< Torna all’indice di ricerca

Risultati della ricerca per: “Permesso di soggiorno”

Sono state trovate 1712 decisioni - pagina Pagina 165 di 172

10/7/2003 - Italiana - Amministrativo - TAR
La sola condanna inflitta con il beneficio della sospensione condizionale della pena non giustifica il rifiuto di rinnovo del permesso di soggiorno. (4/2003) Tar Emilia-Romagna, sez. 1ª, sentenza n. 942 del 10 luglio 2003. Pres. Perticone, rel Trizzino. I.S. – Questura di Bologna. 1. Preliminarmente, in punto di fatto, il Collegio deve rilevare che dalla documentazione in atti risulta che il ricorrente è stato condannato con sentenza 13.1.1999 n. 33 del Tribunale di Bologna alla pena di anni 1 e mesi 6 e giorni 20 di reclusione con concessione della sospensione condizionale della pena, per...
Tar Emilia-Romagna, sez. 1ª, sentenza n. 942 del 10 luglio 2003

7/7/2003 - Italiana - Amministrativo - TAR
È illegittimo il provvedimento di revoca del permesso di soggiorno adottato in ragione di sentenza di condanna patteggiata prima dell’entrata in vigore della Legge n. 189 del 2002. (4/2003) Tar Emilia-Romagna, Sezione 1ª, sentenza n. 926 del 7 luglio 2003. Pres. Perticone, rel. Calderoni. Y. F. – Min. interno e Questore di Modena. Il Collegio osserva: a) la sentenza di patteggiamento, cui si richiama il decreto controverso, è stata pronunciata in data anteriore all’entrata in vigore della Legge n. 189 del 2002; b) ciò stante, il presente caso risulta accomunabile alle fattispecie (di...
Tar Emilia-Romagna, Sezione 1ª, sentenza n. 926 del 7 luglio 2003.

28/6/2003 - Italiana - Amministrativo - TAR
Il permesso di soggiorno per cure mediche può essere rilasciato solo in presenza dei presupposti di legge indicati dall’art. 36 del d. lgs. n. 286 del 1998. Tar Piemonte, Sez. II, sentenza n. 984 del 28 giugno 2003. Pres. Calvo, rel. Massari. E.R. A. – Min. interno ed altri. (1/2004) Con il ricorso in discussione viene impugnato l’atto, in epigrafe rubricato, con cui il Questore della provincia di Torino ha rigettato l’istanza di rinnovo del permesso di soggiorno presentata dall’interessato in data 21 aprile 2001 e volta ad ottenere il permesso di soggiorno per cure mediche. Il rico...
Tar Piemonte, Sez. II, sentenza n. 984 del 28 giugno 2003

17/6/2003 - Italiana - Amministrativo - Consiglio di Stato
La controversia in materia di diniego del permesso di soggiorno è di competenza del tribunale amministrativo regionale nella cui circoscrizione ha sede la questura che ha emesso il provvedimento, a nulla valendo che l’interessato abbia domicilio altrove. (5/2003) Consiglio di Stato, Sez. IV, decisione n. 4805 del 17 giugno 2003. Pres. Salvatore, rel. Saltelli. Min. interno e Questura di Cagliari - R.M. Il ricorso per regolamento di competenza è fondato. Come correttamente eccepito dalle amministrazioni statali, i ricorsi proposti avverso i provvedimenti emessi dagli organi periferici dello...
Consiglio di Stato, Sez. IV, decisione n. 4805 del 17 giugno 2003

17/6/2003 - Italiana - Amministrativo - TAR
Non può negarsi il rinnovo del permesso di soggiorno per lavoro subordinato quando lo straniero ha dovuto interrompere l’attività lavorativa perché affetto da tubercolosi ed in conseguenza di ciò ha fruito delle specifiche indennità per tutta la durata della convalescenza. (4/2003) Trga, sez. autonoma per la Provincia di Bolzano, sentenza n. 254 del 17 giugno 2003. Pres. Widmair, rel. Del Gaudio. S.M.B.Y – Min. interno e Questura di Bolzano. Il provvedimento di rigetto di cui è causa è motivato dal Questore di Bolzano sul fatto che «il richiedente non svolge attività lavorativa da...
Trga, sez. autonoma per la Provincia di Bolzano, sentenza n. 254 del 17 giugno 2003.

22/5/2003 - Italiana - Amministrativo - TAR
Anche le condanne pronunciate prima dell’entrata in vigore della Legge n. 189 del 2002 comportano la revoca del permesso di soggiorno o il rifiuto del rinnovo. (4/2003) Tar Abruzzo, sezione di Pescara, sentenza n. 559 del 22 maggio 2003. Pres. Catoni, rel. Nazzaro. M. M. K. – Questore di Pescara. Il ricorrente, cittadino senegalese, pur riconoscendo di essere stato condannato dal Tribunale di Isernia per violazione delle norme sul diritto d’autore (vendita di dischi non regolari), ritiene che il provvedimento sia illegittimo, perché l’articolo 171 bis e ter della Legge 633 del 1941, q...
Tar Abruzzo, sezione di Pescara, sentenza n. 559 del 22 maggio 2003

20/5/2003 - Italiana - Civile - Cassazione
La spontanea presentazione della domanda di rinnovo del permesso di soggiorno oltre il termine di sessanta giorni dalla sua scadenza non consente l’espulsione «automatica» dello straniero, la quale potrà essere disposta solo se la domanda sia stata respinta per la mancanza originaria o sopravvenuta dei requisiti richiesti dalla legge per il soggiorno dello straniero sul territorio nazionale, mentre la sua tardiva presentazione potrà costituirne solo indice rivelatore nel quadro di una valutazione complessiva della situazione in cui versa l’interessato. . (3/2003) Cass. Sez. Unite, sent...
Cass. Sez. Unite, sentenza 20 maggio 2003, n. 7892

15/5/2003 - Italiana - Amministrativo - TAR
È rilevante e non manifestamente infondata la questione di costituzionalità dell’articolo 4 comma 3 del D.Lgs. 286 del 1998, come modificato dalla Legge n. 189 del 2002, per violazione degli articoli 3 e 13 della Costituzione, nella parte in cui pone quale elemento ostativo all’ingresso e alla permanenza in Italia dello straniero la condanna per determinati reati, senza imporre l’ulteriore verifica della pericolosità sociale dello stesso. (3/2003) Tar Lombardia, Sez. staccata di Brescia, ordinanza 15 maggio 2003 n. 683. Pres. Mariuzzo, est. Morri. S. – Min. interno ed altri. Fatto I...
Tar Lombardia, Sez. staccata di Brescia, ordinanza 15 maggio 2003 n. 683

6/5/2003 - Italiana - Amministrativo - TAR
Il rilascio del permesso di soggiorno per motivi di giustizia non è una conseguenza automatica della pendenza di un procedimento penale, ma una possibilità eventuale accordata all’imputato, allorché la sua presenza sia da ritenersi necessaria per l’esercizio del diritto di difesa, in base alle discrezionali valutazioni dell’autorità di polizia, da adottarsi, ove del caso, di concerto con l’autorità giudiziaria. (4/2003) Tar Umbria, sentenza 6 maggio 2003, n. 326. Pres. Lignai, rel. Ungari. H.I – Min. interno ed altri. 1. Il ricorrente, di nazionalità marocchina, si trova da ann...
Tar Umbria, sentenza 6 maggio 2003, n. 326

9/4/2003 - Italiana - Amministrativo - TAR
È legittimo il diniego di rinnovo del permesso di soggiorno in presenza di condanna ex articolo 444 c.p.p. ancorché la stessa si sia estinta per decorso del quinquennio in quanto l’articolo 4 della Legge n. 189 del 2002 considera le condotte integratrici delle fattispecie criminali menzionate dalla norma stessa come oggettivi indici di pericolosità sociale. (4/2003) Tar Umbria, sentenza sul ricorso n. 149/2003 del 9 aprile 2003. Pres. Lignani, rel. Cardoni. P. A. – Min. interno e Questura di Perugia. 1. L’atto avversato è stato motivato con: a) la condanna del ricorrente (“patteggi...
Tar Umbria, sentenza sul ricorso n. 149/2003 del 9 aprile 2003