Indice di recerca: Reati e processo penale - Reati in generale; reati già previsti dal T.U.L.P.S. (1994/1997)

Sono state trovate 178 decisioni - Pagina 7 di 18

11/4/2014 - Italiana - Penale - Cassazione
È confermata la misura cautelare degli arresti domiciliari a carico del poliziotto che falsificava documenti per cittadini extracomunitari. Infatti, l’indiscutibile gravità e pluralità dei reati commessi con abuso delle funzioni e dei connessi poteri dall’agente in un arco temporale non breve e nel quadro di una metodica esecutiva appare allarmante e non frutto di occasionalità o di casuale incapacità di respingere sporadiche profferte di denaro provenienti da cittadini stranieri. D’altra parte, la gravità è una delle componenti degli indici di consistenza delle esigenze cautelari...
Corte di cassazione, sez. VI penale, sent. n. 16176 dell’11 aprile 2014

18/3/2014 - Italiana - Penale - Cassazione
In tema di misure di sicurezza, qualora lo straniero sia condannato per reati di spaccio di sostanze stupefacenti, il giudice di merito ha il dovere di accertare in concreto - non sussistendo la presunzione assoluta di pericolosità - la sussistenza della pericolosità sociale del condannato per i suddetti reati ed alla stregua di tale accertamento, compiuto alla luce degli elementi indicati dall'art. 133 c.p., e congruamente motivato, deliberare l'applicabilità o meno dell'ordine di espulsione dello straniero dallo Stato (Nella specie la sentenza impugnata ha offerto congrua motivazione in r...
Corte di cassazione, sez. IV penale, sent. n. 12741 del 18 marzo 2014

4/3/2014 - Italiana - Penale - Cassazione
Non commette il reato di sottrazione di minori la donna che nasconde al marito il vero motivo per il quale espatria con il figlio minore. Infatti, il conciso riferimento ad un particolare della vicenda, riguardante solo una parte della contestazione (art. 574 c.p.) non può dirsi idoneo a soddisfare le esigenze di un’adeguata argomentazione, traducendosi nel vizio di carenza assoluta di motivazione ex art. 125 c.p.p. che impone l’annullamento della decisione impugnata nella parte relativa alle statuizioni di carattere civile. Corte di cassazione, sez. VI penale, sent. n. 10278 del 4 marzo ...
Corte di cassazione, sez. VI penale, sent. n. 10278 del 4 marzo 2014

27/2/2014 - Italiana - Penale - Cassazione
È illegittima la confisca dei passaporti se manca il nesso pertinenziale tra il reato e il documento. Infatti, è dirimente la considerazione secondo la quale la confisca dei passaporti, documenti personali rappresentativi del diritto di libera circolazione degli imputati, ha fatto trasmodare l’espropriazione dalla sua natura e funzione sanzionatoria patrimoniale reale conferendo ad essa quella cautelare limitativa “sine die” della libertà dei predetti, ponendosi al di fuori dei casi in cui tali misure , per loro natura temporanee, sono previste e disciplinate dalla legge. Corte di cas...
Corte di cassazione, sez. VI penale, sent. n. 9760 del 27 febbraio 2014

21/1/2014 - Italiana - Penale - Cassazione
È rigettato il ricorso avverso la pronuncia di non luogo a procedere nei confronti degli stranieri per i reati di cui all'art. 270 bis commi 1, 2, 3 cp (associazione con finalità di terrorismo internazionale) e di estorsione continuata in concorso. Infatti, il reato in contestazione prevede un dolo specifico che consiste nella consapevolezza e volontà indirizzate al perseguimento della peculiare finalità di terrorismo che connota l'associazione (nel caso di specie, è mancata la prova che la raccolta dei fondi o la fornitura di documenti falsi fossero dimostrative della consapevole volont...
Corte di cassazione, sez. V pen., sent. n. 2843 del 21 gennaio 2014

7/1/2014 - Italiana - Penale - Cassazione
È annullata la sentenza di merito che aveva assolto l’imputata dal reato di favoreggiamento alla prostituzione, per il fatto di non aver fornito alcun contributo causale alla attività di prostituzione di un’amica straniera, poiché la stessa si limitò a presentare l’amica alla gerente la casa di prostituzione. Infatti, è principio consolidato quello secondo il quale il reato di favoreggiamento della prostituzione si concretizza ogni qualvolta un soggetto ponga in essere una qualsiasi attività per agevolarne l’esercizio e si richiede in capo all’agente, quale elemento psicologico...
Corte di cassazione, sez. III penale, sent. n. 120 del 7 gennaio 2014

18/12/2013 - Italiana - Penale - Cassazione
Non possono essere applicate le aggravanti della premeditazione e dei futili motivi al padre di fede islamica che cerca di uccidere la figlia diciassettenne, provando a soffocarla con una busta di plastica, perché lo aveva “disonorato” intrattenendo una relazione sessuale con un ragazzo italiano. Infatti, la circostanza aggravante della premeditazione è integrata da due elementi: uno, psicologico, consistente nel perdurare, nell’animo del soggetto, di una risoluzione criminosa ferma e irrevocabile; l’altro, cronologico, rappresentato dal trascorrere di un intervallo di tempo apprezza...
Corte di Cassazione, sez. I penale, sent. n. 51059 18 dicembre 2013

26/9/2013 - Italiana - Penale - Cassazione
Il solo dato ponderale della sostanza stupefacente (e, dunque, l’eventuale superamento dei limiti tabellari indicati dall’art. 73 co. 1 bis lett. a) d.P.R. n. 309/1990) non determina alcuna presunzione di destinazione della droga ad un uso non personale, potendo essere considerato solo come un indizio a carico dell’indagato. Infatti, è onere dell’accusa dimostrare la detenzione della droga per un uso diverso da quello personale (nella specie, tuttavia, è stato dimostrato ampiamente come l’arrestato, cittadino straniero senza fissa dimora in Italia e senza alcuna stabile occupazione...
Corte di cassazione, sez. VI penale, sent. n. 39977 del 26 settembre 2013

31/7/2013 - Italiana - Penale - Cassazione
Costituisce un’associazione a delinquere finalizzata all’incitamento ed alla violenza per motivi razziali, etnici e religiosi, la struttura che utilizza la gestione del blog per tenere i contatti tra gli aderenti, fare proselitismo, anche mediante diffusione di documenti e testi inneggianti al razzismo, programmare azioni dimostrative o violente, raccogliere elargizioni economiche a favore del forum, censire episodi o persone (“traditori” e “delinquenti italiani”, perché avevano operato a favore dell’uguaglianza e dell’integrazione degli immigrati). Pertanto, correttamente il ...
Corte di cassazione, sez. III penale, sent. n. 33179 del 31 luglio 2013

15/7/2013 - Italiana - Penale - Cassazione
In riferimento al reato di lesioni personali aggravate dalla finalità di odio razziale, la manifestazione di un sentimento di avversione o discriminazione razziale, oggettivamente percepibile come tale nel comune sentire, è di per sé sufficiente a far scattare l’aggravante del reato commesso per finalità di odio razziale. Pertanto, qualora l’agente nel commettere il reato scelga consapevolmente modalità fondate sul disprezzo razziale deve ritenersi che lo stesso persegua la finalità che caratterizza l’aggravante in questione a prescindere dal movente che ha innescato la condotta e ...
Corte di cassazione, sez. V penale, sent. n. 30525 del 15 luglio 2013