< Torna all’indice di ricerca

Risultati della ricerca per: “Permesso di soggiorno”

Sono state trovate 1712 decisioni - pagina Pagina 12 di 172

15/2/2021 - Italiana - Amministrativo - TAR
In materia di rinnovo del permesso di soggiorno, non è necessaria la dimostrazione del possesso assoluto e ininterrotto del reddito minimo quando, in presenza di nuclei familiari, i redditi percepiti dagli altri componenti del nucleo compensano l’inadeguatezza del reddito del richiedente. È pertanto viziato nella motivazione il provvedimento che nega il rinnovo del titolo per lavoro subordinato ritenendo insufficiente il reddito dell’interessato senza considerare l’apporto reddituale della moglie e del figlio. TAR Lombardia, sez. III, 15 febbraio 2021, n. 419 (n. 379) Il Tribunale Ammi...
TAR Lombardia, sez. III, 15 febbraio 2021, n. 419

11/2/2021 - Italiana - Amministrativo - TAR
Nell’ottica di favorire il cittadino straniero che si trova in Italia per motivi di studio e che, dovendosi concentrare in tale attività, difficilmente potrà reperire un lavoro a tempo pieno, gli artt. 39, co. 3, lett. a), TUI e 46 d.p.r. n. 394/1999, non fissano un parametro rigido quanto al possesso di un reddito adeguato ma prevedono invece una serie di indicatori da cui è possibile desumere l’idoneità reddituale, tra cui rientrano anche il vitto e l’alloggio usufruiti dallo straniero a titolo gratuito, i prestiti ricevuti e i redditi da lavoro anche non continuativo. Ai fini dell...
TAR Lazio, sez. I ter, 11 febbraio 2021 n. 1707

5/2/2021 - Italiana - Amministrativo - TAR
Ferma la natura ordinatoria del termine previsto per la richiesta di rinnovo del permesso di soggiorno, non è illegittimo il diniego del rinnovo opposto al cittadino straniero che ha inoltrato l’istanza quando è già stato raggiunto dal decreto di espulsione. Tale provvedimento osta infatti di per sé alla rivalutazione della posizione dell’interessato, in coerenza con quanto stabilito dall’art. 13, co. 13, TUI che, per il rientro in Italia del destinatario dell’espulsione, richiede la speciale autorizzazione del Ministero dell’interno. TAR Lombardia, sez. staccata di Brescia, sez....
TAR Lombardia, sez. staccata di Brescia, sez. II, 5 febbraio 2021, n. 132

1/2/2021 - Italiana - Amministrativo - TAR
Incorre in errore la PA che, adita per la conversione del permesso di soggiorno per motivi di studio in quello per attesa occupazione ex art. 22, co. 11 bis, TUI, rilascia un titolo con la dicitura “per motivi di studio” inserendo “attesa occupazione” nel campo “note” del “portale Immigrazione Stranieri-Web” (non visibile alla stampa del titolo di soggiorno elettronico), a nulla rilevando che l’applicativo informatico in uso non prevedeva la motivazione “attesa occupazione” relativamente a studenti stranieri che conseguono una laurea o altro titolo universitario. Il perme...
TAR Emilia Romagna, sez. staccata di Parma, sez. I, 1 febbraio 2021, n. 36

19/1/2021 - Italiana - Amministrativo - TAR
Nell’ordinamento italiano, non vige alcun principio di generale convertibilità dei vari titoli di soggiorno, con la conseguenza che la conversione costituisce un’eccezione alla regola ed è ammissibile solo nei casi espressamente previsti. Non essendo oggetto di alcuna previsione, va pertanto esclusa la convertibilità del permesso per motivi di giustizia in permesso per motivi di lavoro. Tale conclusione s’impone anche in ragione della natura eccezionale del permesso per motivi di giustizia e della tipicità del fine che lo contraddistingue (consentire temporaneamente il soggiorno dell...
TAR Lombardia, sez. III, 19 gennaio 2021, n. 175

18/1/2021 - Italiana - Amministrativo - TAR
In materia di permesso di soggiorno per lavoro subordinato e, in particolare, ai fini dell’accertamento della capacità economica del datore di lavoro, la PA deve tener conto, in applicazione del criterio di effettività, anche delle circostanze fattuali desumibili dal contesto socio-familiare dello stesso, specie nei casi in cui questi non sia in grado di produrre reddito in quanto inabile al lavoro e dunque ragionevolmente bisognoso dell’ausilio di congiunti, amici o enti assistenziali. Non è possibile, tuttavia, dedurre da un unico versamento a favore del lavoratore straniero che il da...
TAR Lombardia, sez. I, 18 gennaio 2021, n. 160

14/1/2021 - Italiana - Amministrativo - Consiglio di Stato
Nel caso di uno straniero regolarmente soggiornante in Italia da dieci anni con permesso per richiesta d’asilo che dimostra un certo grado di integrazione sociale e lavorativa, le peculiari circostanze della fattispecie impongono all’Amministrazione, richiesta della conversione di tale permesso in quello per lavoro dipendente, di valutare la sussistenza delle condizioni per il rilascio del titolo ex art. 5, co. 5 TUI. Tale disposizione, infatti, costituisce diretta applicazione dei principi generali di inclusione, integrazione e tutela della persona e del lavoro e quindi, in mancanza di pr...
Consiglio di Stato, sez. III, 14 gennaio 2021, n. 444

14/1/2021 - Italiana - Amministrativo - TAR
Non costituisce “idonea documentazione” ex art. 19, co. 2, TUI ai fini del rilascio del permesso di soggiorno per cure mediche la certificazione che lo straniero segue un percorso di assunzione di metadone presso la ASL. [Nella fattispecie, pertanto, non è viziato il provvedimento che nega il rinnovo del permesso per lavoro senza esaminare la possibilità di rilasciare il titolo per cure mediche al ricorrente il cui stato di tossicodipendenza è accertato dal programma di cura in corso.] TAR Toscana, sez. II, 14 gennaio 2021, n. 69 (n. 377) Il Tribunale Amministrativo Regionale per la To...
TAR Toscana, sez. II, 14 gennaio 2021, n. 69

11/1/2021 - Italiana - Amministrativo - CGA Regione siciliana
Gli artt. 5, par. 2, TUI e 9 d.p.r. 394/1999 individuano l’ufficio competente al rilascio o al rinnovo del permesso di soggiorno in base alla situazione del richiedente al momento della presentazione dell’istanza, consentendo così di evitare alla PA gli aggravi connessi a eventuali trasferimenti dello straniero e senza che ciò ostacoli la tutela della posizione di quest’ultimo (potendo adempiere i propri oneri istruttori anche da un luogo diverso). Ne segue che il trasferimento dell’istante in un diverso comune nel corso del procedimento non determina l’incompetenza dell’ufficio ...
Consiglio di giustizia amministrativa per la Regione Siciliana, 11 gennaio 2021, n. 18

8/1/2021 - Italiana - Amministrativo - TAR
La tutela rafforzata dello straniero ex art. 5, co. 5, TUI, riguarda esclusivamente le categorie di familiari indicate nell’articolo 29, anche ove non vi sia stata una formale richiesta di ricongiungimento familiare. Tra tali parenti non rientrano i collaterali o la persona con cui lo straniero ha instaurato una relazione affettiva senza convivenza: la tutela del diritto all’unità familiare, imposta dall’articolo 8 della Convenzione europea dei diritti dell’uomo e dalla giurisprudenza della Corte EDU, riguarda infatti rapporti qualificati ed effettivi. TAR Lombardia, sez. I, 8 gennaio...
TAR Lombardia, sez. I, 8 gennaio 2021, n. 44