prefetto di Pistoia disponeva l’espulsione dal territorio dello Stato, ai sensi dell’articolo 13 comma 2 lett. a) e b) del D.Lgs. n. 286/98, di M. I. C., cittadino rumeno, il quale proponeva ricorso avanti al Tribunale di Pistoia che...
Cass. Sez. I, n. 13054 del 9 settembre 2002.

5/8/2002 - Italiana - Civile - Cassazione
Rientra nella giurisdizione del giudice amministrativo ogni controversia relativa al diniego o al mancato rinnovo del permesso di soggiorno, trattandosi di provvedimenti discrezionali e non vincolati come il decreto di espulsione. (5/2002) Cass. Sez. Unite, n. 11725 del 5 agosto 2002. Pres. Vessia, Rel. Morelli. Ric. Min. Interno, Res. Goci. In tema di disciplina dell’immigrazione, mentre è rimessa al giudice ordinario la cognizione delle impugnative avverso il decreto prefettizio di espulsione amministrativa dello straniero, rientra nella giurisdizione, invece, del giudice amministrativo o...
Cass. Sez. Unite, n. 11725 del 5 agosto 2002

17/7/2002 - Italiana - Amministrativo - TAR
Le norme regolanti il procedimento per il rinnovo del permesso di soggiorno non contemplano effetti automatici derivanti dalla tardività della relativa istanza. (1/2003) Tar Piemonte, seconda sezione, sentenza n. 1373 del 17 luglio 2002. Pres.Montini, est. Scala. M.B.W.H. - Min. interno ed altri. Diritto Con il ricorso all’esame, la ricorrente, cittadina extracomunitaria, reclama l’annullamento del diniego opposto dalla Amministrazione dell’Interno resistente in ordine all’istanza di rinnovo del permesso di soggiorno rilasciato per motivi di lavoro, e richiesto ancora per lavoro subor...
Tar Piemonte, seconda sezione, sentenza n. 1373 del 17 luglio 2002

12/7/2002 - Italiana - Civile - Cassazione
Il termine di otto entro cui richiedere il permesso di soggiorno è perentorio e l’inosservanza non può essere giustificata dalla ignoranza della lingua italiana, né rileva la circostanza, al fine di sottrarsi all’espulsione, della sussistenza dei requisiti per poter ottenere il permesso. (4/2002) Cass. Sez. 1, n. 10145 del 12 luglio 2002. Pres. Olla, rel. Forte. Nitu – Prefetto di Bologna. In tema di espulsione dello straniero, l’ignoranza del termine previsto dalla legge per la richiesta del permesso di soggiorno, derivante dall’ignoranza della lingua italiana da parte dello stra...
Cass. Sez. 1, n. 10145 del 12 luglio 2002

25/5/2002 - Italiana - Amministrativo - TAR
L’accertamento della liceità delle fonti di sostentamento ai fini del rinnovo del permesso di soggiorno non può essere limitato alla provenienza da reddito da lavoro, ben potendo le altre fonti legittime di cui all’articolo 6, comma 5, D.Lgs. 286 del 1998, essere accertate d’ufficio anche con riferimento alla sufficienza del reddito, complessivamente considerato, del nucleo familiare in cui lo straniero sia inserito stabilmente. (3/2002) Tar Piemonte, Sez. II, 25 maggio 2002 n. 1093. Pres. Montini, est. Scala. Marinkovic – Prefettura e Questura di Torino. Considerato che il ricorrent...
Tar Piemonte, Sez. II, 25 maggio 2002 n. 1093

24/5/2002 - Italiana - Amministrativo - TAR
È legittimo il rifiuto di rinnovo del permesso di soggiorno nei confronti dello straniero colpito da provvedimento di espulsione adottato dall’autorità di uno Stato aderente alla convenzione di Schengen. (5/2002) Tar Abruzzo, n. 501 del 24 maggio 2002. Pres. ed est. Catoni. Sylla Bathie – Min. interno ed altri. Il cittadino senegalese ricorrente ha usufruito in Italia del permesso di soggiorno in base alla normativa vigente. In occasione di un suo viaggio in Germania veniva fermato dalla polizia la quale rilevando che svolgeva lavoro abusivo decretava nei suoi confronti l’espulsione da...
Tar Abruzzo, n. 501 del 24 maggio 2002