Il Codice dell'immigrazione

Aggiornato con il decreto legge 4 ottobre 2018, n. 113

 

Il decreto legge 4 ottobre 2018, n. 113, apporta numerose modifiche alla normativa vigente in materia di immigrazione, protezione internazionale e cittadinanza.

Risultano modificati i seguenti articoli del Testo unico immigrazione: 5, 6, 9, 10 bis, 13, 14, 18, 18 bis, 19, 22, 27 ter, 27 quater, 29, 34, 39; inseriti nel medesimo TUI gli articoli 20 bis e 42 bis; modificati gli articoli 11, 13, 14 e 28 del Regolamento di attuazione.

In ambito protezione internazionale ed umanitaria risultano modificati i seguenti testi: 1) decreto-legge 30 dicembre 1989, n. 416 (art. 1 sexies); decreto legislativo 19 Novembre 2007, n. 251 (artt. 9, 12, 15, 16); decreto legislativo 28 gennaio 2008, n. 25 (artt. 3, 4, 7, 13, 23 bis, 28, 28 bis, 29, 29 bis, 32, 33, 35); d.P.R. 12 gennaio 2015, n. 21 (artt. 6, 14); decreto legislativo 1 settembre 2011, n. 150 (art. 19 ter); decreto legislativo 18 agosto 2015, n. 142 (artt. 4, 5, 5 bis, 6, 8, 11, 12, 14, 15, 17, 20, 22, 22 bis, 23); decreto legge 17 febbraio 2017, n. 13 (artt. 3, 14).

L’ultimo intervento, in questo ambito d’interesse, riguarda la cittadinanza, con la modifica della legge 5 febbraio 1992, n. 91 (artt. 8, 9 bis, 9 ter, e l’introduzione del nuovo articolo 10 bis).

Le nuove disposizioni sono operative dal 5 ottobre e per questo motivo la Redazione ha profuso il massimo impegno per aggiornare tutti i testi del Codice toccati dalle modifiche in modo da fornire agli abbonati a Immigrazione.it nell’immediatezza un valido strumento di lavoro.

Agli operatori ed ai cultori della materia che non sono abbonati desideriamo segnalare l’opportunità di sottoscrivere un abbonamento mensile al costo di € 30,00 che consentirà di accedere al Codice e a tutte le altre risorse della Rivista per trenta giorni.